Dieta Penta: il menu settimanale per dimagrire velocemente

Cos’è la dieta Penta? Scopriamo il menu settimanale da seguire per dimagrire velocemente

La dieta Penta è una delle diete dimagranti veloci più gettonate e amate sul web, già da qualche anno. Ma in cosa consiste per perdere peso? È facile, efficace in tempi molto rapidi e non richiede di rinunciare al gusto. Ecco la dieta Penta e il menu settimanale.

Dieta Penta: il menu settimanale per dimagrire velocemente

La dieta Penta o anche Penta diet in inglese, è un regime dimagrante introdotto intorno agli anni 2000 che si discosta da tutte le diete precedenti, basate sul peso degli alimenti. Come dice il nome, la dieta si divide in cinque fasi, caratterizzate dall’eliminazione e dalla successiva reintroduzione graduale dei normali alimenti (suddivisi in proteine, grassi, carboidrati).

Alla base dell’efficacia di questa dieta penta c’è l’inibizione della secrezione di insulina, che è tra i responsabili della mancata demolizione dei grassi. Questo effetto si ottiene grazie all’impiego di proteine ad alto valore biologico e di amminoacidi essenziali.

Al centro della dieta penta non vi sono elaborati programmi quotidiani ma specifici prodotti dietetici, detti pasti sostituivi funzionali, che, come dice il nome stesso, fungono da sostituti del pasto tradizionale.

Non solo delle classiche barrette e integratori, ma minestre, creme, frittate, budini, dolci, bevande calde e fredde. Questi prodotti, che in genere vengono suggeriti dal medico sotto forma di kit completi, hanno dei grandi vantaggi:

riducono il senso di fame;

hanno un gusto molto gradevole, simile a quello degli alimenti tradizionali che sostituiscono;

regalano una sensazione di benessere, grazie all’azione psicotonica dei corpi chetonici, che stimolano la produzione di serotonina e dopamina.

La dieta Penta, come suggerisce il nome, è divisa in 5 fasi da seguire alla lettera per ottenere i risultati sperati. Eccole nel dettaglio.

Prime due fasi: sono quelle che consentono di perdere peso, senza la pesatura degli alimenti. In queste fasi, i veri protagonisti sono i pasti sostitutivi funzionali. Grazie all’assunzione di questi prodotti dietetici l’organismo viene educato a trarre energia dal consumo della massa grassa e, per questo, dopo pochi giorni, non si avverte più il senso di fame.

Terza e quarta fase: sono delle fasi di transizione, in cui si passa dall’impiego di pasti sostitutivi alla graduale reintroduzione di grassi e carboidrati.

Quinta fase: si tratta del mantenimento, che, come in tutti i programmi dietetici, non consiste in una dieta vera e propria ma in una fase di gestione, il cui successo dipende dalla buona riuscita degli step precedenti.

Menu settimanale della dieta Penta: cosa mangiare?

Come abbiamo visto, la dieta Penta si fondata su 5 fasi (Penta per l’appunto) in cui si eliminano alcuni alimenti e si reintroducono gradualmente con l’obiettivo di perdere peso in modo veloce e senza rinunce. Ecco il menu di una giornata esempio.

Colazione: un bicchiere di latte scremato o tè verde, un caffè senza zucchero, due fette di pane integrale o fette biscottate integrali, due cucchiaini di miele o marmellata

Spuntino: un frutto di stagione o un quadratino di cioccolato fondente amaro

Pranzo: un piatto di spaghetti al pomodoro e basilico oppure due patate lesse, bistecca di vitello oppure arrosto di tacchino oppure due uova sode, contorno di verdure, frutta di stagione

Merenda: yogurt magro

Cena: riso condito con verdure, nasello bollito oppure seppie al pomodoro oppure sogliola al vapore oppure prosciutto, contorno di verdure, frutta di stagione.

Scritto da Chiara Sorice

Lascia un commento

E’ possibile dormire con gli occhi aperti? Le cause

Dieta Mediterranea: consigli e rimedi per perdere peso

Leggi anche