Tumore all’esofago: cosa c’è da sapere

Tumore all'esofago: quali sono i fattori di rischio e quali i sintomi

L’esofago è rivestito di mucose ricche di ghiandole che producono muco necessario alla lubrificazione delle pareti per facilitare il passaggio del cibo. Un tumore all’esofago è una crescita fuori controllo delle cellule che lo rivestono o di quelle che compongono le ghiandole produttrici di muco. Si tratta della sesta forma tumorale più comune nei paesi industrializzati.

Tumore all’esofago: i fattori di rischio e quali i sintomi

Il tumore dell’esofago colpisce più facilmente gli uomini, si stimano infatti ogni anno in Italia 1500 tumori all’esofago negli uomini a fronte di 600 nelle donne, con un tasso d’incidenza complessivo di un caso ogni 100mila. È un tumore che solitamente si contrae dopo i 60 anni.

Molte le cause scatenanti tra cui le principali sono:

  • La genetica: un tumore che appare nella quasi totalità dei pazienti afflitti da tilosi palmare e plantare, una rarissima malattia ereditaria che provoca un’ispessimento della pelle nel palmo delle mani, nella pianta del piede e da piccoli papillomi nell’esofago.
  • Alcol e tabacco: i fattori più di rischio in assoluto sono l’abuso di alcol e il tabagismo.
  • Infiammazioni croniche all’esofago.
  • Cattiva alimentazione, ovvero una dieta povera di vitamine di frutta e verdura.

Tumore all’esofago: i sintomi

Tra i primi sintomi in fase iniziale la perdita di peso accompagnata da disfagia, ovvero da difficoltà nella deglutizione che compare gradualmente. Anche il dolore a deglutire è un sintomo molto frequente, sopratutto nei casi di tumore ulcerante.

Quando il tumore è in fase avanzata può comparire un calo del tono di voce, tosse frequente, dolori retro sternali e vomito ematico. In alcuni casi compare il gonfiore dei linfonodi del collo provocando difficoltà respiratorie.

Come prevenire il tumore all’esofago

Sicuramente la prima forma di prevenzione è l’eliminare alcol, caffè e sigarette dal quotidiano al fine di prevenire la forma squamocellulare di tumore dell’esofago. Utile anche la riduzione del sovrappeso e l’obesità. Una dieta equilibrata ricca di vitamine e sali minerali a base di alimenti freschi, di stagione e genuini è la migliore forma preventiva se abbinata a uno stile di vita regolare.

Scritto da Chiara Cichero

Lascia un commento

I benefici principali dei cibi di colore arancione

Dieta vegana equilibrata: gli alimenti consigliati

Leggi anche
  • 1216x832 14 08 30 59 686013470Sali minerali: funzioni, eccesso e carenza

    “Gli articolo esplora l’importanza dei sali minerali per la salute umana, evidenziando i rischi di carenze o eccessi e sottolineando l’importanza di un apporto adeguato attraverso una dieta equilibrata e, se necessario, l’integrazione.”

  • 1216x832 11 08 32 31 870870555Stile di vita sano: le abitudini per vivere meglio

    L’articolo suggerisce abitudini per migliorare la qualità di vita, tra cui esercizio fisico, dieta equilibrata, idratazione, crescita personale, pensiero positivo, meditazione e gratitudine, da integrare gradualmente nella routine quotidiana.