Notizie.it logo

Gravidanza a diverse età, cosa aspettarsi

gravidanza

Decidere a che età avere una gravidanza non è una cosa facile: scopriamo quali sono i possibili rischi in tre diverse fasce d'età.

Esiste un momento perfetto per una gravidanza? È una domanda che probabilmente ti sarai fatta, specialmente se hai quasi 30 anni. Ma se hai deciso di avere un bambino dopo i 30 o i 40 anni, sei in buona compagnia. Nel 1999, il 23% dei primogeniti sono nati da mamme con più i 30 anni, in confronto col 5% del 1975. Infatti, il numero di gravidanze di donne tra i 35 e i 49 anni è triplicato dagli anni ’70 ad oggi.

Gravidanza a 20 anni

Le donne sane che hanno una gravidanza tra i 20 e i 30 anni hanno vita facile; non è un caso che si facciano più figli in questa fascia d’età! Spesso concepiscono dopo circa 2 mesi di tentativi, hanno un basso rischio di aborto spontaneo (circa il 10%) e hanno poche complicanze mediche durante la gravidanza.

Altri vantaggi di avere un bambino da giovani includono un più basso rischio che il bambino abbia la sindrome di Down o altri difetti cromosomici e, per motivi ancora non del tutto chiari, più probabilità di avere un parto naturale.

Tuttavia, in alcuni casi, essere più giovani non è un vantaggio. Le donne tra i 20 e i 24 anni hanno un rischio maggiore di contrarre la preeclampsia, un disturbo pericoloso che può portare a pressione alta e proteine nell’urina. Ciò è dovuto in gran parte al fatto che si tratta molto probabilmente di un primo figlio, che è un fattore di rischio per questa malattia. I dottori non sono certi delle cause, ma c’è il rischio che la crescita del feto si rallenti.

Le donne ventenni hanno anche maggiori possibilità di avere un neonato che pesi poco, a causa di abitudini poco sane.

Per esempio, è più probabile che fumino, il che raddoppia il rischio di avere un bambino sottopeso. Inoltre, è anche più facile che mangino poco o male, ritardino le cure prenatali e acquisiscano meno peso di quanto dovrebbero. Sono tutti fattori di rischio per la nascita di neonati che pesano troppo poco. Questi bambini hanno più probabilità di avere problemi di salute. Fortunatamente, ridurre i rischi è semplice: mangia bene, assumi vitamine, fai visite prenatali.

Gravidanza a 30 anni

Molte donne credono che aspettare fino a quest’età sia l’ideale, poiché si sentono più sicure personalmente e finanziariamente. E se hai 30 anni, i rischi della tua gravidanza sono un po’ diversi da quelli delle ventenni. Tuttavia, anche quest’età ha le proprie difficoltà. Innanzitutto, potrebbe volerci più tempo per concepire perché l’ovulazione avviene meno frequentemente.

La fertilità tende a diminuire pian piano dopo i 30 anni, e le possibilità di dare alla luce un bambino affetto dalla sindrome di Down aumentano.

Avrai probabilmente sentito dire 35 anni come età di riferimento per l’inizio dei problemi in gravidanza e la diminuzione della fertilità. In realtà, la maggior parte delle donne con più di 35 anni hanno bambini sani, ma gli studi suggeriscono che potrebbero esserci più problemi lungo la strada. Innanzitutto, la fertilità diminuisce più rapidamente dopo i 35 anni, rendendo difficile il concepimento. Secondo le statistiche dell’American Society of Reproductive Medicine, circa un terzo delle donne oltre quest’età hanno problemi di fertilità. Se hai più di 35 anni e hai difficoltà a concepire dopo 6 mesi di tentativi, consulta un medico: molti problemi di fertilità possono essere risolti.

A quest’età, c’è anche un maggior rischio di interruzione di gravidanza rispetto a quando si ha 20 anni.

Infatti, un recente studio danese ha scoperto che più del 20% delle donne incinte tra i 35 e i 39 anni ha subito un aborto spontaneo.

Se hai più di 35 anni, probabilmente ti verrà proposta l’amniocentesi, un test che diagnostica la sindrome di Down e altre anormalità cromosomiche. Il test non viene effettuato sempre perché comporta un basso rischio di aborto. Si inizia a fare da quest’età perché è quella in cui il rischio di avere un bambino affetto dalla sindrome è pari a quello di un aborto causato dall’amniocentesi. Alcune donne scelgono di effettuare il test. Altre optano per delle analisi del sangue chiamate tri test, combinate con gli ultrasuoni.

Le donne con più di 35 anni potrebbero anche avere più problemi per quanto riguarda la preeclampsia, il diabete, la nascita prematura, problemi alla placenta durante la gravidanza.

Tra questi, il più comune è la placenta previa, in cui la placenta copre parte dell’apertura della cervice. Ciò può causare sanguinamento durante il parto, ma le complicazioni possono essere evitate grazie a un parto cesareo. Per fortuna, la maggior parte dei potenziali problemi possono essere superati grazie all’assistenza medica.

Gravidanza a 40 anni

Non è raro che una donna con più di 40 anni abbia un bambino per la prima volta. Sfortunatamente, il concepimento può essere difficile: più del 50 percento delle donne ha problemi. I rischi in gravidanza a quest’età sono simili a quelli dai 35 ai 40 anni. Quelli che aumentano in maniera evidente riguardano le malattie cromosomiche e l’aborto spontaneo. Secondo il già citato studio danese, quest’ultimo raggiunge quota 50% a 42 anni.

Le donne di quest’età hanno anche una maggiore possibilità di contrarre il diabete rispetto alle ventenni. Potresti anche avere più complicazioni durante il parto, per esempio la sofferenza fetale, il che spiega come mai ci sia una più alta percentuale di parti cesarei nelle mamme con più di 40 anni (il 43%, secondo una ricerca recente condotta alla Harvard Medical School).

Consigli per tutte le età

A prescindere dalle statistiche, a qualsiasi età, ecco alcuni consigli per aumentare le possibilità di avere un figlio sano:

  • Vai da un medico per una visita prima della gravidanza. È particolarmente importante se hai problemi di salute cronici come pressione alta o diabete. Il medico si assicurerà che qualsiasi medicina tu prenda per queste malattie sia adatta durante una gravidanza.
  • Prendi una vitamina con 400 microgrammi di acido folico ogni giorno. Inizia prima della gravidanza e continua durante il primo mese per evitare alcuni gravi difetti di nascita al cervello e alla spina dorsale.
  • Fai visite prenatali. Lavorare con un medico specializzato per costruire una gravidanza salutare aiuterà te e il tuo bambino a crescere sani.
© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche