Tumori: in aumento quelli causati dal sesso orale

I rischi legati al sesso orale non sono da sottovalutare. Vediamo insieme perché.

Il sesso orale è la stimolazione del sesso maschile e femminile, pratica molto amata e sempre più praticata. Purtroppo non priva di rischi. I dati delle ricerche dimostrano una crescita importante dei tumori della bocca, causati da un particolare virus che si contrae durante il sesso orale.

Sesso orale

Il sesso orale è da sempre presente nella vita sessuale di coppia. Chiamato anche cunnilingus e fellatio, il sesso orale dona enorme piacere sia a lei che a lui, permette di conoscere il corpo del partner ed è uno dei momenti preferiti durante il rapporto d’amore. Anche il Kamasutra dedica un grande spazio al sesso orale e con il trascorrere del tempo e con l’emancipazione della donna, tale pratica è diventata costume amoroso sempre più normale, tanto che viene praticato da 7 donne su 10 e da 8 uomini su 10.

Sesso orale malattie

Fonte di immenso piacere, può nascondere però delle insidie per la salute, soprattutto per gli uomini. Si chiama Papillomavirus o Hpv ed è un pericoloso virus che si trasmette durante i rapporti intimi ed è causa di tumori, sia dell’utero che della bocca. Se l’uomo fuma, il rischio di contrarre tale malattia aumenta.

I carcinomi dell’orofaringe sono poco frequenti, ma secondo ricerche recenti stanno notevolmente aumentando.

Il virus penetra nella bocca ovviamente durante il sesso orale e provoca il cancro nel retro della gola, nelle tonsille o alla base della lingua. Negli USA sono 12000 le nuove diagnosi collegabili all’Hpv ogni anno e la gran maggioranza riguardano uomini. Un’arma di prevenzione è rappresentata dal vaccino contro tale virus, somministrato fino a poco tempo fa alle ragazzine per prevenire il cancro all’utero e ora esteso a entrambi i sessi.

E in Italia com’è la situazione? Ogni anno il virus colpisce 6.500 soggetti in entrambi i sessi: si tratta di lesioni anogenitali e di condilomi genitali, patologie che potrebbero sparire grazie all’introduzione del vaccino.

Tumore alla bocca

Nel cavo orale si trova la lingua, le gengive, le guance, le labbra, il pavimento orale e il palato duro: anche la bocca, come altre parti del corpo, può essere colpita da tumore. La presenza di lesioni che non si risolvono, di macchie rossastre e di ferite che non si rimarginano, sono segnali di allarme da non sottovalutare.

Il tumore alla bocca colpisce in particolare gli uomini ed è più diffuso dopo i 70 anni. La sopravvivenza media è del 50% a cinque anni dalla diagnosi, nei tumori che non si sono espansi. Importante è perciò una diagnosi precoce e una particolare attenzione ai sintomi di allarme.

Questo tipo di tumore è facilmente confondibile con altre malattie meno gravi; i sintomi, come già detto, sono anomalie nella parete del cavo orale che non si risolvono in tempi normali; purtroppo spesso questo tumore non dà sintomi iniziali e può essere scoperto solo con l’ispezione o la palpazione.

Scritto da Mara
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Bronchite: i sintomi che aiutano a riconoscere la malattia

Colonscopia: quando fare l’esame e perché farlo

Leggi anche
  • Punture di medusa: i migliori rimedi naturaliPunture di medusa: i migliori rimedi naturali

    Le punture di medusa sono dolorose e possono provocare gravi reazioni allergiche. Scopriamo come curare i sintomi e prevenire l’attacco.

  • Smettere di fumare con la sigaretta elettronicaSmettere di fumare con la sigaretta elettronica: è davvero una buona idea?

    Le e-cig sono considerate sempre più spesso uno strumento eccezionale nella lotta contro il fumo. Ecco perché.

  • Prodotti a base di cbd: scegliere quelli più sicuriProdotti a base di cbd: la scelta giusta, per ottenere quelli più sicuri

    Prima di acquistare prodotti a base di cbd occorre accertarsi che siano altamente sicuri: quali sono gli aspetti da considerare per una scelta adeguata.

  • Cura delle ferite essudanti: medicazioni in tessuto non tessutoLe medicazioni in tessuto non tessuto per la cura delle ferite essudanti

    Per favorire un ambiente ottimale alla guarigione delle ferite fortemente essudanti, Mölnlycke ha studiato la gamma Exufiber®.

Contents.media