Curry, una spezia antica dalle mille proprietà     

Il curry è una spezia antica dalle mille proprietà, perfetta per insaporire qualunque piatto

Il curry è una spezia di origini antiche. Di colore giallo intenso, profumata e piccante, il curry è una miscela di spezie tostate e ridotte in polvere, perfetta per insaporire qualunque piatto. Infatti, dona un gusto deciso e originale a qualunque pietanza, dalla carne, al pesce, ai primi piatti.

È perfetto anche per insaporire le insalate o le uova.

Qualità e caratteristiche del curry

Una miscela di spezie

Esistono diverse varianti del curry, per questo la miscela che lo compone varia per ogni tipologia. Nel mondo occidentale, la composizione del curry classico è abbastanza standardizzata. All’interno vi sono cumino, curcuma, cannella, chiodi di garofano, fieno greco, noce moscata, coriandolo, zafferano, pepe nero, peperoncino e zenzero.

Composizione

In 100 grammi di curry vi sono 60% di carboidrati, 30% di grassi e 10% di proteine.

È una spezia ricca di vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamine E e K. Contiene anche minerali come potassio, calcio, sodio, magnesio, ferro, rame zinco, selenio, manganese e fosforo e antiossidanti. Per la quantità indicata fornisce 320 kcal, quindi una spezia non proprio dietetica.

Proprietà e benefici

Il curry, essendo composto da diverse spezie, racchiude al suo interno moltissime proprietà e qualità. È utile per la buona funzionalità dell’apparato digerente, perché migliora significativamente la digestione e regolare il metabolismo.

Contrasta il meteorismo e il gonfiore addominale e allevia i sintomi di nausea e vomito. Ha proprietà antinfiammatorie, perfette per chi ha problemi muscolari e articolari. Ha proprietà antiossidanti che supportano la funzionalità epatica e ne favoriscono la depurazione.

Il curry è perfetto per chi soffre di colesterolo alto e diabete, perché controlla i livelli di colesterolo e glicemia nel sangue. Inoltre, previene alcune malattie cardiovascolari, perché regolarizza il ritmo cardiaco e la circolazione sanguigna.

Ha un’azione antibatterica e disinfettante nel cavo orale, denti e intestino. Infine, ha anche un’azione dimagrante, perché la presenza di peperoncino e zenzero presenti nella miscela del curry innalzano la temperatura corporea, favorendo il consumo calorico. Previene inoltre la ritenzione idrica, riducendo la formazione di cellulite.

Controindicazioni

Le diverse spezie presenti all’interno del curry, oltre ad avere effetti benefici, possono anche produrre effetti negativi. È controindicato in caso di problemi biliari e di reflusso gastroesofageo, perché il pepe ne peggiora lo stato infiammatorio. Il peperoncino, inoltre, può peggiorare le infiammazioni all’apparato genito-urinario in caso di cistiti. Il curry è ben tollerato in gravidanza, e si consiglia di consumarlo 2 volte a settimana. La spezia è perfetta anche in caso di celiachia, perché priva di glutine.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Allenamento a casa: come adattare il lavoro

Olio essenziale di lavanda: tutti gli usi e le proprietà benefiche

Leggi anche
  • olio essenziale di rosmarino come prepararloOlio essenziale di rosmarino fai da te: come prepararlo

    Olio essenziale: come preparare quello di rosmarino

  • proprietà dimagrantiTisana mela e cannella: i benefici

    Tisana mela e cannella: i benefici dimagranti.

  • chetogenica per 21 giorniDieta chetogenica dei 21 giorni: come seguirla

    21 giorni di dieta chetogenica, il menu

  • dieta dissociata: come seguirlaQuando è consigliata la dieta dissociata?

    Tutte le regole della dieta dissociata: quando è consigliata

Contents.media