Panca a inversione gravitazionale per ernia iatale

Inversion_table2

La panca a inversione gravitazionale può essere un valido metodo per curare l’ernia iatale in modo naturale? Come funziona?

Come noto, infatti, questa patologia non si può curare con determinati farmaci, ma solo andando ad agire sui sintomi. L’unico sistema, quindi, sembra essere quello dell’operazione, per risolvere il problema alla radice.

Esercizi per ernia iatale

Esistono molti esercizi che possono essere svolti per la cura dell’ernia iatale. Quali possono essere? Vediamoli assieme. Generalmente, viene attuata quella che si chiama RPG, ovvero la Rieducazione Posturale Globale. Essa permette di andare a risolvere il problema che ha portato, nel tempo, all’insorgenza dei sintomi come reflusso gastroesofageo o di un’ernia iatale. Quando avviene questo trattamento, spesso vengono valutate le posture del paziente. Lo scopo sarà, quindi, quello di capire quali sono le varie alterazioni della struttura del nostro corpo, che potrebbero essere in relazione con il problema gastro-esofageo di cui si sta soffrendo.

Una volta stabilito questo, viene poi elaborato il trattamento per poter riportare nel giusto equilibro le componenti per andare a correggere il disturbo. Ma come avviene questo trattamento in particolare? Il paziente viene messo in posizione supina e viene effettuato un particolare lavoro respiratorio, per permettere il rilasciamento del diaframma, nonché l’allungamento e la flessibilità di esso. In questo modo, tale muscolo deve poter rientrare in un rapporto giusto tra l’esofago e lo stomaco, andando così a migliorare i problemi legati al reflusso. Questi tipi di esercizi, una volta spiegati nel dettaglio da esperti, possono e devono essere svolti anche a casa e non solo nel trattamento in studio, per poter mantenere le correzioni nel tempo. Per ottenere buoni risultati, vengono in genere ripetuti per 4 volte alla settimana. Grazie a questa tecnica di fisioterapia, sarà possibile eliminare od allontanare i fastidi che portare all’ernia iatale. Si va ad agire sulla causa, quindi, e questo metodo è molto funzionante.

Come curare l’ernia in modo naturale

Curare definitivamente un’ernia iatale, una volta che questa è comparsa, non è possibile.

Questa, infatti, è riguarda un processo irreversibile, che dipende dal passaggio di una parte dello stomaco attraverso lo iato esofageo o diaframmatico, ovvero il punto in cui l’esofago si unisce allo stomaco. In genere è associata a reflusso acido, derivante dall’incontinenza dello sfintere esofageo inferiore. Esistono di differenti tipi e adottando un buono stile di vita, assieme ad una dieta controllata, è possibile prevenirla, adottando alcuni sistemi di prevenzione e si può comunque agire sui sintomi di essa, come abbiamo visto. Spesso questa malattia apporta eccessi di acidità nel nostro stomaco. Dobbiamo cercare, quindi, di evitare tanti elementi che possono essere particolarmente acidi, come i grassi, le proteine animali, le fritture, sale e zucchero, i latticini. E’ meglio consumare cibi ricchi di flavonoidi e che hanno un carattere alcalino, come i frutti rossi, i fichi, l’uva, le carote, la lattuga, gli spinaci, i cetrioli, il sedano e le rape. Molto utile è anche usare acqua che abbia un PH piuttosto basico.

Le acque con bicarbonato, infatti, sono molto utili. Si può fare anche dei bagni in acqua con bicarbonato, per migliorare la nostra situazione. L’acqua termale può farci molto bene e, dobbiamo inoltre considerare, che l’acqua di mare è alcalinizzante. Bagni di acqua di mare non ci potranno certo far male, in questi casi. Anche l’assunzione di silicio è ottima per migliorare le condizioni di pelle, capelli e unghie. In genere si preferisce l’assunzione di silicio liquido. Dobbiamo, inoltre, considerare il consumo di alimenti che proteggono e rigenerano la mucosa gastrica, come la vitamina C, il succo di carota, l’aloe vera, i semi di lino, la piantaggine, l’altea comune.

Cos’è la panca a inversione gravitazionale

La panca ad inversione gravitazionale è un oggetto che serve per alleviare i dolori alla schiena. E’ utile, quindi, per alleviare i sintomi dei dolori da ernia, ma non è utile per l’ernia iatale, che è un tipo di ernia differente. Questo attrezzo viene usato per andare a migliorare la trazione della spina dorsale: in questo modo si andrà ad alleggerire il peso a carico della schiena.

Non è, quindi, un attrezzo ginnico comune, ma viene usato per curare alcuni tipi di patologie.

Questo tipo di attrezzo può portare sicuramente dei benefici. In generale, però, dobbiamo considerare che questa può avere anche un grande numero di controindicazioni. Intanto, non è indicata per coloro che soffrono di problemi al cuore. Il suo utilizzo, infatti, determina un innalzamento della pressione sanguigna, con tanto di tensione dei nervi da una parte del corpo. Tra le controindicazioni, oltre alla fuoriuscita di ernia iatale, si può avere il distacco della retina, alcuni casi di congiuntivite, l’ictus celebrale e altri disturbi che possono essere anche gravi. Proprio per questo motivo, prima di usarla è necessario chiedere consiglio al nostro medico, che analizzerà attentamente il nostro quadro clinico prima di consigliarci l’uso o l’acquisto di questo strumento.

Come funziona, modelli e costi

Ma come funziona la panca ad inversione gravitazionale? Questo attrezzo va ad agire utilizzando la forza di gravità. Il soggetto sarà messo a testa all’ingiù, secondo l’inclinazione desiderata. Questo oggetto in genere è presente un po’ il tutte le palestre, ma può essere utilizzato anche a casa. Ovviamente, però, vi sono delle indicazioni da seguire, per evitare problematiche. In caso di ernia del disco, le persone possono davvero trovare sollievo per risolvere molti dolori, specialmente quelli alla schiena. Sono proprio i medici che, spesso, consigliano l’uso di questo attrezzo. Si apporta un grande sollievo nel paziente: la posizione a testa in giù, infatti, aiuta nella distensione dei nervi della schiena e, in questo modo, si potrà sentire meno dolore. I medici, però, non hanno ancora dimostrato scientificamente i benefici di questo attrezzo e ci vanno, quindi, ancora molto cauti.

Esistono molti modelli di panca ad inversione gravitazionale. In internet, ad esempio, ne possiamo trovare di molteplici e di differenti costi. Dobbiamo inoltre considerare che, se andiamo ad acquistarla su Internet, ci sarà la possibilità di risparmiare considerevoli somme di denaro. Sul web, infatti, abbiamo spesso la possibilità di andare incontro a numerosi sconti e offerte. In genere, i prezzi di questi oggetti vanno intorno ai 100 euro: ovviamente, poi, dipende da che tipo di oggetto avete intenzione di acquistare, più o meno sofisticato. Le migliori sono anche regolabili in base alle altezze: si va da un minimo di 150 cm a un massimo di 198, all’incirca. Hanno, inoltre, anche una portata di carico massima che, in genere, è molto elevata. Si va, infatti, spesso intorno a 120-130 kg, anche se alcuni ne prevedono ancora di più. Spesso hanno molti livelli di regolazione d’altezza e anche diverse posizioni del rullo, che ci permettono di controllare velocità e rotazione a seconda delle nostre esigenze personale. Le panche da allenamento spesso sono costruite in acciaio molto resistente e robusto, che ha anche delle giunture autobloccanti, per permettere un livello di stabilità e sicurezza in sede di utilizzo. In genere, per permettere un grande comfort negli esercizi, questi oggetti sono anche dotati di imbottitura in schiuma. I migliori oggetti in circolazione, inoltre, sono dotati di cinghie di sicurezza per il maggior comfort della persona che usufruisce di questi attrezzi. Alcune sono richiudibili e in acciaio verniciato con polveri epossidiche. In alcuni casi, sono dotate di cavigliere ferma piedi che sono regolabili, con tanto di spugne per un maggiore comfort.

Oltre a quelli già indicati, esistono altri casi in cui l’utilizzo delle panche ad inversione gravitazionale sono controindicati, come l’infezione dell’orecchio medio, la gravidanza, l’obesità, il glaucoma chiuso o aperto, l’ipertensione, determinati traumi alla schiena, come ad esempio a carico del rachide, attacco ischemico transitorio (chiamato anche TIA), ictus recente, protesi ossee, fratture recenti e terapie anticoagulanti in atto. Abbiamo visto, inoltre, come nel caso di ernia iatale, tale attrezzo sia proprio controindicato. Nel caso in cui soffriamo di questa patologia, meglio cercare altri metodi, come quelli più naturali, che ci possono permettere di migliorare i sintomi della nostra malattia in questione.

Abbiamo visto come sia particolarmente difficile curare un’ernia iatale una volta che questa si presenta. E’ possibile, però, adottare tutta una serie di accorgimenti vari per la prevenzione di questa malattia che, una volta, insorta, si risolve definitivamente soltanto con l’operazione. Esistono alcuni farmaci che permettono di agire sui sintomi, senza però andarli a curare. Esistono, inoltre, alcuni rimedi naturali che ci permettono di sentirci meglio, se vogliamo evitare l’assunzione di farmaci chimici. L’utilizzo di attrezzi come la panca ad inversione gravitazionale, però, potrebbe essere controindicata in caso di ernia iatale, come abbiamo avuto modo di vedere. E’ molto consigliata, invece, in altri casi di ernia, come quella del disco, per poter contrastare efficacemente il dolore. In caso di ernia iatale, si può avere un miglioramento delle condizioni generali grazie alla fisioterapia, come abbiamo visto. Questo tutto ciò che dobbiamo sapere nel caso in cui siamo sofferenti di ernia iatale: sarà vostra cura rivolgervi ad un medico che saprà darvi tutte le informazioni del caso necessarie al miglioramento delle vostre condizioni, senza necessariamente arrivare ad un’operazione. L’unico modo, però, per risolvere il problema alla radice sembra davvero essere l’operazione, in quanto un’ernia iatale non tornerà mai definitivamente indietro, una volta che si è presentata.

© Riproduzione riservata
Leggi anche