Acido fitico: un antinutriente dalle proprietà benefiche

Scopriamo le principali proprietà dell'acido fitico, da sempre considerato un antinutriente, e in quali alimenti trovarlo.

L’acido fitico è la sostanza che immagazzina il fosforo nei vegetali grazie a degli enzimi (fitasi) che lo elaborano permettendo alla pianta di utilizzarlo durante la crescita. L’uomo invece ne è privo.

Viene considerato un antinutriente in quanto in grado di limitare l’assorbimento o l’utilizzo di alcuni nutrienti.

Nello specifico i minerali utili al nostro metabolismo, ossia calcio, ferro, magnesio e zinco, legandosi a loro e formando dei sali indissolubili chiamati fitati.

Inoltre sembrerebbe in grado di inibire enzimi importanti per la digestione di amido, lattosio e proteine.

Nonostante ciò, seguendo una dieta bilanciata, non provoca carenze, e una corretta assunzione di vitamina C è fondamentale per ridurre l’effetto chelante dei fitati e quindi inibire la produzione dell’acido fititco in eccesso

Acido fitico: in quali alimenti si trova

Advertisements

Gli acidi fitici sono presenti soprattutto in cereali e legumi, concentrati prevalentemente nei semi e nelle parti fibrose, ecco perchè si consiglia di mettere ammollo i legumi prima di consumarli e di fare attenzione ai panificati non cotti a sufficienza. Anche lievitazione lenta o acida aiuterebbero ad abbattere il contenuto dei fattori antinutrizionali.

Per ridurre il contenuto di acido fitico increali e legumi, possiamo anche lasciarli germogliare, in questo modo le fitasi presenti lo scinderanno per sviluppare il germoglio.

È praticamente assente nei prodotti raffinati o molto lavorati e cotti, infatti i fitati vengono inattivati dal calore e dalla fermentazione.

Le principali fonti sono, in ordine decrescente:

  • Sesamo
  • Soia
  • Arachidi
  • Cacao in polvere
  • Mais
  • Noccioline
  • Mandorle
  • Fagioli borlotti
  • Fave
  • Piselli
  • Pane integrale
  • Lenticchie
  • Avena
  • Grano
  • Orzo
  • Riso
  • Castagne

Le proprietà

Nonostante il suo ruolo di antinutriente, l’acido fitico possiede delle proprietà interessanti per il nostro organismo.

Risulta infatti avere una forte attività antiossidante.

Questa sostanza è infatti in grado di chelare (ovvero legare a se le molecole di un atomo metallico) il ferro ed alte sostanze che, se in eccesso nel nostro organismo, possono diventare pericolose.

Le proprietà antiossidanti e chelanti dell’acido fitico lo rendono pertanto utile a:

  • Prevenire il cancro: eliminando il ferro in eccesso, contrasta la comparse dell’idrossile, un agente chimico (radicale libero) piuttosto pericoloso che danneggia proteine e DNA, contribuendo così alla prevenzione di alcuni tipi di cancro.
  • Ridurre la formazione dei calcoli renali: grazie alla riduzione dell’assorbimento di calcio, impedisce a quest’ultimo di aggregarsi formando calcoli renali.
  • Ridurre le macchie cutanee: inibisce la sintesi della melanina tramite l’assorbimento del rame, e l’ossidazione di quella già formata. Viene pertanto utilizzato in creme cosmetiche specifiche per la riduzione delle macchie cutanee.
  • Proteggere il sistema cardiovascolare: riducendo i livelli di zinco, rame e calcio, i fitati potrebbero ridurre il colesterolo e i processi di calcificazione a carico di lesioni cardiovascolari.
  • Ridurre lo stress ossidativo: risultati positivi si sono avuti anche valutando la riduzione del danno ossidativo dovuto a ischemia/riperfusione ed è stato recentemente valutato un possibile ruolo protettivo verso la malattia di Alzheimer per lo stesso motivo.
  • Conservare gli alimenti (0,1%): sequestrando i metalli, impedisce loro di intaccare gli altri ingredienti.
Scritto da Alexandra Tubaro
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Medicina Ayurvedica: tutti i benefici sulla salute

Massaggi ed estetica: l’importanza dei corsi di formazione

Leggi anche
Contents.media