Aneto: quali sono i benefici e quali le controindicazioni

L'aneto è un'erba molto apprezzata in cucina per via del suo sapore unico, ma si tratta anche di un prodotto davvero ricco di benefici per la salute.

L’aneto è un’erba davvero molto conosciuta e apprezzata in cucina per via del suo sapore incredibilmente unico. Questa pianta però è anche ricca di benefici per la salute e di conseguenza i motivi per consumarla sono numerosi. Impariamo a conoscerla meglio scoprendo anche quali sono le possibili controindicazioni.

Benefici dell’aneto

I benefici dell’aneto sono numerosi, infatti questa pianta aromatica risulta ottima per migliorare la salute dell’apparato gastrointestinale. Chi soffre di problemi di digestione, di meteorismo oppure di coliche dovrebbe infatti utilizzarla regolarmente per migliorare le proprie condizioni.

L’aneto è molto utile anche per combattere l’alitosi e grazie al suo potere diuretico risulta essere un rimedio naturale molto efficace anche per chi soffre di cellulite o di ritenzione idrica.

Le straordinarie doti depurative e calmanti dell’aneto lo rendono ottimo anche per riposare meglio.

Questa pianta è anche ricca di proprietà antimicrobiche e antifungine, per questo motivo è ideale per rinforzare naturalmente il sistema immunitario.

L’aneto vanta anche proprietà anticancro per via della presenza di alcuni principi attivi conosciuti come montepremi.

Usi dell’aneto

Gli usi dell’aneto sono svariati dal momento che possono essere usati sia i semi essicati che le foglie.

Questa pianta risulta particolarmente apprezzata in cucina per via del suo sapore.

Per avere tutti i suoi benefici, l’aneto può anche essere usato per realizzare una tisana. L’uso fitoterapico e curativo dell’aneto infatti è molto apprezzato e infatti in commercio ci sono anche numerosi integratori naturali proprio a base di questo prodotto.

Controindicazioni dell’aneto

Le controindicazioni dell’aneto sono davvero poche. Se lo si usa in cucina in piccole dosi infatti non ci sono effetti collaterali di alcun tipo.

Un uso fitoterapico e curativo invece è sconsigliato durante la gravidanza e durante l’allattamento. Anche le persone che hanno infiammazioni alle vie urinarie o che stanno molto tempo esposte al sole dovrebbero evitarne l’utilizzo.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ortica verde, tutti i benefici per l’organismo

I migliori rimedi naturali contro l’alito cattivo

Leggi anche
Contents.media