Notizie.it logo

La depressione può causare un attacco cardiaco

depressione

È stato scoperto che le persone che soffrono di depressione sono più inclini a sviluppare problemi cardiaci seri.

Ti ritrovi in lacrime senza avere una buona ragione. Spesso il tuo futuro ti sembra abbastanza oscuro per settimane. La tua famiglia, i tuoi amici e colleghi sono tutti fastidiosi e pesanti, e potresti davvero farne a meno. Temi la routine quotidiana, e preferiresti rimanere a letto. Nessuno sembra capire come ti senti, quindi lo tieni per te. A volte pensi che sarebbe tutto molto più semplice se non fossi nemmeno vivo. Se qualcuno di questi sintomi ti sembra familiare, allora probabilmente soffri di depressione clinica. Quel che è peggio, è che quella depressione potrebbe gravare sul tuo cuore.

Legami tra depressione e cardiopatia

I legami ipotetici tra cardiopatia e depressione sono stati stabiliti per la prima volta alla fine degli anni ’80. Da allora, ulteriori ricerche hanno concluso che la depressione può essere un fattore che contribuisce a sviluppare problemi cardiaci.

Ci sono alcuni ovvi motivi per cui le persone depresse hanno maggiori probabilità di soffrire di malattie cardiache:

  • Le persone depresse sono più inclini a fumare, bere quantità eccessive di alcol ed evitare l’esercizio fisico.
  • Sono meno propense a prendere farmaci per il cuore se già soffrono di malattie cardiache.
  • Lo stress mentale associato alla depressione può aumentare la formazione della placca nelle arterie.
  • La depressione potrebbe aumentare la produzione di radicali liberi e acidi grassi, danneggiando il rivestimento dei vasi sanguigni.

Le persone anziane hanno maggiori probabilità di soffrire di depressione legata alle malattie cardiache, e, purtroppo, sono meno propensi a cercare una cura per essa. Dal 19 al 30% delle persone di 65 anni e oltre, presentano segni di depressione.

Le donne generalmente ne soffrono maggiormente rispetto agli uomini e quelle che vivono da sole, sono più inclini ad essere depresse. Uno studio condotto dal Dr. Curt D. Furberg della Wake Forest University ha rilevato che in 4.500 partecipanti anziani senza storia di malattie cardiache, quelli che mostravano segni di depressione avevano un rischio maggiore del 40% di sviluppare una malattia coronarica.

Statistiche

Un altro studio svolto a Baltimora, Maryland, ha rilevato che le persone depresse di tutte le età, hanno quattro volte più probabilità di avere un attacco di cuore nei seguenti 14 anni dopo lo studio. Se consideri che un americano su tre morirà di una qualche forma di malattia cardiaca e che i medici spesso sbagliano la diagnosi di depressione, è chiaro che c’è un problema reale. La ricerca è ancora agli stadi iniziali, ma alcuni ricercatori ritengono che la depressione possa essere un fattore che incide sullo sviluppo di malattie cardiache, tanto quanto lo è il colesterolo e la pressione sanguigna alta.

Il legame tra attacchi di cuore e depressione è chiaro. Le persone depresse hanno maggiori probabilità di avere un infarto e le vittime di infarto hanno maggiori probabilità di essere depresse.

Fibrosi e reazione attacco-fuga

Il cuore ha bisogno di pompare in modo efficiente, puro e semplice.

I cuori sani si contraggono e si espandono come un elastico. Quando il tessuto del cuore si irrigidisce, non si flette e pompa sangue come dovrebbe. Questa cosa è chiamata fibrosi. La School of Medicine dell’Università del Maryland ha condotto uno studio su 88 adulti e ha scoperto che le persone depresse hanno maggiori probabilità di soffrire di fibrosi.

Sta avvenendo qualcosa come una reazione a catena. Una proteina del sangue chiamata C-reattiva è stata collegata all’infiammazione del cuore e dei vasi sanguigni. L’infiammazione aumenta la produzione di collagene, la proteina fibrosa che collega la pelle, le ossa, i tendini e i muscoli. Il problema con il collagene è che se ne hai troppo, irrigidisce il cuore. Lo studio ha mostrato che gli adulti depressi hanno livelli più elevati di C-reattiva rispetto a quelli che sono sereni.

Fattore di necrosi tumorale

Un altro studio ha individuato una seconda proteina che può aiutare a spiegare il legame tra depressione e infarto.

Questo è chiamato fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-alfa), ed è un membro di una famiglia poco felice di proteine chiamate citochine. Le citochine possono essere tue amiche o nemiche; sono prodotte dai globuli bianchi e stimolano il sistema immunitario per aiutare a combattere ferite e infezioni.

Tuttavia, facendo ciò, provocano inoltre l’infiammazione che abbiamo imparato essere un male per il cuore. Le persone che soffrono di insufficienza cardiaca hanno tipicamente alti livelli di TNF-alfa. Lo studio dell’Ohio State University ha scoperto che gli individui depressi hanno livelli più alti di questa proteina. I ricercatori non sono sicuri se sia la depressione a causare l’infiammazione che porta allo scompenso cardiaco o se sia l’insufficienza cardiaca a provocare la depressione che porta all’infiammazione.

Tutti siamo depressi

Ecco dove le cose peggiorano. Depressione, stress e ansia vanno di pari passo, tanto che gli scienziati hanno classificato una personalità di tipo D (abbreviazione di stressato). Siamo stati tutti depressi prima o poi nella vita e tutti possiamo probabilmente concordare sul fatto che essa esige molto dal nostro corpo. Non riesci a mangiare e a dormire, la pressione sanguigna aumenta, il battito cardiaco può accelerare e si potrebbe anche vedere un aumento dei livelli di insulina e colesterolo – tutto a causa di stress e ansia.

Quando i livelli di stress aumentano, il tuo cuore farà gli straordinari a causa degli ormoni dello stress, come l’adrenalina e il cortisolo. Questo tipo di reazione è normale se ti trovi di fronte al pericolo – si chiama reazione attacco-fuga ed è necessaria per aiutarci a gestire lo stress. Con la reazione attacco-fuga, avviene una caduta nei livelli di stress una volta che la minaccia è sparita. Con la depressione e l’ansia, è come avere sempre il tuo allarme di allerta panico sempre acceso, e questo non va bene per il tuo cuore.

Depressione post infarto

Un recente e spaventoso sondaggio della British Heart Association ha dimostrato che quattro persone su 10 ottengono informazioni circa gli attacchi di cuore da film e televisione. Ma quello che potrebbe essere un utile strumento educativo, sta facendo più male che bene – l’attacco cardiaco Hollywoodiano è ben lontano dalla realtà. Sullo schermo, puoi vedere il tuo attore rubacuori preferito che si stringe drammaticamente il petto e collassa poco prima che possa rivelare il luogo segreto del deposito di diamanti.

Gli attacchi di cuore sono diversi per tutti e i sintomi variano. Un dolore centrale al petto può accadere, ma può anche diffondersi rapidamente attraverso le braccia, il collo e la mascella. Potresti sentire un dolore stupido e fastidioso – alcune persone potrebbero non rendersi nemmeno conto di averne uno. La sensazione è come se qualcuno stringesse o pugnalasse il tuo petto. Potresti anche pensare che tu stia avendo solo un’indigestione.

Maggiore probabilità nella fase post infarto

Il 50% delle vittime di attacchi cardiaci presentano sintomi di depressione dopo i loro eventi traumatici. Il 20% soffre di depressione maggiore. Potresti pensare di sentirti semplicemente fortunato ad essere ancora vivo, ma è un po’ più complicato di così. Forse ti senti così giù per gli anni di auto-abuso che hanno portato al crollo del tuo corpo. Forse è un triste promemoria che ti ricorda che sei mortale.

Ciò che è importante sapere è che è assolutamente normale, a meno che non persista per più di qualche settimana. Se dopo questo evento non riesci a uscirne, potresti sviluppare altri problemi. La Harvard Mental Health Letter afferma che i pazienti depressi ricoverati in ospedale per infarto hanno da due a quattro volte più probabilità di morire entro l’anno successivo.

Solitudine

Ecco alcune statistiche spaventose per voi tipi solitari là fuori. Gli uomini che tornano in una casa vuota dopo essere stati rilasciati a seguito di un attacco di cuore, hanno il doppio del tasso di mortalità di coloro che vivono con qualcuno. E se conduci uno stile di vita isolato, vedendoti raramente con amici e familiari, è più probabile che tu muoia dopo esserti ripreso da un attacco di cuore, indipendentemente dal tipo di forma in cui ti trovi.

Finora, i cardiologi sono stati lenti a salire sul carrozzone della depressione. Nonostante le ricerche fatte fino ad ora, nessuno sa per certo chi venga prima. I fattori tipicamente associati alla depressione portano decisamente a malattie cardiache e l’essere depressi dopo un attacco di cuore sembra portare a ulteriori problemi. Ma solo la ricerca a lungo termine arriverebbe al fondo della questione. Ci sono un sacco di speculazioni e teorie, ma non ci sono prove biologiche che la depressione causi malattie cardiache e che il trattamento della depressione riduca la mortalità legata al cuore.

I cardiologi sono più inclini nel dare una spiegazione fisiologica, che una comportamentale. Poiché ora sappiamo che la depressione potrebbe portare a problemi di cuore, prendi la vita nelle tue mani. Se presenti segni di depressione, vai da qualcuno che ti possa aiutare. La terapia della parola è efficace nel combattere la depressione e nuovi farmaci antidepressivi sono molto più sicuri per il tuo cuore rispetto ai farmaci degli anni ’80. L’esercizio fisico fornisce una doppia mazzata, combattendo sia le malattie cardiache, che la depressione. Se sei fuori forma, comincia piano piano, non sovraccaricarti; stabilisci obiettivi ragionevoli come fare passeggiate quotidiane e parti da lì. Soprattutto, non isolarti dagli altri: contatta amici e familiari per chiedere aiuto. C’è molto più in gioco del tuo stato mentale.

Oltre agli accorgimenti che vi abbiamo dato in precedenza,che sono indispensabili da seguire in queste situazioni, sappiate che esistono anche numerosi prodotti naturali, volti a migliorare l’umore e contrastare la depressione che possono essere comprati sia in farmacia, sia online, in particolare su Amazon. Di seguito vi riportiamo i migliori più venduti e al miglior prezzo:

1)Erba di san giovanni, è un aiuto valido nel caso in cui l’umore o il morale diminuiscono. La composizione attiva è l’ipericina che provoca un effetto sull’equilibrio emotivo. L’erba di San Giovanni è utile anche nei disturbi digestivi. Le forti proprietà naturali di questo principio portano a una regolarizzazione della serotonina, svolgono un ruolo benefico nel disturbo del sonno e dei disturbi transitori. Trovate questo prodotto ad un prezzo scontatissimo del 48%.

2)Conia Griffonia 5HTP, aumenta naturalmente la produzione di serotonina, l’ormone del benessere e della felicità. Quando i livelli di serotonina sono bassi, possono portare ad insonnia, depressione e ad altri disturbi. Anche questo prodotto è ad un prezzo scontatissimo del 51%.

3)Progressive Health, naturale anti depressivo in pillole per migliorare naturalmente l’umore. Contiene Acido folico, la cui carenza, secondo i medici del Dipartimento di Psichiatria presso la Harvard Medical è una delle prime cause della presenza di sintomi depressivi.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche