Notizie.it logo

Ritenzione idrica: scopri come eliminarla con la dieta

ritenzione idrica

Per contrastare la ritenzione idrica è importante seguire una dieta equilibrata e uno stile di vita sano.

La ritenzione idrica è uno dei disturbi più comuni, soprattutto tra le donne. Il liquido che si accumula nel corpo non consente di dimagrire come si vorrebbe, inoltre provoca antiestetiche alterazioni cutanee come la cellulite. Scopri che dieta seguire per sgonfiarti e ridurre l’effetto buccia d’arancia eliminando una volta per tutte la ritenzione idrica.

Ritenzione idrica: le cause

Non solo chi è in sovrappeso soffre di ritenzione idrica, bensì chiunque non sia in grado di drenare correttamente. Le cause possono essere molteplici ma, fra tutte, le più comuni sono le seguenti:

  • Avere problemi di circolazione sanguigna, ovvero il sangue non si distribuisce correttamente in tutto il corpo.
  • Cambi ormonali. Questi favoriscono la ritenzione idrica, tant’è vero che nel periodo immediatamente antecedente il ciclo mestruale, durante la gravidanza o in menopausa le donne ne soffrono di più.
  • Anche le alte temperature possono costringere il corpo a trattenere i liquidi per evitare la disidratazione.
  • Seguire una dieta poco salutare, ovvero povera di frutta e verdura, può condurre il corpo ad immagazzinare più liquidi.
  • Bere poco o comunque una quantità d’acqua insufficiente non consente di drenare in maniera adeguata.
  • Un’altra causa di ritenzione idrica è l’eccessiva assunzione di sale. Quest’ultimo ostruisce vene e arterie impedendo così un corretto flusso sanguigno.
  • Infine, anche pazienti con disturbi come l’ipertensione, problemi epatici o cardiaci possono trattenere maggiormente i liquidi.

La dieta contro la ritenzione idrica

Per poter seguire una dieta che contrasti la ritenzione idrica è importante conoscere gli alimenti che aiutano ad eliminare i liquidi e, di conseguenza, ad alleviare il senso di gonfiore e ridurre la pelle a buccia d’arancia.

Il cibo che ingeriamo aiuta il corretto funzionamento del nostro organismo. Pertanto è di vitale importanza optare per una dieta salutare, equilibrata, povera di grassi e ricca di alimenti diuretici.

Gli alimenti che combattono la cellulite

Partiamo scoprendo quali sono le verdure e gli ortaggi con i quali eliminare i liquidi in modo naturale. Gli alimenti che verranno elencati di seguito sono ricchi d’acqua, inoltre la loro azione favorisce l’eliminazione di tossine con l’urina quindi sono perfetti da aggiungere alla dieta se quello che si cerca è contrastare la ritenzione idrica:

  • Cetriolo
  • Carciofo
  • Asparagi
  • Lattuga
  • Sedano
  • Carota.

Introdurre alimenti vegetali nella dieta non sarà comunque sufficiente, bensì è importante aumentare anche il consumo di frutta. Si ricordi inoltre che gli esperti in nutrizione raccomandano l’assunzione di 5 razioni al giorno di frutta e verdura per avere un corpo in salute e mantenersi in forma. Tra i frutti più indicati per eliminare la ritenzione idrica ricordiamo quelli più ricchi in acqua e fibre.

Sono due elementi che aiutano ad eliminare le tossine e a migliorare il nostro funzionamento interno. Ecco i frutti consigliati:

  1. Anguria. È uno dei frutti più indicati grazie alla sua notevole componente idrica, pari al 93%, che le consente di pulire l’organismo e apportare nutrienti essenziali. L’anguria è inoltre ricca di potassio e povera di iodio, pertanto è considerata un purificante naturale.
  2. Melone. Anche il melone è una delle migliori alternative per riuscire a depurare il corpo e ridurre l’accumulo di liquidi, in virtù non solo del suo alto contenuto in acqua ma anche di potassio, minerale incaricato di equilibrare l’acqua nel nostro organismo.
  3. Ananas. L’85% dell’ananas è composto da acqua, pertanto anche questo frutto merita di partecipare a questa lista. Svolge infatti un’azione depurante per l’organismo e favorisce l’eliminazione delle tossine tramite l’urina. Questo fa sì che diminuisca la ritenzione idrica e che, di conseguenza,anche la cellulite si riduca.

Tisane e infusioni

Si può notare quindi che l’obiettivo di questa dieta contro la ritenzione idrica sia quello di aumentare il consumo d’acqua giornaliero.

In questo modo il corpo resterà sempre correttamente idratato e si eviterà l’accumulo di tossine. Un’altra abitudine che si può aggiungere alla propria routine quotidiana è quella di preparare delle infusioni, composte non solo da acqua ma anche da erbe e piante ricche di proprietà medicinali che aiutano a depurare il corpo e a mantenerci sani.

Tra le infusioni indicate per la ritenzione idrica le più efficaci sono le seguenti:

  • Coda di cavallo (equiseto dei campi). È un depurativo naturale che aiuta a ridurre le tossine e attiva il drenaggio dei liquidi in modo naturale.
  • Tarassaco. Anche questo è un eccellente depurativo naturale che favorisce l’eliminazione delle tossine e dei liquidi accumulati.
  • Tè verde. Questo tipo di tè è ormai famoso per le sue proprietà antiossidanti. Inoltre, riesce a ridurre la presenza di liquidi nel corpo.

Gli alimenti da eliminare

Così come ci sono alimenti da introdurre nella dieta raccomandabili al 100%, ce ne sono altri che bisognerebbe bandire categoricamente in quanto favoriscono la ritenzione idrica, il gonfiore e la presenza di cellulite.

Se l’obiettivo è quello di ottenere una silhouette più longilinea, bisogna eliminare i seguenti alimenti:

  • Sale. Ostruisce le vene e le arterie, impedendo così al flusso sanguigno di circolare correttamente. La ragione è la sua alta concentrazione di sodio, ma attenzione: non è l’unico alimento a contenerne. In una dieta per sconfiggere la ritenzione idrica è consigliabile ridurre l’assunzione anche di altri prodotti contenenti sodio, come insaccati, formaggi, salse, bevande alcoliche, conserve, ecc.
  • Grassi saturi. I grassi si accumulano nelle vene e nelle arterie impedendo un normale flusso sanguigno, pertanto riducono il livello di pulizia organica. Una dieta salutare e povera di grassi è fondamentale per far sì che il corpo migliori.
  • Latticini interi. Il latte di mucca è un alimento colmo di grassi, e lo sono di conseguenza anche burro, yogurt, ecc. La loro assunzione va diminuita o più semplicemente sostituita con le varianti prive di grasso, che riducono al massimo l’apporto lipidico e forniscono proteine salutari.

    Ancora più indicato sarebbe sostituire latte e yogurt con le loro varianti vegetali (soia, mandorle, riso, ecc.).

Quest’articolo è meramente informativo, pertanto non vuole prescrive alcun trattamento medico o realizzare diagnosi. In caso di disturbi o malessere contattare il proprio medico.

© Riproduzione riservata
Leggi anche