Colesterolo: i farmaci che lo tengono sotto controllo

colesterolo

Il colesterolo è una molecola molto importante nella fisionomia dell’uomo. La sua concentrazione nel sangue è detta colesterolemia e, quando questa è molto elevata, può dare vita a malattie molto gravi. Per questo motivo è necessario tenere questi livelli sotto controllo.

Colesterolo alto: i rischi

Ma perché è così importante mantenere i propri livelli nella norma? Quali sono i rischi dell’ipercolesterolemia?

Innanzitutto, quando si parla di colesterolo alto non ci si riferisce al colesterolo totale ma a quello “cattivo“. Si tratta dell’LDL, cioè delle lipoproteine a bassa densità. Queste molecole servono per trasportare il colesterolo dai tessuti al sangue. Quando i livelli di LDL sono nella norma, tutto va bene. Ma quando c’è una quantità eccessiva di LDL nell’organismo, questo non viene smaltito e rimane nei vasi sanguigni. Le conseguenze sono molto pericolose. Può portare alla formazione di placche nelle arterie, che le ostruiscono e possono provocare un infarto.

Il problema è che l’ipercolesterolemia, nella sua fase iniziale, è asintomatica.

Quindi i soggetti affetti da questa patologia possono passare anche anni senza sapere del rischio che corrono. Per questo è importante fare esami del sangue regolari, soprattutto dopo i 50 anni. In questo modo il tuo medico potrà tenere sotto controllo i tuoi valori ematici.

Il colesterolo buono

Al contrario, il colesterolo buono è, come dice il nome, molto utile all’organismo. Si tratta di proteine ad alta densità, in sigla HDL. Fanno il percorso opposto all’LDL: trasportano il colesterolo dal sangue ai tessuti, quindi “ripuliscono” le arterie dalle placche causate dal colesterolo cattivo. Per questo è importante che i suoi valori siano alti, in rapporto a quelli dell’LDL.

In sostanza, è meglio avere il colesterolo totale alto, se questo è dato da alti valori di HDL, piuttosto che un totale più basso ma con uno squilibrio tra HDL e LDL.

Farmaci contro il colesterolo alto

Spesso qualche accorgimento è sufficiente per tornare alla normalità.

Infatti, seguire un regime alimentare sano o fare esercizio fisico sono i primi passi per tenere sotto controllo il colesterolo. Tuttavia, per alcune persone, anche dopo aver apportato cambiamenti nello stile di vita, non si riesce a regolare il livello di colesterolo. Diventa, quindi, necessario ricorrere ad altri rimedi, come i medicinali, per ridurre il colesterolo. Questi farmaci comprendono:

  • sequestranti di acidi biliari, come colestiramina e colestipolo (si tratta di resine utilizzate per legare alcuni componenti della bile)
  • acido nicotinico, conosciuto anche come niacina o vitamina B3
  • fibrati, come gemfibrozil, fenofibrato e clofibrato
  • statine, come atorvastatina, fluvastatina, cerivastatina, pravastatina e simvastatina.

La scelta del farmaco giusto si basa sul livello di colesterolo, l’età del paziente ed altri eventuali disturbi.

Quali sono gli effetti collaterali di questi farmaci?

Gli effetti collaterali dipendono dal singolo farmaco scelto. Ogni medicinale, infatti, può causare problemi ad un determinato organo. Ad, esempio, molte medicine che riducono il colesterolo possono avere effetti negativi sul fegato.

Le analisi del sangue sono spesso effettuate per misurare i livelli di enzimi prodotti dal fegato. La niacina può causare arrossamenti della pelle e prurito. Può anche provocare nausea, vomito, diarrea e innalzamento della pressione sanguigna.

Cosa accade dopo il trattamento?

La cura per livelli alti di colesterolo globale e LDL dura tutta la vita. Anche se si fa uso di farmaci, rimangono fondamentali, per tenere sotto controllo il colesterolo, dieta, esercizio fisico e stile di vita salutare.

Come viene monitorata la malattia?

Il paziente sarà sottoposto a test regolari e visite da parte dello specialista. Qualsiasi sintomo nuovo o segno di peggioramento dovrà essere segnalato al proprio specialista.

Se il dottore ti ha prescritto delle medicine per tenere sotto controllo la pressione sanguigna, verifica tutto quello che c’è da sapere sui farmaci in un Centro Farmacologico di Rifermento. Oppure, se sei preoccupato per possibili interazioni, tra i farmaci che prendi, recati presso un Centro di Interazione Farmacologica.

Stile di vita

Naturalmente, anche se assumi farmaci per il colesterolo alto, devi comunque seguire uno stile di vita adatto. Ma queste indicazioni possono essere considerate valide per tutti, perché servono per limitare i rischi e restare in salute il più a lungo possibile.

  • Limita gli alimenti ricchi di grassi animali. Il colesterolo, infatti, è una molecola presente solo negli animali. Consumare pochi prodotti vegetali quindi aumenta il rischio di ipercolesterolemia. Quindi, limita l’assunzione di questi cibi: burro, panna, salumi (e, nel caso, togli il grasso visibile come quello del prosciutto), carne rossa, carne lavorata (wurstel, salsiccia), uova, interiora.
  • Se mangi molte uova, togli il tuorlo, perché è la parte più ricca di grasso.
  • Scegli latte parzialmente scremato piuttosto che intero e latticini magri. Quindi, se hai voglia di formaggio, meglio mangiare della ricotta piuttosto che del brie o del gorgonzola.
  • Limita il consumo di alimenti ricchi di zuccheri semplici. Questi, infatti, stimolano la produzione di insulina, che è coinvolta nella sintesi del colesterolo endogeno (cioè il quello che produce autonomamente il nostro corpo, a prescindere da quello introdotto con la dieta).
  • Preferisci la pasta “semplice” (solo acqua e farina) alla pasta all’uovo.
  • Limita il consumo di alcol.
  • Non fumare.
  • Fai attività fisica regolarmente.
© Riproduzione riservata
Leggi anche
Diadora Cyclette Diadora Swing Evo
119 €
219 € -46 %
Compra ora
Prozis Corehr - Smartband With Heart Rate Monitor
29.99 €
41.67 € -28 %
Compra ora
Myprotein Active Women Vegan Blend™ - 1kg - Sacchetto - Mela ...
19.77 €
Compra ora
Phytogarda Phyto Garda In Forma Riduci Carboidrati Dispositivo ...
25.08 €
29.5 € -15 %
Compra ora