Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Helicobacter: come sconfiggere il batterio dello stomaco

helicobacter

L'infezione allo stomaco provocata dal batterio helicobacter pylori deve essere eliminata in breve tempo. Scopriamo come

L’helicobacter pylori è un batterio che sopravvive nello stomaco, ma che in certi casi può provocare un’infiammazione dell’organo stesso o addirittura un’ulcera. È fondamentale rivolgersi al proprio medico di fiducia per diagnosticare la presenza del batterio. Le cure mediche possono essere associate ad alcuni rimedi naturali molto validi.

Helicobacter

Ancora oggi non è del tutto chiaro come questo batterio causi l’infezione. La trasmissione dei batteri avviene in modo diretto attraverso la saliva, il vomito o le feci. La diffusione, inoltre, può avvenire tramite alimenti contaminati.

I sintomi più comuni di questa infiammazione sono bruciore di stomaco, dolore addominale, nausea e vomito.

Per prevenire l’infezione e, quindi, evitare il contagio, è necessario seguire, in primo luogo, alcune buone norme di igiene personale. Anche seguire una dieta sana ed equilibrata risulta fondamentale. Inoltre, è bene ricordarsi di bere acqua potabile ed evitare quella di fiume o proveniente da zone che potrebbero essere contaminate.

L’acqua non sicura, infatti, potrebbe aumentare il rischio di contrarre l’infezione. Nel caso in cui si soffra già di questo disturbo, è bene prestare ancora maggiore attenzione alla dieta, la quale deve prevedere solamente alimenti adatti a patologie quali gastrite e ulcera.

I rimedi naturali sono un ottimo alleato alla cura di questo batterio. Ciò nonostante, possono variare a seconda della causa scatenante dell’infezione. Inoltre, va considerata la possibilità di soffrire di qualche allergia.

Citronella

Uno dei rimedi casalinghi più utilizzati contro l’helicobacter pylori è l’olio essenziale di erba luisa, conosciuta anche come cedrina o citronella. È una pianta digestiva che allevia il bruciore di stomaco e il vomito grazie ad alcuni componenti quali flavonoidi, limonene, cineolo, cariofileno e linalolo che le conferiscono proprietà antibatteriche e antinfiammatorie.

Si consiglia di assumere 15-20 gocce di quest’olio essenziale diluite in mezzo bicchiere d’acqua dopo ogni pasto per una settimana, o anche meno, a seconda delle necessità.

L’alternativa è quella di preparare l’infusione di questa pianta aggiungendo 3-4 foglie all’acqua bollente e lasciare in infusione 5 minuti circa, e consumarla dopo i pasti per una settimana.

Liquirizia

La liquirizia viene utilizzata per alleviare le ulcere allo stomaco, e in presenza di questo batterio può evitarne la diffusione o l’adesione alle pareti dello stomaco. Per questo motivo si consiglia di consumare la liquirizia ai primi sintomi dell’infezione. La radice di questa pianta contiene alcuni componenti a cui il batterio non sopravvive, ad esempio, acidi (glicirretico e malico), tannini e flavonoidi (formononetina, glicerolo e licoflavonol). Queste sostanze conferiscono alla liquirizia proprietà antispasmodiche, antiacido, antibatteriche e antinfiammatorie.

La modalità più comoda e efficace è quella di succhiare o mordere direttamente la radice. Potete anche preparare un’infusione aggiungendo all’acqua bollente una cucchiaiata di polvere di liquirizia per ogni bicchiere d’acqua che verrà utilizzato. Lasciar riposare e raffreddare 5 minuti circa e berne 2-3 tazze al giorno per 4 giorni di seguito.

E’ possibile acquistare la polvere di liquirizia direttamente su Amazon.

Vi indichiamo, ora, il migliore prodotto tra quelli venduti. Si tratta della Polvere di liquirizia di Amarelli.

Polvere di liquirizia altamente solubile e, quindi, ideale per la preparazione di tisane. E’ disponibile nel formato apri e chiudi da 500 g e distribuita da Liquirizia Amarelli. Contiene esclusivamente liquirizia, sciroppo di glucosio e zucchero di canna.

Propoli

La propoli è una sostanza prodotta dalle api con notevoli proprietà antibiotiche, antinfiammatorie e antibatteriche, particolarmente indicata, quindi, come rimedio casalingo per sconfiggere l’helicobacter pylori, dato che aiuta l’organismo a combattere infezioni e problemi digestivi. Migliora anche le difese immunitarie.

In questo caso, l’opzione migliore è assumere la propoli in commercio nelle dosi indicate sulla confezione o secondo indicazione del medico.

Vi ricordiamo, inoltre, che è possibile acquistare la propoli anche su Amazon. Vi riportiamo il migliore e più venduto. Si tratta di Tintura Madre di Propoli analcolica distribuita da Bioalma.

Si tratta di un prodotto al 100% naturale e senza zuccheri aggiunti.

E’ ideale per chi soffre di mal di gola e rinforza le difese naturali dell’organismo. E’ adatto alle donne incinta e naturalmente privo di lattosio.

Zenzero

Uno dei prodotti naturali più utilizzati per trattare problemi digestivi è lo zenzero, un potente antinfiammatorio, antibatterico, antiemetico e antispasmodico, che può aiutare ad alleviare i sintomi prodotti dall’helicobacter pylori ed eliminarlo.

Oltre ad aggiungerlo ad alcune pietanze, lo zenzero può essere consumato sotto forma di tisana. Basterà aggiungere all’acqua bollente due fettine di radice fresca o due cucchiaiate di radice in polvere. Lasciar bollire 5 minuti, rimuovere dal fuoco e lasciar riposare altri 5 minuti prima di berla. L’infusione può essere consumata 3 volte al giorno dopo i pasti per una settimana.

Curcuma

La curcuma, conosciuta anche come oro indiano o stecca di zafferano, è, innanzitutto, una spezia da utilizzare in cucina. È considerata una sorta di “superfood” per le sue proprietà antisettiche, antinfiammatorie e digestive.

Tutto questo grazie alla presenza di componenti quali curcumina, eugenolo, borneolo, acidi organici e fenoli.

La radice di questa pianta può essere utilizzata come condimento per diversi piatti, o in alternativa per preparare un tè alla curcuma. In questo caso, è necessario portare l’acqua ad ebollizione per poi aggiungere una cucchiaiata di radice di curcuma in polvere ogni 4 bicchieri d’acqua utilizzati. Lasciar bollire 3-5 minuti, rimuovere dal fuoco e lasciar riposare altri 5 minuti prima di bere l’infuso. Va consumato 2-3 volte al giorno per 4 giorni di seguito o comunque fino a che l’infezione non sia migliorata, tuttavia si consiglia di non prolungarne l’assunzione per più di una settimana.

Se, invece, si aggiunge la curcuma ai piatti, è bene condirli con del pepe nero per attivare al meglio la curcumina.

Su Amazon è possibile trovare questo prodotto in vari formati. Vi indichiamo ora l’articolo più venduto e preferito sul noto e-commerce. Si tratta di Curcuma in polvere di Biotiva.

Un prodotto totalmente biologico, quindi, senza sapori, colori e conservanti. La curcuma viene imbottigliata e controllata in Germania, luogo in cui è prodotta con certificazione biologica. E’ disponibile nella confezione da 250 grammi.

Altri alimenti

Per coloro che soffrono di questa infezione, inoltre, si consigliano i seguenti alimenti: cavalfiore, broccoli, probiotici, mirtilli e aglio.

Aggiungere questi alimenti alla dieta è fondamentale poiché la presenza di antibatterici e acidi nella loro composizione permette di riequilibrare la flora batterica intestinale ed eliminare il batterio responsabile dell’infezione.


© Riproduzione riservata
Leggi anche