Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Perché i rumori forti fanno fischiare le orecchie?

orecchie

Vediamo a cosa è dovuto il famoso ronzio nelle orecchie che si sente dopo un evento rumoroso, e in che modo preservare la salute di questa parte del corpo

Quando partecipiamo ad eventi caratterizzati da rumori o suoni forti, è molto comune sentire subito dopo un particolare ronzio o un fischio nelle orecchie. Vediamo perché avviene questo fenomeno e se può avere conseguenze gravi.

Orecchie: cellule ciliate

I livelli di rumore molto forti possono danneggiare parti interne delle nostre orecchie chiamate cellule ciliate. Le cellule ciliate agiscono come guardiani del nostro udito. Quando le onde sonore le colpiscono, convertono quelle vibrazioni in correnti elettriche che i nostri nervi uditivi portano al cervello. Le cellule ciliate risiedono all’interno dell’orecchio nella coclea, che ha la forma di una chiocciola. Fasci di estensioni simili ai capelli chiamate stereociglia, risiedono sopra di esse.

Quando le onde sonore viaggiano attraverso l’orecchio e raggiungono le cellule ciliate, le vibrazioni vengono deviate dalle stereociglia, che si muovono a seconda della forza e del tono della vibrazione. Ad esempio, un tono melodico di un pianoforte produrrebbe un movimento delicato delle stereociglia, mentre il metallo pesante genererebbe un movimento più veloce e più brusco.

Questo movimento innesca una corrente elettrochimica che attraverso i nervi uditivi invia l’informazione dalle onde sonore al cervello.

Orecchie: rumori forti

Quando senti rumori particolarmente forti, le tue stereociglia vengono lese e continuano erroneamente a inviare informazioni sonore alle cellule nervose uditive. Nel caso di concerti di musica rock e di fuochi d’artificio, il ronzio si verifica perché le estremità di alcune delle stereociglia si sono effettivamente spezzate. Nel ronzio che hai in testa, senti quelle false correnti chiamate tinnito, comunemente chiamato fischio nell’orecchio. Tuttavia, dal momento che è possibile far ricrescere queste piccole estremità in circa 24 ore, il ronzio è spesso temporaneo.

Nel caso in cui il fischio persista per più di 24 ore, è il caso di consultare un medico. Alcune parti interne più delicate potrebbero aver subito un danno più grave che richiede un trattamento specifico.

Orecchie: salute e prevenzione

Se ci tenete alla salute delle vostre orecchie, è importante salvaguardarle. Basterà fare attenzione ad alcune abitudini quotidiane per assicurare alle vostre cellule cigliate una vita lunga e sana.

Ecco alcune accortezze utili:

  • Non usare i bastoncini di cotone per pulire le orecchie. Da anni ormai si sa che questo metodo non è efficace e, anzi, rischia di provocare più danni che benefici.
  • Non mettersi le dita nell’orecchio. Oltre che per una questione di educazione, non dovreste farlo anche per igiene. Sulle dita delle mani infatti sono presenti molti batteri che “raccogliamo” nel corso della giornata. Bisogna quindi fare attenzione a non trasferire questi microbi direttamente all’interno dell’orecchio. Inoltre si corre il rischio di tagliare la pelle dell’orecchio con le unghie o di spingere il cerume superficiale più in fondo, verso l’orecchio interno.
  • Non ascoltare la musica a volume molto alto, soprattutto con le cuffie.
  • Non usare graffette, spilli o altri oggetti impropri al posto degli orecchini.
© Riproduzione riservata
Leggi anche