Superare paure e fobie è possibile: come?

Paure e fobie possono rovinare la nostra vita, ma possono essere superate a piccoli passi. Ecco come.

Durante la vita quotidiana veniamo esposti a paure e piccoli traumi che qualche volta possono trasformarsi in vere e proprie fobie. Sono tanti gli eventi che possono provocare ansia. Ma ci sono anche dei metodi per superare paure e fobie senza troppe difficoltà.

Quali?

Superare paure e fobie: ecco come

Le fobie che ci vengono suscitate dalle nostre paure spesso causano l’evitamento di diverse situazioni e attività, che possono essere più o meno frequenti e quindi più o meno limitanti. Ecco dei consigli per non cadere più in questi errori.

Affrontare presto le proprie fobie

Quando la normalità della nostra vita viene ostacolata dalle paure, perché evitiamo tutte quelle situazioni che ci creano ansia, è assolutamente necessario affrontarle prima che sia troppo tardi.

Andare dal dentista, fare un prelievo di sangue, l’altezza, guidare in autostrada, luoghi chiusi e affollati: sono tutte cause di possibili fobie. Affrontarle è una priorità se non vogliamo che la nostra vita diventi una continua esclusione di cose che ci fanno paura.

Anche se lentamente, dobbiamo esporci in maniera graduale a quelli che consideriamo dei rischi per superare paure e fobie. Se non lo facciamo, l’ansia e l’angoscia generate possono trasformarsi in un vero e proprio disturbo post-traumatico da stress e addirittura in disturbo ossessivo compulsivo.

Un metodo utile durante l’esposizione è la scala dell’ansia: riconoscere il grado di ansia che una particolare situazione provoca in noi è fondamentale. Ciò permette di considerare l’ansia come un’emozione quantificabile.

Fatto questo, l’esposizione dev’essere appunto graduale e scomposta in piccolissime parti, prima di entrare in contatto con la situazione vera e propria di panico. Gli step sono ovviamente organizzati in ordine crescente. Ogni step superato è un incentivo per il passo successivo; uno step non superato non dev’essere motivo di interruzione dell’esposizione.

L’importanza del rilassamento

Un trattamento psicologico molto efficace è quello del rilassamento fisico e mentale per gestire i sintomi dell’ansia causata da fobie. Anzitutto, diventa basilare comprendere le tecniche di respirazione: questa è utilissima per contrastare le situazioni che causano iperventilazione e tachicardia – dunque ansia. Si trattiene il fiato per qualche secondo, ed espirando lentamente ci si concentra sul rilassamento. Alternando inspirazione ed espirazione lentamente, in circa un minuto dovrebbero alleviarsi i sintomi più acuti dell’ansia.

Anche il rilassamento muscolare è importante: si alterna tensione e distensione di specifici muscoli. E’ utile perché durante le condizioni di ansia dovuta alla fobia si presenta appunto tensione muscolare.

Concentrarsi su altro

Quando ci troviamo in una situazione che genera in noi panico non riusciamo a distrarci da quel pensiero e a focalizzarci su altro. Ma se impariamo a concentrarci su stimoli neutri riusciamo anche a superare l’agitazione causata da paure e fobie. L’importante non è infatti focalizzarsi sull’interpretazione (negativa) che si ha di quell’oggetto o quella situazione: li si accetta spostando il pensiero su altre loro caratteristiche, come la forma, il movimento, il modo di presentarsi. In questo modo, anziché ansia, nasce in noi curiosità.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Allenamento al alta intensità per braccia e spalle: i migliori esercizi

Labbro leporino: cause e sintomi della malformazione

Leggi anche
  • autumn bluesAutumn blues: cos’è e quali sono le strane sensazioni che porta con sé?

    Cos’è l’autumn blues? Una semplice condizione psicologica o qualcosa che ha a che fare con i cambiamenti che ci circondano? Scopriamolo.

  • mental health 2313426 1280Ecco come allenare e tenere attiva la mente con questi giochi online

    Quando parliamo di benessere, allenamento ed equilibrio c’è un organo del corpo che tendiamo spesso a sottovalutare: il cervello.

  • la correlazione tra quantità di luce e il nostro umoreQuantità di luce e umore: la correlazione

    Scopriamo come la quantità di luce ambientale, dettato dalle stagioni o meno, sia in correlazione con l’umore e come risolvere i disturbi correlati.

  • diventare-feliciCome diventare felici

    Da sempre tematica spinosa su cui l’uomo è portato a riflettere, la felicità è il motore che ci spinge a lottare. Ma che cos’è la felicità?

Contents.media