Notizie.it logo

Mangiare poco fa bene o male? Falsi miti da sfatare

dieta del digiuno intermittente

Mangiare poco fa bene o male? Fa davvero dimagrire? Scopriamolo insieme.

Una delle domande che spesso ci si pone, in merito all’alimentazione, consiste nel capire se mangiare poco fa veramente bene oppure no. Ecco tutte le risposte che fanno al caso proprio e come procedere affinché sia possibile raggiungere tale obiettivo.

Mangiare poco fa bene o male?

Una domanda molto ricorrente che molto spesso colpisce la mente di coloro che vogliono avere un fisico perfetto: mangiare meno fa bene o male? In passato si sosteneva che mangiare poco fosse sinonimo di una serie di potenziali complicanze che vanno a incidere, in modo pesante e negativo, sul proprio organismo e sul metabolismo, che rallenta in maniera esponenziale. Ebbene, secondo recenti ricerche scientifiche, mangiare meno rappresenta la vera chiave di svolta per riuscire a migliorare la qualità della propria vita.

A condurre questa ricerca è stato Ronald Petersen, direttore del Centro di ricerca sull’Alzheimer della Mayo Clinic, Stati Uniti, che ha svolto un’accurata ricerca su una serie di volontari di tutte le età, dimostrando che mangiare meno fa bene al cervello dato che stimola i neuroni dello stesso, rendendo attive le persone che decidono di rinunciare a un’alimentazione ricca di sostanze che possono avere degli impatti negativi sulla propria salute.

Oltre a questa scoperta, diversi altri studi hanno dimostrato che mangiare meno permette di avere una vita sessuale maggiormente attiva e allo stesso tempo di incrementare il grado di attenzione e produttività sia sull’ambito lavorativo che in diversi altri.

Pertanto un’alimentazione che può essere considerata come contenuta, ma che per questo motivo non deve essere definita come misera o priva di alcuni dei piaceri della cucina, rappresenta la reale chiave di svolta in grado di migliorare notevolmente la propria vita.

Cosa significa mangiare meno

Attenzione a questo particolare concetto che, molto spesso, viene completamente stravolto. Mangiare meno non significa affatto digiunare: colazione, pranzo e cena devono essere i tre pasti fondamentali che vanno a contraddistinguere la giornata e proprio per tale motivo questi devono essere sempre presenti.

Con il concetto di mangiare meno si identifica un’assimilazione di un quarto in meno di calorie: se per esempio si assumo mille calorie durante il giorno, occorre necessariamente ridurre a 750 le suddette. In questo modo è possibile ottenere tutti i benefici che derivano da un tipo di alimentazione che viene assolutamente controllata e che si presenta come priva di grossi eccessi i quali, in molte occasioni, tendono a essere sinonimo di malessere.

Come mangiare meno

Mangiare poco deve essere, secondo recenti studi, un tipo di operazione che deve essere svolta gradualmente.

Ridurre drasticamente le quantità di cibo ingerite quotidianamente vuol dire avvertire quella sensazione di malessere continuativo che, molto spesso, tende a colpire il proprio organismo e pertanto a impedire che la propria salute possa essere ai massimi livelli.
Mangiare poco deve quindi essere un procedimento graduale e inoltre è bene fare in modo che i diversi alimenti stuzzichino completamente l’appetito e siano sazianti.

In questo modo, pur riducendo la quantità di cibo, la propria mente viene completamente ingannata e pertanto, quella costante sensazione di fame che molto spesso perseguita coloro che sono abituati a mangiare grandi quantità di cibo, tende a essere totalmente assente, evitando quindi che la situazione possa divenire poco piacevole da fronteggiare. Pertanto mangiare poco, ma evitare di saltare i vari pasti della giornata, rappresenta una strategia che assicura diversi benefici al corpo e alla mente.

Il miglior integratore da associare

Oltre a mangiare poco ma bene ed equilibrato, si consiglia di associare un integratore naturale così da ottimizzare i risultati.

Il migliore che si trova sul mercato è sicuramente Piperina & Curcuma Plus. Un prodotto a base naturale che ha le seguenti proprietà:

  • Brucia le calorie in eccesso
  • Stimola il metabolismo e l’azione dei succhi gastrici favorendo il processo digestivo
  • Riduce il senso di fame e sazia in modo da non arrivare troppo affamati ai pasti principali della giornata
  • Depura l’organismo, l’intestino e i reni permettendo di mantenere la forma per tanto tempo.

Un integratore notificato dal Ministero della Salute in quanto efficace e consigliato nelle diete per la sua affidabilità e i risultati che è in grado di donare. Si consiglia di assumerne una compressa prima dei pasti principali insieme a un bicchiere d’acqua abbondante per attaccare le cellule adipose e impedire che si depositino.

Possono assumerlo tutti, tranne le donne in gravidanza e chi ha problemi gastrointestinali.

Per chi fosse interessato a saperne di più può cliccare qui o sulla seguente immagine.

-

Non ha controindicazioni o effetti collaterali in quanto si basa sui seguenti ingredienti naturali:

  • Piperina: presente nel pepe nero a cui dona il classico gusto piccante, stimola il metabolismo e l’azione dei succhi gastrici, oltre a bruciare le calorie e dimagrire in modo rapido ed efficace
  • Curcuma: spezia di colore giallo, si usa nella cucina orientale ed è nota anche con il nome di zafferano delle Indie, ha proprietà detox, quindi elimina le scorie e le tossine in eccesso
  • Silicio Colloidale: un ingrediente poco noto, ma che aiuta a proteggere la pelle, i tendini e le ossa, oltre ad aumentare l’efficacia e le prestazioni dei due componenti essenziali.

Essendo un prodotto originale ed esclusivo, non è disponibile nei negozi fisici o siti di e-commerce online. L’unico modo per acquistarlo è tramite il sito ufficiale del prodotto, compilare il modulo con i propri dati che sono trattati nel rispetto della privacy e attendere la chiamata dell’operatore per la conferma dell’ordine. Il prodotto è in promozione stagionale al costo di 49 € per 4 confezioni invece di 196 € con spedizione gratuita. Il pagamento si effettua sia con carta di credito o Paypal, ma anche in contrassegno, ossia in contanti al corriere al momento della consegna.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Leggi anche