Sale nello shampoo: i benefici per i capelli

I benefici del sale nello shampoo: come funziona e come si usa

Capelli grassi, con forfora, poco luminosi e voluminosi sono una costante in molte persone, per via dei radicali liberi, della cattiva alimentazione o per gli inquinanti. Ogni giorno i nostri capelli sono soggetti a una continua aggressione di agenti dannosi. Un prodotto comune come il sale, può essere salvifico, usandolo al momento del shampoo può aiutarci nella loro cura.

Oggi vi dimostriamo come mettendo un paio di cucchiaini all’interno di un contenitore di shampoo si può creare un prodotto utile alla cura e alla salute dei capelli. Il sale nello shampoo non è il segreto risolutivo per i capelli sani e belli, ma è un ottimo integratore alla loro cura.

Il sale è molto presente nell’ambiente, quello marino, iodato o di alta montagna sono i più efficaci per l’estetica. L’uomo lo utilizza da sempre, fin dalla notte dei tempi per diversi scopi non solo alimentari, ma anche per la bellezza del corpo per le sue innumerevoli proprietà di natura sia caustica in grado di eliminare le cellule morte e di purificare la pelle soprattutto del cuoio capelluto, eliminando il sebo, detergendo ed evitando la formazione della forfora.

Il sale nelle grandi culture della storia, è stato usato come elemento per favorir la bellezza dei capelli. Questa tradizione di lavare i capelli con il sale e di emulsionarli alcuni minuti con una soluzione d’acqua e del contenuto alcalino, è stato mutuato oggi con una pratica davvero diffusa e con ottimi risultati. Aggiungere sale nello shampoo, sembrerebbe il segreto per i capelli più forti e lucidi.

Sale nello shampoo: come funziona

Mettendo alcuni cucchiaini di sale nel vostro comune shampoo, si potranno vedere dei miglioramenti sullo stato del capello. Durante le normali operazioni di lavaggio, bisogna utilizzare lo shampoo con l’aggiunta di sale sul cuoio capelluto e massaggiandolo almeno per un paio di minuti fino al definitivo risciacquo.

Il sale migliore, secondo la tradizione è quello marino, perché ricco di sali minerali e nutre i follicoli.

Il segreto per i capelli

Mettendo alcuni cucchiaini nel contenitore dello shampoo, creando un’emulsione con il contenuto sul capo, si possono lavare i capelli un paio di volte alla settimana; tenendo l’emulsione ottenuta in alcuni minuti, si ottengo ottimi risultati per il benessere del capello. Si può continuare a lavare la testa con lo shampoo trattato con il sale, tutto l’anno, evitandolo nei periodi estivi, dove l’azione congiunta del sole e della alte temperature, potrebbero danneggiare la struttura pilifera, riducendone lo spessore.

I benefici del sale nello shampoo

Il sale nello shampoo ha la capacità di ridurre il disagio dei capelli grassi, assorbendo la quantità di sebo in eccesso su cuoi. Fin dai primi lavaggi, i capelli sembreranno subito più lucidi e meno grassi. Bastano alcuni mesi di trattamento per ottenere un risultato sorprendente.

Il sale, come è noto, è un potente antimicotico, in grado di ridurre le infiammazioni del cuoio capelluto e l’esfolliamento cellulare responsabile di uno dei disagi estetici più marcati, come quello della forfora.

Il sale venendo in contato con la cute in maniera topica, è in grado di stimolare la circolazione sanguigna periferica eliminando le cause della forfora.

I benefici del sale marino

Il sale marino è un grande alleato per la crescita di capelli e li rende sani e forti. Il sale favorisce il benessere del bulbo e i capelli sono subito più vivi, lisci e voluminosi. Il sale incentiva anche la naturale crescita pilifera, conviene far agire lo shampoo trattato per alcuni minuti sul cuoio, risciacquando con acqua leggermente tiepida. Già al momento dell’asciugatura i capelli saranno più luminosi. Si consiglia di usare per tale scopo il sale da cucina (quello iodato), almeno per tre mesi e per due volte a settimana.

Scritto da Redazione Online
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le migliori barrette energetiche da usare come pasti sostitutivi

Amminoacidi essenziali: le funzioni e le fonti alimentari

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.