Vitamina C: le dosi consigliate

Le dosi di vitamina C necessarie per restare in salute cambiano a seconda del sesso e dell'età: scopriamo insieme quali sono.

La vitamina C, conosciuta anche come acido ascorbico, è una sostanza essenziale per la salute dell’organismo. Le persone devono infatti consumarne determinate quantità per evitare problemi in quanto questa vitamina idrosolubile aiuta a mantenere sane le cellule del corpo proteggendole dagli effetti dannosi dei radicali liberi.

Scopriamo quali sono le dosi consigliate e vediamo cosa accade se si ha una carenza o un eccesso di vitamina C.

Vitamina C: le dosi consigliate

Per rimanere in salute è fondamentale consumare le dosi consigliate di vitamina C. La Società Italiana di Nutrizione (SINU) raccomanda infatti di assumere ogni giorno una specifica quantità di questa vitamina in modo da rimanere in salute. Tale quantità cambia a seconda dell’età e del sesso, inoltre tende ad aumentare nel periodo di gravidanza e di allattamento.

Le dosi consigliate sono:

  • 1-3 anni: 35 mg
  • 4-6 anni: 45 mg
  • 7-10 anni: 60 mg
  • 11-14 anni: maschi 90 mg; femmine 80 mg
  • 15 e più: maschi 105 mg; femmine 85 mg
  • gravidanza: 100 mg
  • allattamento: 130 mg

Se con la sola alimentazione non si riesce a raggiungere queste quantità di vitamina C, è bene ricorrere ad integratori naturali per evitare la carenza.

Carenza di vitamina C

In caso di carenza di vitamina C si deve fare i conti con problemi come stanchezza, debolezza, perdita di peso e irritabilità. In molti casi le persone che non assumono abbastanza acido ascorbico devono anche fare i conti con dolori muscolari e con dolori articolari.

Una grave carenza di questa vitamina C causa lo scorbuto, una malatti diffusa in tempi passati e caratterizzata da apatia, anemia e inappetenza.

Eccesso di vitamina C

La vitamina C di rado viene assunta in eccesso, ma quando si assumono integratori è bene non esagerare con le quantità. In questo caso infatti è bene non assumere più di 1 gr al giorno.

Un eccesso può causare diarrea, vomito, flatulenza, nausea, sonnolenza e in generale sensazione di fatica.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I benefici per il corpo del nuoto controcorrente

Dieta disintossicante: lo schema per eliminare le tossine

Leggi anche
  • La correlazione tra alimentazione e memoriaAlimentazione e perdita di memoria: la correlazione

    Scopriamo la correlazione tra alimentazione e salute cerebrale. Quali sono gli alimenti nocivi che influiscono sulla perdita di memoria?

  • fruttoDatteri contro ictus e colesterolo alto

    I datteri sono dei frutti in grado di regalare grandi benefici a chi soffre di colesterolo alto, inoltre sono utili anche per prevenire gli ictus.

  • dieta alzheimerLa dieta contro l’Alzheimer per prevenire la malattia degenerativa

    La dieta contro l’Alzheimer non prevede il consumo di superlacolici e carne rossa, ma predilige invece il consumo di acqua, verdure e legumi

  • Dieta Virginia Raffaele: i segreti della sua formaDieta Virginia Raffaele: i segreti della sua forma

    La dieta di Virginia Raffaele è semplice da seguire e ricca di benefici. Scopriamola insieme, nei paragrafi che seguono.

Contents.media