Notizie.it logo

Dieta a zona: i consigli per dimagrire al cambio di stagione

dieta a zona

Cosa si intende per dieta a zona e come funziona? Ecco un tipo di menù settimanale da prendere in considerazione per dimagrire.

La dieta a zona è un regime alimentare ben bilanciato, che ci permette di perdere qualche kg in vista del cambio di stagione. Scopriamo assieme di che cosa si tratta e quali sono i menù che la riguardano. Ogni dieta, e quindi anche quella a zona, ha bisogno di alcuni accorgimenti per funzionare al meglio: l’attività fisica e qualche integratore naturale e benefico sono, spesso, la chiave per il risultato finale.

Dieta a zona

Cerchiamo di capire, intanto, cosa si intende per dieta a zona. Si parla di zona quando ci si riferisce ad un momento di stato metabolico in cui il corpo riesce a lavorare al massimo e ad avere il picco di efficienza. In questo periodo, l’organismo avrà più forza, non soffrirà gli attacchi di fame, sarà pieno di energia per affrontare le giornate e gli sforzi fisici.

I benefici della dieta a zona, sebbene sia un regime un po’ controverso, possono essere molti.

Ricordiamo, in ogni caso, di prendere in considerazione di riferirsi ad un dietologo o un nutrizionista, qualora i kg da perdere siano molti. Questo regime è stato ideato da un biochimico americano, tale Barry Sears. Esso sostiene che, utilizzando carboidrati, proteine e grassi in modo eterogeneo, si possa raggiungere una perfetta forma fisica e un benessere mentale. La zona permette inoltre di ridurre il grasso corporeo.

Dieta a zona: menu e funzionamento

Vediamo, adesso, un tipo di menu di tale dieta e come funziona. In primo luogo, ci sono delle regole piuttosto rigide da rispettare. In ogni pasto vi devono essere proporzioni precise dei i tre macronutrienti: carboidrati al 40%, proteine al 30% e grassi al 30%.

A titolo esemplificativo, presentiamo un tipo di menù settimanale. A colazione del lunedì possiamo mangiare 4 frollini di soia con un cappuccino, mentre a pranzo 40 g di pasta con ragù magro e un po’ di insalata. Per cena, bresaola con verdura, 20 g di pane integrale e un frutto.

Gli spuntini di metà mattina e metà pomeriggio saranno divisi tra uno yogurt bianco scremato e 100 g di frutta fresca di stagione.

Andiamo al martedì, dove a colazione consumeremo 100 g di ricotta con frutta fresca. A pranzo sogliola con verdure, mentre a cena minestrone con 30 g di pasta, 110 g di manzo magro e insalata. Al mercoledì si consiglia un toast a colazione, accompagnato da una tazza di tè. Per il pranzo, 40 g di riso con pesce, 80 g di bresaola e verdure. A cena, minestra di orzo e germogli più 90 g di formaggio magro e verdura.

Il giovedì ripetiamo una delle colazioni precedenti, mentre a pranzo andremo a mangiare 110 g di pollo alla piastra e salsa di soia, più 30 g di pane e verdura. A cena, minestra d’avena con prosciutto magro più insalata. Per quanto riguarda il venerdì, a pranzo 250 g di spada ai ferri più verdure, mentre a cena andrà bene il passato di verdure più 120 g di tacchino con verdure.

Il sabato: a colazione un toast con caffè, mentre a pranzo un carpaccio di pere, grana e salmone, più verdure. Per la cena, 250 g di germogli di soia, formaggio magro e verdure.

Infine, vediamo la domenica: a colazione quattro frollini con una tazza di caffè e un po’ di ricotta, mentre a pranzo mangeremo 80 g di bresaola più verdura. A cena, minestrone con poca pasta, 120 g di tacchino ed insalata mista.

Il miglior integratore da abbinare

Il miglior integratore da abbinare è senza dubbio Piperina e Curcuma Plus. Si tratta di un articolo del tutto naturale, che abbina i benefici della curcuma a quelli della piperina. La curcuma è una spezia molto indicata per le cure dimagranti: è disintossicante, detox, sgonfiante e purificante. Purtroppo, però, è poco disponibile nel nostro organismo: ha bisogno, pertanto, di un acceleratore. Questo è rappresentato dalla piperina, la sostanza alcaloide presente nel pepe da cucina, che è termogenica e che elimina la fame nervosa, oltre ad aumentare i succhi gastrici.

Nella formulazione è presente anche il silicio colloidale, un elemento presente anche nel nostro corpo in modo naturale e che ci aiuta a mantenere sane e forti le articolazioni, i muscoli e le ossa.

Per chi volesse saperne di più su Piperina e curcuma plus può cliccare qui o sulla seguente immagine.

Questo integratore originale è considerato universalmente come il migliore dell’anno per via dei suoi benefici riscontrati e del passaparola positivo di esperti e consumatori.

Piperina e Curcuma plus è in compresse e si assume mezz’ora prima dei pasti principali, nella misura di due compresse al giorno. Essendo un prodotto ufficiale ed originale (a differenza di molti integratori simili), non si può comprare in farmacia o erboristeria. L’unico modo per ordinarlo è, infatti, quello di collegarsi al sito internet ufficiale, dove dovremo compilare un modulo con i nostri dati personali. Dovremo scegliere il tipo di pagamento, distinguendo tra il Paypal, la carta di credito o il contrassegno.

Il contrassegno ci permette di pagare alla consegna. Le spese di spedizione sono del tutto gratuite, in quanto a carico dell’azienda fornitrice di Piperina e Curcuma Plus. Spesso, sul sito si può usufruire di particolari promozioni, che ci permettono di acquistare più prodotti a prezzi molto scontati e vantaggiosi. Il prodotto attualmente è in offerta: quattro confezioni al prezzo di una, ossia pari a 49 € invece di 196€

© Riproduzione riservata
Leggi anche