Proprietà e controindicazioni delle bacche di schisandra

La schisandra è una bacca a cui la medicina cinese attribuisce importanti proprietà benefiche per l'organismo. Scopriamo le sue caratteristiche.

La schisandra è una pianta nativa delle regioni tropicali e temperate dell’Asia Orientale. In particolare è diffusa in Corea, nel Nord della Cina e in Russia. Si tratta di un rampicante dal fusto legnoso che arriva a crescere fino a 9 m di altezza. Le sue foglie hanno bordi lisci e i fiori, che sbocciano tra aprile e maggio, sono molto profumati.

La parte più utilizzata della schisandra sono senza dubbio le sue piccole bacche rosse che risultano morbide e raggruppate in spighe. Le bacche vengono lasciate essiccare per ottenere sia la polvere che gli estratti molto utili in fitoterapia. La schisandra ha proprietà benefiche, scopriamole insieme nel dettaglio.

Schisandra: proprietà benefiche

La schisandra è composta principalmente da costituenti della famiglia dei lignani. Tra i più importanti ci sono schisandrolo A e B, la schisandrina A e B, la schisantherina A e B e gomisina N.

Le bacche sono ricche anche di vitamine (A,C, E), steroli e tannini.

Le bacche di schisandra hanno proprietà molto importanti per l’organismo. I frutti della pianta infatti sono capaci di stimolare la memoria, i riflessi e in generale il sistema nervoso. La schisandra possiede anche la capacità di aiutare a curare gli stati depressivi e, grazie alle proprietà espettoriali, viene molto consigliata in caso di tosse secca e asma.

schis

Alcuni studi hanno evidenziato la capacità di proteggere dal cancro da parte della pianta. Essa possiede infatti due composti fitochimici, Schisandrina e Schisandrina C, che paiono capaci di rallentare e impedire la crescita delle cellule tumorali.

La schisandra è anche in grado di proteggere cuore e apparato cardiocircolatorio, inoltre ha effetti epatoprotettivi per via del gran numero di antiossidanti che possiede. In generale le bacche riescono ad aiutare a prevenire dalle infezioni mantenendo l’organismo in salute.

Un po’ di storia

La schisandra è utilizzata dall’Antica Medicina Tradizionale Cinese sin dai suoi albori. Il nome con cui è chiamata questa pianta è Wu Wei Zi perchè tale nome rimanda a una delle sue principali caratteristiche: la pianta infatti è ritenuta possedere tutti e 5 i gusti dell’antica erboristeria. La schisandra è infatti contemporaneamente acida, amara, salata, dolce e pungente.

schisandra

Secondo la medicina cinese la schisandra è in grado di far aumentare in modo naturale l’energia del corpo e di agire anche come tonico sessuale. Spesso è stata utilizzata come tonico astringente dei polmoni e dei reni, inoltre è stata impiegata anche per controllare l’incontinenza urinaria. La schisandra viene usta anche in Russia grazie alle sue proprietà protettrici del fegato e anti-diabetiche.

Controindicazioni della schisandra

La schisandra viene in generale ritenuta una pianta sicura da assumere e ben tollerata dalle persone. Ci sono comunque stati alcuni casi in cui sono insorti effetti collaterali quali bruciore di stomaco, difficoltà a livello digestivo e anche orticaria. In generale quindi sconsigliamo di utilizzare le bacche di schisandra alle persone che sono predisposte all’ulcera duodenale per evitare che possano insorgere complicazioni. Le donne in gravidanza e durante la fase di allattamento dovrebbero evitare di assumere schisandra per far rimanere in salute il bambino.

Su amazon si possono ordinare le migliori bacche di schisandra

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Melatonina per dormire e avere sonni tranquilli

Pietra pomice: caratteristiche e utilizzi

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.