I sintomi del potassio basso: cosa sapere

Il potassio basso si manifesta con alcuni sintomi che permettono di riconoscere e affrontare questo genere di problema.

Il potassio basso è un problema che si manifesta con alcuni sintomi generici che, insieme, rendono chiara la situazione. Riconoscendo questi sintomi si potrà dunque agire prontamente per aumentare il livello di potassio e tornare dunque a stare bene.

Potassio basso e crampi

In caso di potassio bassi è frequente soffrire di crampi. Questa sostanza infatti è in grado di dilatare i vasi sanguigni e quindi risulta essenziale quando si pratica attività fisica. Un basso livello di potassio determina un rallenamento dell’attività delle cellule neuromuscolari e i muscoli faticano quindi a contrarsi originando come senseguenza dei dolori e degli spasmi.

Battito irregolare in caso di potassio basso

La carenza di potassio nell’organismo tende a provocare il battito irregolare.

Una delle cause più tipiche delle palpitazioni o di un battito cardiaco irregolare è infatti la carenza di questo importante minerale.

Proprio l’irregolarità dei battiti cardiaci può provocare altri tipi di problemi quali ad esempio le vertigini. Si tratta di un fenomeno che non è molto frequente e proprio per questo nel caso compaia è necessario rivolgersi immediatamente al proprio medico curante per poter comprendere al meglio la situazione.

Gli altri sintomi del potassio basso

Il potassio basso si manifesta anche attraverso altri sintomi quali, ad esempio, la stanchezza. Nel caso in cui ci sia una carenza di tale sostanza infatti ci si sente stanchi anche dormendo regolarmente e senza praticare attività particolarmente stancanti dal punto di vista fisico o mentale.

Venendo a mancare il potassio, la prontezza dei riflessi diminuisce e i muscoli perdono di tono. Anche la stitichezza risulta essere una conseguenza in quanto i bassi livelli di potassio portano a un rallentamento delle funzioni dell’apparato digerente.

Può poi esserci anche un aumento del gonfiore e la manifestazione di crampi addominali.

Risultano poi frequenti anche cambi d’umore repentini e difficoltà a restare concentrati.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Acqua calda e limone al mattino: i benefici

Forfora secca e forfora grassa: cosa fare?

Leggi anche
  • defibrillatoreDispositivi salvavita: l’importanza del defibrillatore dae
  • donnaVulvodinia: i rimedi naturali migliori

    Per combattere la vulvodinia è possibile sfruttare i grandi benefici offerti da alcuni rimedi naturali: scopriamo insieme quali sono i migliori.

  • alimentazioneVulvodinia: quali cibi evitare

    Le donne che soffrono di vulvodinia devono prestare grande attenzione alla propria alimentazione: scopriamo quali cibi evitare.

  • Tutto ciò che c'é da sapere sulla vulvodiniaCos’è la Vulvodinia: cause, sintomi e come si cura

    Scopriamo nel dettaglio le possibili cause, tutti i sintomi e la cura per la Vulvodinia, una patologia ginecologica invalidante sotto più aspetti

Contents.media