Semi ; Lino

Costituiscono un’ottima fonte di fibre, acidi grassi essenziali alfalinoleico e alfa linoleinico. e di vitamine e minerali e contengono inoltre pochissimo sodio e colesterolo.

20 gr apportano circa 54,7 calorie, 3 gr di carboidrati, 1,9 gr di proteine, 0,8 gr di grassi monoinsaturi, 2,9 gr di polinsaturi e 0,4 gr di grassi saturi.

I semi di lino costituiscono la migliore fonte di lignani, 0,3 gr per 100 gr. Si tratta di fitoestrogeni con qualità antiossidanti e dalle proprietà angiogeniche, prevengono quindi la formazione di nuovi tumori nei vasi sanguigni.

Il contenuto di omega 3 inoltre aiuta a ridurre la crescita delle cellule tumorali e a proteggere la salute del cuore.

Vale la pena quindi consumare semi di lino soprattutto perchè gli omega 3 possono essere assunti solo attraverso gli alimenti in quanto il nostro organismo non è in grado di produrli.

I semi di lino dunque, ne costituiscono un’ottima fonte.

Le fibre contenute nei semi di lino sono solubili e insolubili. Le prime si sciolgono a contatto con l’acqua formando una massa gelatinosa che aiuta ad abbassare il colesterolo ed il glucosio. Le fibre insolubili assorbono i liquidi e quindi aiutano a ripulire più velocemente il tratto digerente.

Questi preziosi semi, tra le altre proprietà, hanno quella di abbassare i livelli di colesterolo, di prevenire le vampate di calore in menopausa e di regolare i livelli di zucchero nel sangue.

Interessanti le proprietà antinfiammatorie a antiossidanti a protezione della pelle contro i danni provocati da radicali liberi.

I semi di lino possono essere usati con successo da chi soffre di stitichezza, basta consumarne due cucchiai a colazione con un bicchiere di acqua oppure metterli a bagno in un bicchiere d’acqua lasciandoli in ammollo tutta la notte. Al mattino i semi avranno rilasciato mucillagini nell’acqua per cui bevendo a digiuno la stessa acqua dopo averla filtrata si favorirà il transito intestinale.

Possono inoltre essere aggiunti ai cereali del mattino per ottenere gli stessi effetti. Tuttavia non bisogna eccedere nel consumo pena la nausea, flatulenza e gonfiore per l’alto contenuto di fibre.

Foto/via Pinterest di Vegan Love
Foto/via pinterest di Voir.it

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ottimizzare la preparazione

Nucleare, partecipa al nostro sondaggio: sei favorevole o contrario?

Leggi anche
Contents.media