Istamina: cos’è, proprietà e cibi

L'istamina è un composto che aiuta l'organismo umano a rispondere alle infiammazioni, ma può causare anche intossicazioni pericolose

L’istamina è un composto azotato prodotto dal corpo umano. Questa sostanza ricopre un ruolo di primo piano nell’organismo, dato che interviene nelle risposte infiammatorie e allergiche, nella secrezione gastrica e in alcune attività cerebrali.

Istamina: caratteristiche e alimenti

L’istamina non viene prodotta dal corpo umano, ma anche da un gran numero di organismi vegetali e animali.

Questa sostanza è presente anche in molti alimenti che mangiamo ogni giorno. Le concentrazioni di istamina negli alimenti dipendono dalla presenza di amminoacidi liberi e dalla presenza di determinati microrganismi.

Alimenti

Il cibo che contiene più istamina di tutti, tanto che può creare dei problemi in chi lo assume, è il pesce conservato troppo a lungo o in maniera sbagliata. Ne sono un esempio il tonno, lo sgombro, le aringhe, le acciughe e le sardine.

Altri alimenti ricchi di istamina sono gli spinaci, i pomodori, l’estratto di lievito, la birra, i vini rossi, i cibi fermentati e alcuni tipi di formaggi, come il cheddar, l’emmental e il parmigiano.

A questa lista si aggiungono gli alimenti istamino-liberatori, chiamati così perché favoriscono il rilascio di istamina da parte dell’organismo. In alcuni casi l’elenco di cibi ricchi di istamina coincide con gli alimenti istamino-liberatori. Ne sono un esempio il cioccolato, le banane, l’alcool, le uova, la papaya, i frutti di mare, le fragole, il latte, il pesce e i pomodori.

Intossicazione e intolleranza

Gli alimenti sopra elencati, essendo ricchi di istamina, se vengono assunti in grande quantità possono provocare sintomi tipici di un’allergia alimentare.

I sintomi tipici sono prurito, nausea, vomito, diarrea, vertigini, cefalea, orticaria, pelle arrossata su viso e collo.

Nei casi più gravi si può avere un quadro clinico più grave, dove vi è un brusco calo di pressione arteriosa o il collasso cardiocircolatorio.

Sia l’intossicazione che l’intolleranza all’istamina presentano sintomi simili se non uguali, con la differenza che, in caso di intolleranza, non vi è una risposta immunitaria da parte dell’organismo.

In caso di intolleranza acclarata, occorre seguire una dieta priva degli alimenti sopra elencati. Il medico, poi, potrebbe prescrivere farmaci antistaminici o specifici integratori a base di diaminoassidasi, vitamina C e vitamina B6.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cos’è la coulrofobia? I sintomi e le cause della paura dei clown

Dieta detox con centrifugati: menù e programma

Leggi anche
Contents.media