Dimagrire camminando: tutti i consigli

E' possibile perdere peso e tornare in forma grazie alla camminata veloce, da praticare almeno 3 volte a settimana per 50 minuti

Dimagrire camminando non solo è possibile, ma è anche la via più breve per perdere peso e tornare in forma. Non servono attrezzature specifiche o un abbonamento in palestra, tutti possono farlo, principianti ed esperti, a qualunque età.

Dimagrire camminando: i consigli

Ogni giorno percorriamo diversi chilometri a piedi senza neanche accorgercene. Che sia per andare al lavoro, andare a fare la spesa, prendere i mezzi o per altre ragioni, camminare è un comportamento del tutto naturale. Tuttavia, se si vuole perdere peso, occorre conoscere e praticare il metodo giusto per trasformare la camminata in un vero e proprio esercizio sportivo. Prima di scoprire come dimagrire camminando, ricordati che questa pratica risulta efficace solo se praticata con costanza e se viene accompagnata da una dieta equilibrata.

Advertisements

Abbigliamento sportivo

La prima cosa da fare per dimagrire camminando è curare l’abbigliamento sportivo. Occorrono scarpe adatte a camminare, comode e traspiranti. Anche l’abbigliamento deve essere adatto allo scopo.

Ricordatevi di proteggervi dal sole o dal freddo e di indossare quindi occhiali protettivi, crema solare, scaldacollo, cappello ed eventualmente una giacca che protegga da pioggia e vento.

Munirsi di un’app su smartphone o di uno smartwatch per monitorare velocità e andatura media può essere utile per mantenere un ritmo costante e vedere nel tempo i progressi fatti.

Scegliete un percorso adatto alle vostre capacità e alla vostra resistenza, e specie se siete all’inizio non strafate. Se avete paura di annoiarvi, potete sempre scegliere di ascoltare un po’ di musica e portarvi dietro gli auricolari.

Per dimagrire camminando dovete essere comodi e liberi nei movimenti, perciò portatevi un piccolo zainetto o un marsupio in cui mettere dentro chiavi di casa, borraccia e cellulare.

Come fare?

Dimagrire camminando è possibile solo se si rispettano alcuni parametri mentre si fa attività fisica.

Occorre mantenere un ritmo di camminata costante, continuativo e piuttosto veloce. Perché la camminata sia efficace, è necessario raggiungere la zona di resistenza compresa tra il 60% e il 75% della frequenza cardiaca massima, ovvero il numero massimo di battiti del cuore in 1 minuto quando si è sottoposti a sforzo fisico.

Mantenendo la frequenza cardiaca a quei livelli è possibile bruciare i grassi di riserva. Ti accorgerai di essere in questa condizione se, durante il tragitto, percepisci i muscoli del corpo attivi ma non hai il fiato corto.

Durata

Per dimagrire camminando e ottenere dei risultati soddisfacenti, occorre praticare questa attività per minimo 40 minuti e massimo un’ora e mezzo. Più tempo passerai camminando, prima raggiungerai il tuo obiettivo e perderai peso. Si deve camminare per minimo 3 giorni a settimana e massimo 5 giorni. Lasciati sempre due giorni di riposo in cui il corpo si rigenera e ricarica per il prossimo allenamento.

Considera che in un’ora di camminata a ritmo sostenuto riuscirai a bruciare 250 kcal e per avere dei risultati visibili occorrono tempo e pazienza. In media, si perde davvero peso dopo circa 10 settimane di camminata, perciò non ti scoraggiare se non vedi subito dei risultati concreti ma persegui il tuo obiettivo.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I migliori rimedi per alleviare la sindrome pre-mestruale

Tutto ciò che c’è da sapere sulla vitiligine

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.