Dieta plant based: cos’è e come funziona

La dieta plant based: ecco cos'è e come funziona.

La dieta plant based è seguita da diverse celebrities in tutto il mondo, che l’hanno resa popolare ma è molto più che una moda. Si tratta di un vero e proprio stile di vita. Scopriamo cos’è e come funziona la dieta plant based.

La dieta plant based: di cosa si tratta

Il nome stesso dice molto “plant-based” significa, tradotto alla lettera, basato sulle piante, quindi un’alimentazione a prevalenza vegetale, ma non solo. Infatti, non si tratta solo di consumare vegetali ma di assumere alimenti naturali ossia, non processati industrialmente, non trattati, non derivanti da sfruttamento di risorse e animali, meglio se km zero.

Gli alimenti inclusi nella dieta plant based devono essere soprattutto non lavorati, freschi, sani, bilanciati, leggeri, ricchi di nutrienti essenziali.

E’ una dieta a base vegetale ma non vegana/vegetariana, che mette l’accento sulla qualità e la salubrità dei cibi. Ecco cosa mangiare in questa dieta, a favore delle piante.

Grande attenzione alla qualità e ai valori nutrizionali degli alimenti: no a zuccheri raffinati e grassi idrogenati, ad esempio, no ai coloranti e ai dolcificanti sintetici, no a tutto ciò che madre natura non potrebbe produrre spontaneamente.

Via libera a cereali e farine integrali, olio extravergine d’oliva, frutta e verdura di stagione: questi alimenti sono la base di ogni pasto.

I dolci possono essere consumati solo se homemade e con materie prime controllate, semplici e poco raffinate, meglio se di origine vegetale – ad esempio sostituendo al latte le bevande di soia o riso, e alle uova altri addensanti naturali come semi di lino, bucce di psillio o semplice banana matura. Sì alla frutta secca e ai semi.

Carne e pesce si possono consumare piccole quantità in modo sporadico, sempre che rispettino la regola principale, ossia una provenienza naturale e controllata.

No a tutto ciò che c’è di pronto e lavorato, dalle salse agli alimenti.

La dieta planet based, a favore della sostenibilità

Bisogna imparare a leggere le etichette dei prodotti, sia come ingredienti che come origine e lavorazione degli stessi. Solo conoscendo davvero ciò che si mette in tavola – come provenienza e valori nutrizionali – si può capire se adatto a questo regime alimentare.

E non solo: consumare cibi freschi significa seguire la stagionalità sia per la frutta che per la verdura, consumata solo a km zero. Questa attenzione a seguire il ritmo della natura, evitando forzature industriali, è un bene per l’ambiente, sebbene la plant-based sia più incentrata sulla salute che sulla scelta puramente etica del veganismo.

Scritto da Chiara Sorice
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come riutilizzare la cera delle candele: consigli utili

Capelli, come realizzare le royal waves di Kate Middleton

Leggi anche
  • dieta della menopausaDieta della menopausa: come dimagrire a 50 anni

    Il consumo di alcuni alimenti, una buona e costante attività fisica sono gli ingredienti della dieta della menopausa per tornare in foma naturalmente.

  • dieta vegetarianaDieta vegetariana: i benefici, i contro e gli integratori naturali

    Seguire la dieta vegetariana significa andare incontro a una alimentazione più sana, maggiormente equilibrata e anche attenta al benessere del pianeta

  • dieta andrea larosaLa dieta di Andrea Larosa: cosa mangia l’atleta di Calisthenics

    Andrea Larosa, atleta italiano di Calisthenics, segue una particolare dieta. Ecco cosa mangia il campione.

  • calorie dieta uomoQuante calorie deve assumere un uomo di 30 anni? La dieta

    La dieta che deve seguire un uomo di 30 anni: ecco quante calorie deve assumere.

Contentsads.com