Vitamina K: proprietà e controindicazioni

La vitamina K è importante per la coagulazione del sangue, ma può causare anche anemia, tossicità epatica ed emorragie cerebrali

La vitamina K è una vitamina liposolubile che svolge importanti funzioni nel nostro organismo, ma che può causare anche seri effetti collaterali. Scopriamola insieme.

Vitamina K: di cosa si tratta?

La vitamina K ha un ruolo fondamentale per la sintesi a livello epatico della protrombina e dei fattori VII, IX e X, tutte proteine che, una volta attivate, danno vita al processo di coagulazione.

Essendo una vitamina liposolubile, la vitamina K non è presente in grandi quantità nell’organismo e va assunta mediante l’alimentazione. L’assorbimento della sostanza è coadiuvato dalla contemporanea presenza di grassi nella dieta.

Vitamina K: le principali funzioni

La vitamina K, oltre a favorire la coagulazione del sangue, svolge anche altre importanti funzioni utili alla nostra salute.

La sostanza, infatti, previene le malattie del cuore, dato che inibisce la calcificazione delle arterie e favorisce il ricambio delle cellule muscolari dei vasi.

La vitamina K, inoltre, riduce il rischio di calcificazione dell’aorta nonché il rischio di infarto.

Ancora, la vitamina K contribuisce alla salute delle ossa dato che favorisce il metabolismo del calcio, modulando i processi di calcificazione ossea. Al tempo stesso, la sostanza consente il riassorbimento del calcio a livello renale e impedisce la disgregazione delle ossa.

Infine, la vitamina K rallenta l’insulino-resistenza, aiutando così nella prevenzione del diabete.

Vitamina K: come assimilarla con la dieta

La vitamina K, come già accennato, non viene naturalmente prodotta dall’organismo, ma deve essere assunta attraverso l’alimentazione. I cibi che contengono più vitamina K sono gli ortaggi a foglia verde come spinaci, bieta, lattuga, prezzemolo, broccoli, cereali, carne, formaggi, oli vegetali come l’olio di girasole, prodotti fermentati a base di soia.

Per favorire il completo assorbimento della vitamina K, è necessario assumere anche alimenti grassi come semi, frutta oleosa, olio d’oliva e pesci grassi, ricchi di Omega-3 e Omega-6.

Vitamina K: le controindicazioni per la salute

Gli esperti hanno registrato alcuni casi di tossicità della vitamina K soprattutto nei neonati prematuri, che possono produrre effetti collaterali come anemia, tossicità epatica, ittero ed emorragie cerebrali.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Cosa mangiare e quali sono i benefici della dieta ricca di fibre

Maschera al lievito di birra per capelli: tutti i benefici

Leggi anche
  • Fibromialgia: cos'è e come si curaFibromialgia: di cosa si tratta e come si cura

    La fibromialgia è una condizione dolorosa molto diffusa che colpisce circa 1.5 – 2 milioni di Italiani, vediamo di cosa si tratta e come si cura.

  • Dolori articolari: come curarliCome curare i dolori articolari

    Le cause che stanno all’origine dei dolori articolari possono essere diverse, quindi la cura da seguire può essere diversa in relazione al singolo caso.

  • Resveratrolo: a cosa serve e cos'èResveratrolo: cos’è e a cosa serve

    Il resveratrolo dà importante supporto all’organismo, per questo occorre seguire una dieta con alimenti che lo contengano o assumere integratori specifici.

  • Difetti visivi: intervento laser PRKDifetti visivi: tutto quello che c’è da sapere sull’intervento laser PRK

    Uno dei trattamenti più utilizzati per correggere i difetti visivi è l’intervento laser PRK, vediamo cos’è e come si svolge l’operazione.

Contents.media