Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Parassiti: i cinque più rari che risiedono nel corpo umano

parassiti

I parassiti sono piccoli esseri viventi che infettano il corpo dell'ospite e possono restarci fino a vent'anni. Scopri quali sono i parassiti più rari e pericolosi del mondo

I parassiti sono organismi che dipendono da un altro chiamato ospite per sopravvivere. Vediamo quali sono quelli che interessano direttamente la salute dell’uomo.

I parassiti e l’uomo

Ci sono alcuni tipi di parassiti che causano malattie nell’uomo. Alcuni fanno un nido dentro l’organismo, come la trichinella spiralis, il nematode che normalmente si è contrae mangiando maiale crudo o poco cotto. Questo causa infezioni da trichinellosi. Altri sono parassiti esterni, come la pulce che succhia il sangue. Possiamo distinguere i parassiti in tre macrocategorie:

  • Protozoi: sono organismi monocellulari così piccoli che si ha bisogno di un microscopio per vederli. Si nutrono di batteri e altri microbi, e spesso vivono armoniosamente con noi nel nostro tratto intestinale. Alcuni tipi, tuttavia, causano malattie: il protozoo Plasmodium causa la malaria.
  • Elminti: sono vermi parassitari, come la Tenia e l’Enterobio, e sono un po’ più grandi dei protozoi.
  • Artropodi: sono insetti e ragni che ospitano comuni malattie parassitarie.

Zone a rischio

La maggior parte delle infezioni parassitarie si verifica in climi caldi, per esempio nel Sud-Est asiatico o nelle aree tropicali o subtropiali del mondo.

Una delle più comuni infezioni parassitarie è la malaria, che uccide circa un milione di persone ogni anno in tutto il mondo, soprattutto nell’Africa sub-sahariana.

Negli Stati Uniti, la situazione sembra un essere po’ diversa da quella delle aree tropicali, anche se le infezioni parassitarie sono ancora una preoccupazione. L’infezione parassitaria più comune negli Stati Uniti è la tricomoniasi, una malattia trasmessa sessualmente causata dal protozoo Trichomonas Vaginalis, con circa 7,4 milioni di casi che si verificano ogni anno. Segue la Giardia, un protozoo che causa problemi intestinali, causando ogni anno circa 2 milioni di infezioni. E il Cryptosporidium, un protozoo più spesso trasmesso durante gli sport acquatici e le attività ricreative, completa le prime tre liste causando 300.000 infezioni all’anno.

Parassiti rari: spargana

Questo parassita si nutre di tessuto cerebrale e altri, può crescere fino a 11 centimetri di lunghezza e può vivere fino a 20 anni nel corpo umano.

La spargana provoca la sparganosi, un’infezione intestinale causata dal parassita Spargana.

Si è a rischio di infezione solo se si mangia carne non cotta di uccelli infetti, rettili (come carne di serpente), anfibi (come la carne di rane) o mammiferi, o se si beve acqua contaminata. I sintomi della sparganosi variano a seconda di quale parte del corpo il parassita infesta.

La maggior parte delle infezioni da sparganosi si verificano in Cina, Giappone, Corea, Thailandia e altri paesi del Sud-Est asiatico. La sparganosi è rara. In Cina, circa 1000 infezioni da sparganosi sono state riportate in 22 province tra il 1927 e il 2007. E nei 67 anni tra il 1943 e il 2010 sono stati segnalati solo 52 casi in Thailandia. Negli Stati Uniti, il tasso di infezione tra gli esseri umani è ancora molto inferiore a quello in Thailandia.

Gnathostoma Spinigerum

Le infezioni da Gnathostomiasis sono rare in tutto il mondo. Sono segnalati casi soprattutto nell’Asia sudorientale, ma anche in America centrale e meridionale.

Questo tipo di infezione è considerata dai centri di controllo e prevenzione delle malattie (CDC) come malattia emergente da importazione. Ciò significa che si sta diffondendo in tutto il mondo a causa dei viaggiatori.

La Gnathostomiasis è causata da Gnathostoma Spinigerum, un parassita di tipo elminto. Si è a rischio quando si mangiano cibi crudi o poco cotti, compresi pesci d’acqua dolce, crostacei (gamberi, granchi), carne di rana, maiale e pollo. Questo parassita può vivere fino a un decennio nel corpo dal momento dell’infezione. Migrano in tutto il corpo e causano gonfiore sotto la pelle.

Verme giapponese dei polmoni

La Paragonimiasi è un’infezione causata da una fasciola, un tipo di verme parassita. Spesso è del tipo Paragonimus Westermani e Paragonimus Kellicotti. Di solito colpisce i polmoni, anche se può infettare altre parti del corpo, come il cervello. Solo i gamberi e i granchi portano i parassiti responsabili di questa infezione.

Il rischio di essere infettati da una fasciola ai polmoni è il più alto in Giappone, Corea, Cina, Filippine e Indonesia, così come alcune regioni dell’Africa e del Sud America.

Ma il parassita P. kellicotti si trova anche in gamberi nel Sud americano e nel Midwest.

Dopo aver ingerito una fasciola polmonare, i primi sintomi che appaiono sono solitamente dolori addominali, diarrea, febbre, tosse e dolori al torace mentre il parassita viaggia dal tuo stomaco attraverso il tuo corpo e nei tuoi polmoni. I sintomi possono spesso essere simili alla bronchite, alla meningite o persino alla tubercolosi.

Le fasciole del polmone crescono da una lunghezza di circa 7,5 fino a 12 mm e possono vivere all’interno di un ospite umano fino a vent’anni.

Naegleria Fowleri

L’infezione da Naegleria è causata da un’ameba parassita presente nei laghi, stagni, fiumi e sorgenti termali. Solo le specie di Naufleri fowleri infettano gli esseri umani e lo fanno entrando nel corpo attraverso il naso, dove l’ameba provoca un’infezione chiamata meningoencefalite amebica primaria (MAP). I sintomi di MAP iniziano da un giorno ad una settimana dopo che l’ameba è entrata nel tuo corpo e spesso somiglia ai sintomi di un’infezione da meningite batterica: mal di testa, febbre, nausea, vomito e collo rigido.

La MAP è molto rara.

Solo 32 casi sono stati riportati negli Stati Uniti tra il 2001 e il 2010 . Purtroppo, sopravvivere all’infezione è anche raro. Si stima che su circa 200 casi riportati in tutto il mondo, non più di 12 pazienti sono sopravvissuti. Una volta che i sintomi iniziano, l’infezione si muove rapidamente, causando problemi aggiuntivi, tra cui confusione, crisi epilettiche e allucinazioni. I pazienti con l’infezione spesso muoiono in meno di due settimane (e talvolta meno di una settimana).

È possibile ridurre al minimo il rischio di essere infettati da Naegleria fowleri evitando di nuotare o partecipare a qualsiasi attività che si svolge in acqua dolce calda o non trattata .

Candiru

I Candiru sono pesci parassiti di acqua dolce che vivono nel Rio delle Amazzoni, che creano una tana all’interno di un ospite e si nutrono di sangue. Essi trovano gli ospiti grazie ai loro sensi che permettono di trovare azoto. L’azoto viene normalmente espulso attraverso le branchie di un pesce, ma gli esseri umani espellono l’azoto con l’urina. E poiché il Candiru non conosce la differenza tra una branchia e un’uretra, ricordatevi di usare il bagno prima di andare a nuotare nell’Amazzonia. Contribuirà a ridurre il rischio di trovarsi un piccolo pesce all’interno dell’uretra.

© Riproduzione riservata
Leggi anche