Vitamina B12 alta: come intervenire per riportarla alla normalità

Un'alta vitamina B12 può causare offuscamento alla vista, insufficienza epatica, insufficienza renale e coaguli del sangue

La vitamina B12 partecipa a molti processi dell’organismo, ed è quindi fondamentale per il nostro organismo. Tuttavia, avere la vitamina B12 alta comporta dei seri rischi per la salute. Scopriamo perché.

Vitamina B12 alta: quali sono le cause?

La vitamina B12 fa parte delle vitamine idrosolubili ed è fondamentale nel nostro organismo perché partecipa alla risposta immunitaria, è coinvolta nella produzione delle cellule del sangue ed è un elemento fondamentale nel processo metabolico delle proteine.

La vitamina B12 viene assunta giornalmente attraverso l’alimentazione o attraverso integratori appositi ed è raro che si verifichino degli accumuli nell’organismo. Tuttavia, si potrebbe registrare una vitamina B12 alta in caso di problemi renali, che portano ad un accumulo della sostanza nell’organismo.

Una vitamina B12 alta si può registrare anche in caso di malattie epatiche e in alcune forme rare di leucemia.

Vitamina B12 alta: i sintomi

In caso di vitamina B12 alta, compaiono dei sintomi specifici.

Si può verificare quindi insufficienza cardiaca, perché troppa vitamina B12 non consente al cuore di pompare correttamente il sangue. Vi può essere anche insufficienza epatica e renale, perché le cellule di fegato e reni possono essere danneggiate da un eccesso di vitamina B12, causando danni significativi ai due organi.

La vitamina B12 alta può portare anche alla formazione di coaguli nel sangue, estremamente pericolosi per la salute, perché potrebbero causare ictus.

Infine, alti livelli di vitamina B12 possono causare problemi alla vista, causando offuscamento.

Vitamina B12 alta: come intervenire

Un livello normale di vitamina B12 nell’organismo dovrebbe essere tra i 200 e i 900 psicogrammi per millilitro. Per mantenere questo livello costante nel tempo, ed evitare così una vitamina B12 alta, occorre seguire una dieta apposita.

Occorre quindi rinunciare ad alcuni alimenti di origine animale, come latte e derivati, uova, carne e pesce.

Bisogna anche rinunciare ad alcuni vegetali che contengono la vitamina B12 al loro interno, come soia, legumi e germe di grano.

Per ridurre i livelli di vitamina B12 bisogna anche praticare attività fisica, in modo da favorire lo smaltimento attraverso il sudore. Infine, bisogna bere molta acqua, in modo da eliminare l’eccesso di vitamina B12 attraverso le urine.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cocomero, il frutto estivo benefico per la salute

Tè verde contro l’acne: quali sono i benefici del rimedio naturale

Leggi anche
Contents.media