Notizie.it logo

Dieta del ghiaccio: quali sono i benefici

dieta del ghiaccio

La dieta del ghiaccio ti permette di riattivare il metabolismo e consumare 150 kcal/ litro.

Dopo la dieta Dukan e altri rimedi portati avanti dalle star di Hollywood, è arrivata anche la dieta del ghiaccio. Se pensavi di mangiare poco prima, con questo genere di regime alimentare le calorie assunte saranno ancora meno e dilazionate durante l’arco della giornata. Come tutte le diete ipocaloriche, deve essere portata avanti per periodi di tempo limitato durante i quali è auspicato un dimagrimento lampo e duraturo.

Cosa è la dieta del ghiaccio

L’inventore della dieta del ghiaccio è Weiner, un gastrointerologo che – dopo aver attentamente analizzato le abitudini alimentari degli abitanti dell’Europa – ha messo in relazione l’assunzione del ghiaccio con la diminuzione del peso. Lo stile di vita auspicato dal medico è stato quindi testato scientificamente e – stando a quanto affermato da chi si è sottoposto al test – funziona veramente. L’effetto del ghiaccio e quindi anche della dieta sarebbe quello di aiutare ad attivare il metabolismo (o accelerarlo) e perdere di conseguenza i chili in eccesso in modo rapido e soprattutto senza particolari sacrifici.

La differenza rispetto alle diete è evidente, ma non per questo deve funzionare bene: secondo Winer infatti sarebbe possibile perdere moltissimi chili in tempi davvero esigui…perfetta per la prova costume!

Dieta del ghiaccio, come funziona

Secondo l’inventore della dieta del ghiaccio, l’assunzione dell’acqua allo stato solido sarebbe in grado di riattivare il metabolismo; inoltre – con specifico riferimento al dispendio calorico giornaliero e alla termogenesi che viene indotta nel corpo di chi si sottopone a questo regime alimentare – questa dieta sembra davvero fare miracoli.

Infatti, immaginando che il nostro corpo spenda, in media 150 kcal ogni litro di acqua ghiacciata consumata, sarebbe sufficiente assumerne un paio di litri per ottenere il risultato, in termini metabolici, di una corsetta di circa 30 minuti a passo sostenuto. Spazio quindi a granite e ghiaccioli, soprattutto in vista dell’imminente arrivo dell’estate che ti aiuteranno ad aumentare il dispendio energetico del tuo corpo. Per ottenere risultati ancora migliori, Weiner consiglia di abbinare alla dieta del ghiaccio uno stile di vita sano e un paio di ore di attività fisica a settimana.

Contestualmente sarebbe auspicabile evitare il consumo di bevande gassate, cibi grassi, alcool e fumo.

Dieta del ghiaccio, controindicazioni

La dieta del ghiaccio ha scatenato intorno a sé una bufera di polemica: infatti l’assunzione eccessiva di alimenti ghiacciati potrebbero alterare e danneggiare la struttura dello stomaco, comportando dei danni all’intestino e al resto degli organi interni. Appare evidente quindi che sia opportuno sottoporsi solo per un periodo di tempo limitato a questa dieta e che, comunque, si debba ricorrere al parere del proprio medico di famiglia davanti a qualsiasi sintomo o anomalia.

© Riproduzione riservata
Leggi anche