Come riutilizzare la cera delle candele: consigli utili

Ecco come riutilizzare la cera delle candele: consigli utili per riciclare la cera vecchia ottenuta dalle candele spente.

Se avete usato una candela cilindrica posta su un candelabro, può darsi che la cera sciogliendosi sia colata sulla base. Potreste recuperare la cera sciolta con questi consigli utili di riciclo. Ecco come riutilizzare la cera delle candele.

Riutilizzare la cera delle candele: i consigli utili

Recuperare la cera delle candele è facile ed è un’ottima azione di riciclo a favore dell’ambiente. Ricavate la cera staccandola delicatamente dai portacandela, un suggerimento è quello di lasciarli in freezer a raffreddare in modo che venga via facilmente. Se la cera è in un contenitore, assicuratevi di aver eliminato lo stoppino e il suo sostegno.

Spostate tutta la cera da riciclare in un contenitore che non teme il calore, va bene una piccola pentolina.

Fate sciogliere completamente: vi consigliamo di utilizzare una piastra e il metodo del bagnomaria. Basterà versare 4 cm di acqua in una pentola e porla sulla fonte di calore, non appena si riscalda, sovrapporle il pentolino pieno di cera da lasciare in immersione fino a che la cera non è completamente sciolta.

Versate la cera attraverso un panno di lino a trama larga in modo che i residui di stoppini rimangano intrappolati e non sporchino la cera.

Scegliendo di raccogliere la cera in un contenitore più o meno grande.

Idee per riciclare candele usate per creare nuove candele

Candele con vetro

Nulla vieta di far colare la cera all’interno di vasetti di vetro da riciclare, sono ottimi quelli degli omogeneizzati o della marmellata. Procuratevi un porta stoppino dentro il quale bloccare lo stoppino, fissate questo piccolo cerchio di metallo sul fondo del barattolo con un goccio di colla a caldo.

Posizionate poi una molletta o una bacchetta sulla piccola giara di vetro in modo da legare lo stoppino, posizionatelo al centro e, solo dopo averne verificato la corretta distanza dai bordi, versate la cera calda.

Poi togliete il legnetto e tagliate a misura lo stoppino. Se non avete uno stoppino, potete utilizzare un legnetto come lo stecco su cui sono posizionati i ghiaccioli o i gelati.

Candele particolari

Se non avete vasetti di vetro da riciclare usate le formine per dolci in silicone. Al loro interno basterà inserire lo stoppino assicurandolo bene al fondo e poi si potrà procedere alla colata di cera. Il silicone non teme il calore e una volta raffreddata la cera si staccherà facilmente. Assicuratevi che gli stampi siano ben puliti prima e soprattutto dopo averli utilizzati.

Candele profumate

Bastano poche gocce di olio essenziale da mescolare alla cera fusa per ottenere delle candele profumate, ovviamente accertatevi che la cera di partenza sia inodore.

Se invece avete delle candele profumate da riciclare potete abbinare le fragranze tra di loro: l’arancia ben si abbina con la cannella, quella ai frutti rossi al gusto di cioccolato, le candele al talco possono sposare quelle alla rosa. Otterrete così delle candele dalla fragranza intensa ideale per creare un ambiente accogliente in casa.

Scritto da Chiara Sorice
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dieta lampo per perdere liquidi: cosa mangiare?

Come dimostrare 20 anni di meno? I consigli

Leggi anche
  • riciclare fondotintaCome riciclare il fondotinta: i consigli

    Come riciclare il fondotinta scaduto, non più utilizzabile per truccarsi? Ecco i consigli e suggerimenti da provare.

  • riciclare fogli cartaCome riciclare fogli di carta: consigli e suggerimenti

    Riciclare fogli e avanzi di carta, tutti i consigli e i suggerimenti per trasformarli in nuovi oggetti.

  • riciclo latte detergenteCome usare latte detergente scaduto: 5 trucchetti

    Latte detergente scaduto: ecco come riutilizzarlo seguendo questi cinque trucchetti.

  • bucce d'aranciaCome riciclare le bucce d’arancia: 3 idee originali

    Tutto (o quasi) può essere riciclato a favore dell’ambiente, invece di diventare rifiuto. Vediamo come riciclare le bucce d’arancia.

Contentsads.com