Caffeina e teina: quali sono le differenze e gli effetti

Il caffè e il tè sono due sostanze apparentemente diverse ma molto simili: gli effetti che caffeina e teina hanno sulla salute.

Se al palato la differenza tra una tazza di caffè e una di tè è subito evidente, lo stesso non si può dire per quanto riguarda la differenza tra teina e caffeina. Infatti caffeina e teina in realtà sono esattamente la stessa sostanza! Quando fu fatta questa scoperta erano già stati assegnati però due nomi differenti al principio contenuto in queste bevande e quindi fu deciso per praticità di mantenere entrambe le diciture.

Nonostante quindi la composizione chimica sia la stessa esistono comunque delle differenze tra il tè e il caffè. Infatti, anche se la concentrazione di questo elemento nelle foglie di tè è il doppio rispetto a quello contenuto nei grani di caffè, il differente metodo di estrazione porta ad avere un risultato finale opposto rispetto a quello di partenza. Una tazzina di caffè infatti contiene fino a 80 mg di teina/caffeina mentre una tazza di tè circa la metà.

Caffeina e teina: cosa sono

La teina/caffeina è una sostanza appartenente alla famiglia degli alcaloidi naturali. Questo principio è presente in diverse piante, oltre quella del caffè e del tè, come per esempio la pianta di cacao e di guaranà. In natura la consistenza della teina/caffeina è di tipo solido e di colore bianco, senza nessun tipo di odore. Notoriamente è conosciuta per le sue proprietà stimolanti del sistema nervoso e viene utilizzata per contrastare stati di sonnolenza e aumentare la concentrazione mentale.

Questo principio è presente in diversi alimenti e bevande in commercio come caramelle, cola e numerose bevande energetiche, oltre che ovviamente nel caffè e nel tè. Nonostante i possibili benefici che può apportare all’organismo è fondamentale non superare la dose giornaliera raccomandata per evitare possibili effetti collaterali.

Secondo le ultime ricerche è preferibile non superare i 300 mg/die di caffeina/teina, che corrispondono a circa sei tazze di tè o la metà di caffè.

Da non dimenticare inoltre che la teina/caffeina è presente in moltissimi altri alimenti e bevande ed quindi è fondamentale prestare molta attenzione a quanta se ne assume inavvertitamente. Ad oggi la teina/caffeina è l’unica sostanza psicoattiva legale in tutti gli Stati del Mondo ed è sicuramente la più consumata dal pubblico, in America per esempio più del 90% degli adulti consuma teina/caffeina tutti i giorni.

Gli effetti sulla salute dell’organismo

Come già accennato in precedenza la teina/caffeina è contenuta sia nel tè che nel caffè in percentuale differenti. Il tè è una bevanda che, assunta senza zucchero, non contiene nè carboidrati nè grassi ma contemporaneamente è caratterizzata da diversi sali minerali come calcio, magnesio e zinco oltre ad essere ricca di polifenoli, famosi per le loro proprietà antiossidanti. Questa bevanda ha diverse proprietà, aiuta infatti a diminuire il senso di stanchezza e a migliorare l’attenzione, inoltre la teina/caffeina presente è un fantastico alleato in caso di dieta dimagrante poiché favorisce l’eliminazione dei grassi, la diuresi oltre che accelerare il metabolismo e favorire un senso di sazietà.


Il caffè invece, nelle giuste quantità, ha un effetto diuretico e facilita la digestione. In piccole dosi aiuta a rallentare il battito cardiaco e provoca broncodilatazione, oltre che apportare all’organismo tutti i benefici già riferiti in precedenza. Ovviamente è molto utile per contrastare il senso di affaticamento. Se assunto però in grosse quantità può avere conseguenze sul sistema digerente come acidità di stomaco o reflusso gastroesofageo. Inoltre può avere ripercussioni sul sistema nervoso e cardiovascolare provocando insonnia e tachicardia.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Biancospino: le proprietà e i benefici

Indice glicemico degli alimenti: come si calcola

Leggi anche
  • Dieta del gruppo sanguigno 0 negativo: cosa mangiareDieta del gruppo sanguigno 0 negativo: cosa mangiare

    Dieta del gruppo sanguigno 0 negativo, il menu tipico di questa alimentazione a seconda del gruppo sanguigno.

  • Dieta del gruppo sanguigno 0 positivo: cosa mangiareDieta del gruppo sanguigno 0 positivo: cosa mangiare

    La dieta del gruppo sanguigno 0, ecco cosa mangiare per chi ha il gruppo sanguigno zero.

  • pexels ready made 3874016Cattiva alimentazione: conseguenze e rimedi

    L’alimentazione è una parte fondamentale della nostra vita e per questo una cattiva alimentazione potrebbe comportare dei problemi.

  • Dieta Cram invernaleDieta Cram invernale: i benefici e come seguirla

    Nella dieta Cram invernale ci sono alcuni alimenti permessi che aiutano a depurarsi e dimagrire in vista del Natale e delle abbuffate.

Contentsads.com