Proprietà estetiche e terapeutiche della talassoterapia

La talassoterapia è una pratica che risale a tempi antichi. Apporta notevoli benefici al nostro organismo e aiuta a rilassarsi e rigenerarsi

La talassoterapia è una terapia particolare che sfrutta le proprietà curative del sale marino, del mare e di altri fattori come sabbia, fanghi ed alghe. Questa terapia è particolarmente utile come coadiuvante nel trattamento di diverse patologie della cute, delle vie aeree e dell’apparato osteoarticolare.

Proprietà della talassoterapia

Il termine talassoterapia deriva dal greco: thalassa significa mare e therapia cura.

È una pratica di origini antichissime che risalgono agli antichi Greci, Egiziani, Romani e Fenici. Per questi popoli i bagni nel mare o nelle acque termali erano un’occasione perfetta per rilassarsi e rigenerarsi, sfruttando a pieno le proprietà dell’acqua e dei suoi prodotti.

Come funziona?

La talassoterapia si basa sul principio secondo cui l’acqua di mare e il plasma dell’uomo sono molto simili. Se si immerge il corpo nell’acqua di mare, la pelle attraverso i suoi pori ne assorbe i minerali e gli oligoelementi utili a ristabilire l’equilibrio fisico.

Anche le alghe sono preziose per l’organismo perché hanno poteri antibiotici e batteriostatici. Effetti benefici stimolanti e rivitalizzanti sono stati riconosciuti anche al sale, alla sabbia, ai fanghi e alle argille.

La talassoterapia si pratica in strutture e stabilimenti situati vicino al mare, in apposite piscine o docce. Si possono fare dei pediluvi, delle passeggiate nelle vasche o dei massaggi mentre si è immersi in acqua. Per effettuare una corretta talassoterapia, l’acqua deve essere tiepida e non deve mai superare i 25°.

Patologie

La talassoterapia è particolarmente utile per trattare specifiche patologie. È ottima come rimedio coadiuvante in caso di problemi al derma come eczemi, psoriasi, dermatiti, eritemi e inestetismi come la cellulite. I benefici e le proprietà della talassoterapia sono utili anche per trattare patologie aeree come sinusiti, bronchiti, affezioni catarrali, tosse, malattie infiammatorie e malattie da raffreddamento. La talassoterapia è perfetta anche per trattare dolori muscolari e osteoarticolari, sia di natura reumatica che traumatica.

Altri benefici

Questa terapia possiede altre proprietà benefiche. Ad esempio, aumenta il metabolismo grazie alla presenza dello iodio che stimola l’organismo a bruciare grassi. Il massaggio effettuato dall’acqua sul corpo, poi, aiuta la circolazione e rinforza la muscolatura. Inoltre, esistono dei percorsi specifici per neomamme, che aiutano a rimettersi in forma dopo il parto.

Controindicazioni

La talassoterapia è controindicata in caso di malattie al sistema nervoso come epilessia e isterismo. La terapia non è adatta alle persone che soffrono di patologie cardiovascolari come l’ipertensione. Inoltre, la talassoterapia è assolutamente sconsigliata a chi soffre di patologie che interessano la tiroide, a causa dell’alta concentrazione di iodio nell’ambiente marino. Infine, questa terapia non è adatta a donne in gravidanza o in allattamento. Pertanto, se rientrate in queste categorie o soffrite di specifiche patologie, prima di ricorrere a questa terapia consultate il vostro medico.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sindrome dell’occhio secco: cause e cure

Withania somnifera: le proprietà e i benefici della pianta

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.