A cosa serve l’olio essenziale di salvia: tutte le proprietà

Tra i prodotti naturali più interessanti, l'olio essenziale di salvia vanta numerose proprietà antibatteriche, astringenti e seboregolatrici.

L’olio essenziale di salvia è un prodotto naturale molto utilizzato, con numerosi benefici per la nostra salute e relativamente poche controindicazioni. Questo olio essenziale è utilizzato sia come rimedio naturale per il nostro organismo che come prodotto cosmetico, sia in cucina per piatti raffinati. Si ottiene distillando le foglie e i fiori di diverse varietà di salvia: le due più comuni sono la salvia officinale e la salvia sclarea.

Le sostanze prodotte da entrambe queste tipologie vantano numerose proprietà benefiche come ad esempio quelle antibatteriche e antivirali. Presentano anche numerosi vantaggi riducendo i disturbi legati al ciclo mestruale o alla menopausa. Questo è uno dei motivi per cui la salvia viene da sempre utilizzata nel mondo femminile. È anche un ottimo toccasana per l’apparato cardiovascolare. Eppure questa pianta se consumata in eccesso può comportare diverse controindicazioni.

Olio essenziale di salvia: benefici e controindicazioni

L’olio essenziale di salvia officinale è utilizzato per diverse necessità. Prima fra tutte è l’utilizzo al femminile: riduce disturbi mestruali e allevia la menopausa. Infatti tra i suoi effetti compaiono quello di aiutare a regolarizzare il ciclo mestruale e quello di ridurre dolore e vampate di calore. Vanta anche numerose proprietà antivirali, antimicotiche e soprattutto antibatteriche. L’olio essenziale di salvia infatti è un ottimo prodotto per risolvere herpes e candida.

È possibile applicarlo localmente diluendolo con dell’olio vegetale. In questo caso sarà utile per trattare herpes labiale o per attenuare i problemi di respirazione.

Un altro utilizzo possibile sempre per quanto riguarda i problemi respiratori, è quello di diffondere l’olio essenziale di salvia utilizzando un diffusore qualsiasi. È sconsigliabile assumere questo prodotto per via orale ma, nel caso dobbiate farlo, mi raccomando rivolgetevi a un medico. Quest’ultimo utilizzo è impiegato per migliorare i processi digestivi stimolando la produzione di bile.

Tra le controindicazioni dell’olio di salvia officinale: se preso in dosi eccessive risulta neurotossico e abortivo. Perciò assolutamente non va utilizzato durante la gravidanza. Anche chi soffre di ipertensione o epilessia dovrebbe evitare questo prodotto. In ogni caso bisogna fare attenzione quando si ingerisce.

Un’altra possibilità è rappresentata dall’olio essenziale di salvia sclarea che ha minori controindicazioni. Così come il precedente, l’olio di salvia sclarea è utile in caso di dolori dovuti al ciclo mestruale o alla menopausa. È un prodotto perfetto per alleviare i problemi circolatori e risolvere le emorroidi. Anche quest’olio è utilizzabile applicandolo localmente sul corpo e massaggiando. Basta diluirlo con altri oli vegetali. Ha proprietà astringenti e seboregolatrici quindi è perfetto in ambito cosmetico per pelli grasse. In questo caso puoi aggiungere qualche goccia di olio essenziale a maschere per il viso oppure a gel di Aloe Vera per i capelli. Anche questo olio è assolutamente da evitare durante la gravidanza e anche i bambini è bene che non utilizzino. Nonostante ciò, rispetto alla versione di salvia officinale, l’olio essenziale di salvia sclarea è meno pericoloso.

Scritto da Amos Granata
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Eccesso di sebo: cause e rimedi per la pelle grassa

Dieta iposodica: cos’è e come funziona

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.