Notizie.it logo

Vomitare bile: scopri che cosa significa

vomitare bile

Può capitare di vomitare bile quando si vomita a stomaco vuoto. La bile si riversa dall'intestino tenue allo stomaco attraverso il piloro

Dopo un’intossicazione alimentare, in alcuni casi anche dopo aver vomitato tutto il contenuto del tuo stomaco, continui ad avere conati. Sei convinto che non possa essere rimasto nulla da vomitare, invece eccoti qui: curvo sopra il gabinetto, mentre espelli muco trasparente e dal sapore amaro. Ciò di cui stai facendo esperienza, cioè vomitare bile, di solito si presenta alla fine di una più grande sessione di rigetto. E nella maggior parte dei casi, non è nulla di cui preoccuparsi. È solo il risultato di vomitare a stomaco vuoto.

Vomitare bile

Densa e appiccicosa con una tinta giallo-verdognola, la bile è prodotta dal fegato, poi secreta e accumulata nella cistifellea. La cistifellea regola il flusso di bile mentre mangi, rilasciandola nel duodeno – il primo e più piccolo segmento dell’intestino tenue – per digerire i grassi. La bile aiuta anche ad eliminare la bilirubina, un prodotto di scarto dei globuli rossi.

Se c’è bile nel tuo vomito, è perché questa dall’intestino tenue è entrata nello stomaco.

Normalmente, il contenuto dello stomaco viaggia attraverso la valvola pilorica, un muscolo a forma di anello nello stomaco, e all’interno dell’intestino tenue, dove si mischia con la bile. La valvola pilorica solitamente si apre di un ottavo di un pollice, rilascia 3,5 millimetri di contenuto dello stomaco, e poi si restringe per recingere l’apertura tra lo stomaco e l’intestino tenue. In ogni caso, ci sono dei casi in cui la valvola pilorica non si chiude completamente, permettendo alla bile di fluire controcorrente dall’intestino tenue all’interno dello stomaco.

Vomitare bile: cause

Questo può accadere in momenti di vomito eccessivo, come quando contrai un virus intestinale (noto come gastroenterite) o prendi un’intossicazione alimentare. Qualche volta, in ogni caso, vomitare bile è il risultato di altre malattie, per esempio il reflusso biliare. È caratterizzato da dolore agli addominali superiori, frequente bruciore gastrico, tosse o raucedine, perdita di peso e vomito di bile giallo-verdognola. Il reflusso biliare può anche essere l’effetto collaterale di operazioni chirurgiche alla cistifellea o al tratto gastrointestinale.

Ma può anche essere causato da ulcere peptiche che bloccano la valvola pilorica.

Anche alcool e allergie alimentari possono provocare vomito di bile in alcune persone. A causa dell’intolleranza all’alcool e a certi cibi, il corpo aumenterà la produzione di bile nel cercare di rimuovere la tossina. Nel caso di allergie alimentari, al vomito seguono difficoltà respiratorie, dolori allo stomaco e reazioni come idrorrea nasale.

In alcuni casi, si potrebbe dare la colpa a un blocco intestinale. Quando l’intestino si attorciglia, il blocco non permetterà al cibo di passare. Causerà così forte dolore, costipazione e vomito di bile, che fa marcia indietro nello stomaco. La sindrome del vomito ciclico (SVC) è un’altra possibilità. È una rara condizione di vomito prolungato che può durare per più di un mese alla volta. Dato che il vomito continua, una persona affetta da SVC inizierà a vomitare bile.

Se inizi a vomitare bile, rivolgiti al tuo medico.

Lui scoprirà se il tuo insieme di sintomi segnala una condizione relativamente inoffensiva, temporanea – o qualcosa di più serio.

© Riproduzione riservata
Leggi anche