Notizie.it logo

Perché qualcuno dovrebbe voler mangiare la propria placenta

placenta

L'assunzione di capsule contenenti placenta umana può aiutare le neomamme a evitare problemi come la depressione post-partum.

I multivitaminici dopo il parto sono stati a lungo un punto fondamentale per le neo mamme, ma molti stanno aggiungendo anche capsule di placenta nel mix. Sì, le mamme stanno assumendo le loro placente conservate e incapsulate. Ma perché qualcuno dovrebbe voler consumare il, fino a poco tempo prima, proprio organo interno? Ci sono delle spiegazioni dietro a questa insolita azione. Vediamole insieme.

Pillole di placenta

Si dice che l’ingestione di queste pillole di placenta impedisca la depressione post-partum. Un problema che colpisce una su nove nuove mamme. Le capsule aumentano la produzione di latte e quella di ormoni benefici per ridurre lo stress. Riduce anche i livelli di ossitocina, che migliora il processo di legame madre-bambino e aiuta l’utero a contrarsi in maniera normale, tornando alle dimensioni pre-gravidanza.

Uno dei principali ostacoli per l’industria, tuttavia, è che nessuno studio scientifico è stato in grado di confermare alcun beneficio, con tutte le prove che attualmente sono solo di natura aneddotica.

La placenta svolge funzioni molto importanti quando si trova nell’utero. Una di queste è lo scambio di sostanze nutritive, di scarto e sangue tra madre e figlio. Dopo la nascita viene rapidamente reso non più utile ed espulso dal corpo della madre. Durante il processo di incapsulamento, viene completamente cotta a vapore, asciugata e infine macinata in capsule che la madre può ingerire.

Jenny Bennett, una educatrice alla nascita, con Expecting the Best Birth ha assunto capsule di placenta dopo il parto del suo secondo figlio e descrive un miglioramento significativo nel suo umore post-partum in un’intervista via email.

“La placenta contiene molti ormoni. Ho sentito che aiutava a trovare un equilibrio migliore di quello che avevo avuto in precedenza con il mio primo figlio, quando non l’avevo incapsulata”, spiega.

Pratica vecchia secoli

Il consumo di placenta non è certo una pratica nuova. Negli ultimi anni ha raccolto un seguito occidentale, con un aiuto particolare da celebrità come Kim Kardashian. L’attrice ha comunicato sul suo blog di aver incapsulato la sua. È stato a lungo un punto fermo della medicina cinese, risalente a secoli fa. Ha anche radici nella natura. “La teoria dice che gli umani sono gli unici mammiferi che non assumono comunemente la placenta dopo la nascita. E’ interessante pensare allo scopo biologico del farlo”, spiega Bennett. “In natura viene assunta per un motivo.

Sbarazzarsi del suo odore al fine di scongiurare i potenziali predatori, ma è anche possibile che ci siano altri benefici legati al periodo post-partum.”

Gli standard moderni per gli specialisti professionali di incapsulamento sono in genere rigorosi. Le due principali organizzazioni certificate sono l’Association of Placenta Preparation Arts (APPA) e l’International Placenta and Postpartum Association (IPPA). Secondo Jules Gourley, proprietario e direttore dell’APPA, il curriculum comprende educazione all’anatomia della placenta, protocolli di sicurezza e igiene, processo di incapsulamento, ricerca attuale disponibile e disturbi post-partum dell’umore. Gli studenti devono anche completare l’addestramento patogeno ematico e incapsulare con successo tre placente prima di ricevere la certificazione. Ci vogliono dai sei mesi a un anno per completare il programma.

I rischi

Recentemente, l’industria è stata sottoposta a un controllo approfondito, a causa della diagnosi di un bambino dell’Oregon.

Il piccolo presentava una batteriemia del gruppo B Streptococcus agalactiae (GBS), che è stato rintracciato nelle capsule di placenta. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) hanno emesso un avviso contro l’ingestione di placenta, dicendo: “Il processo di incapsulamento della placenta non di per sé sradica gli agenti patogeni infettivi, quindi l’ingestione della capsula della placenta deve essere evitata.”

Nonostante questo, gli appassionati di capsule di placenta sono riluttanti a sbarazzarsi di essa dopo la nascita. È stato notato che l’infezione nel caso Oregon era apparentemente presente dal momento della nascita. Avrebbe dovuto essere presa prima della trasformazione. “Le infezioni sono una controindicazione per l’incapsulamento. Questo include qualsiasi infezione materna o neonatale durante o immediatamente dopo il parto”, spiega Gourley.

Ha sottolineato anche altre circostanze precludono l’ingestione della capsula. “Le infezioni (come la mastite) nel periodo post-partum indicano che le capsule dovrebbero essere sospese temporaneamente. A causa della mancanza di ricerche, i pazienti che hanno malattie croniche e/o assumono farmaci dovrebbero discutere il consumo di placenta con i loro medici”.

Le parole dei medici

Le mamme che vogliono perseguire l’assunzione della placenta, dovrebbero evitare il rischio, dove possibile. Non tentare di creare capsule fai da te, e ricerca e trova accuratamente un professionista rispettabile che guardi alla sicurezza. “Uno specialista esperto si assicurerà che la placenta sia a una temperatura adeguata fino al suo trattamento, verificherà la salute della placenta e l’appropriatezza dell’ingestione, assicurerà le corrette tecniche di trattamento e sarà in grado di fornire consigli sull’uso delle capsule”, dice Mandolin Restivo-Walsh, doula e specialista in placenta con nascita cerebrale nel nord della Virginia.

“Raccomando l’assunzione delle capsule che vengono processate vaporizzando e disidratando la placenta, oppure con il calore e disidratando la placenta a 71 gradi. Entrambi i metodi forniscono protezione contro i batteri”, spiega. Il CDC dice, tuttavia, che non esistono standard per il suo trattamento e consumo, e che il riscaldamento a 54 gradi per 121 minuti è necessario per ridurre i batteri della salmonella.

Dati gli aspetti non indagati, è probabilmente meglio solo assumere capsule per il momento. Sono una delle uniche due forme raccomandate dall’APPA (raccomanda anche le tinture madre di placenta). Gourley nota che alcune madri scelgono ancora di percorrere la via meno convenzionale.

“Alcune madri possono scegliere di consumare la placenta cruda in frullati, altre la cucinano come farebbero con un’altra carne”, dice. “Mentre l’APPA non accetta il consumo che non sia materno, in alcune culture viene consumata dai membri della famiglia, come il padre, le sorelle o anche in alcuni casi dai parenti. Abbiamo anche sentito parlare di alcuni atleti che utilizzano la placenta per scopo nutrizionale e come supplementi ormonali.”

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche