Notizie.it logo

Scopri che cosa succede quando ti soffi il naso

soffi il naso

Soffiare il naso viene naturale in caso di raffreddore. Ma cosa succede veramente? E quando non è il caso di farlo?

Non puoi fare a meno di fissare il distinto gentiluomo più grande seduto accanto a te al caffè lungo il marciapiede. Sta indossando un farfallino e sistemando i suoi occhiali prima che si immerga nel giornale del mattino. Ti senti come se fossi entrata in un’era diversa (forse dovresti leggere qualcosa di Hawthorne questo fine settimana) e, per capriccio, ordini un vero e proprio servizio da tè come se tu fossi la Regina in persona. È tutto appropriato finché… L’oggetto del tuo interesse improvvisamente brandisce un fazzoletto e sbuffa all’interno delle sue nicchie. E tu pensi: “Ti soffi il naso così? Con un entusiasmo che ricorda una tuba in una banda che marcia?”

Una volta o l’altra capita a tutti noi.

Che genere di complesse macchinazioni interne scatta in azione quando ti soffi il naso?

Il nostro naso

Iniziamo dando un’occhiata ravvicinata alla variegata vita interna delle nostre narici. All’interno delle narici ci sono membrane nasali. Quando sono sane, sono carnose di colore rosa come le gengive della bocca. Le membrane nasali che sono rosse o bluastre potrebbero segnalare allergie o un’infezione, rispettivamente. I corridoi nasali sono ricoperti di peli sottili, chiamati ciglia. Le ciglia formano un rivestimento protettivo contro oggetti estranei. Quando detriti, batteri, virus o funghi vengono inalati, le ciglia li catturano ed evitano che entrino nei polmoni.

Le ciglia, ricche di sensori, sono progettate per rispondere a intrusi ed altre condizioni, come un incremento di muco vischioso provocato da un raffreddore o da allergie.

Quando le ciglia si imbattono in queste condizioni, sconfiggono più velocemente e spingono questi visitatori indesiderati verso le uscite nasali. Qualche volta, puoi essere costretta ad aiutare le cose e così ti soffi il naso.

Cosa fare quando ti soffi il naso

Quando ti soffi il naso, opta per un fazzoletto usa e getta invece di un fazzoletto lavabile. Quello di stoffa può diventare un rifugio per batteri. Inoltre, respira profondamente attraverso la tua bocca e poni il fazzoletto sul tuo naso senza sigillare le tue narici. Con la tua bocca aperta per prevenire una pressione eccessiva sui timpani, blocca una narice con le tue dita mentre spingi fuori aria dall’altra narice. Utilizzando soffi d’aria spezzati, soffici continua a pulirti il naso – una narice alla volta.

Soffiarsi il naso è una procedura complessa che è naturale per la maggior parte delle persone, una che aiuta una risposta sempre in atto che sta avendo luogo all’interno delle tue narici.

Quando ti soffi il naso, stai forzando aria fuori dalle tue condotte nasali, insieme a detriti e muco.

Quando soffiare è difficile

In ogni caso, se hai una grave infiammazione nasale, può diventare quasi impossibile spostare aria fuori o dentro le tue narici. Se provi comunque a soffiarti il naso, potresti scagliare muco infetto all’interno delle cavità. Uno studio del 2000 da parte di ricercatori presso l’Università della Virginia ha scoperto che quando i soggetti tentavano di soffiare i loro nasi intasati, non solo proiettavano muco all’interno delle loro cavità, ma generavano anche una pressione significativa che poteva avere un impatto negativo sulle trombe di Eustachio. La morale? Se sei gravemente intasata, rinuncia ai fazzoletti e opta per una doccia piena di vapore per diminuire l’infiammazione nasale e permettere al muco di fluire autonomamente.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche