Le cause e i rimedi efficaci contro la glicemia alta dopo i pasti

Scopriamo quali possono essere le cause di una glicemia troppo alta dopo i pasti e vediamo i rimedi più efficaci per prevenirla e contrastarla

La glicemia è quel valore che indica i livelli di glucosio (zucchero) nel sangue che, a digiuno, sono al minimo, mentre aumentano dopo i pasti per un paio di ore circa.

Queste variazioni sono assolutamente normali entro certi limiti e sono legate all’entrata in circolo del glucosio derivante dagli alimenti e assorbiti a livello intestinale.

Tuttavia, nelle persone ad aumentato rischio di diabete, prima ancora che la malattia si manifesti, la glicemia aumenta in modo eccessivo dopo i pasti. Questo fenomeno è da tenere sotto controllo, un elevato livello di glucosio nel sangue può infatti provocare nel tempo danni importanti al sistema cardio vascolare, alle piccole arterie di retina, reni e ai nervi.

Glicemia alta dopo mangiato: le cause

La glicemia troppo alta dopo i pasti, o iperglicemia postprandiale, inizia prima del diabete di tipo 2, quando il paziente si trova ancora in uno stato pre-diabetico, definito di alterata tolleranza al glucosio.

Ciò che fa più male e danneggia gli equilibrati livelli di glucosio nel sangue è sicuramente uno stile di vita sedentario e una condizione di sovrappeso, tuttavia é stata trovata una possibile spiegazione scientifica a questo fenomeno:

è stato infatti scoperto, grazie ad una ricerca recente svoltasi in Italia, che alcune persone assorbono più rapidamente e in maggior quantità di altre gli zuccheri della dieta a causa dell’esuberanza dell’SGLT1, un trasportatore specializzato nell’assorbimento del glucosio a livello del duodeno, dove avviene la maggior parte dell’assorbimento degli zuccheri.

Vi sono numerose altre cause di variazione dei livelli glicemici a livello transitorio, da considerare al momento della misurazione:

  • virus o influenza
  • allergie
  • ora del pasto
  • tipologia del cibo,
  • tipo e quantità di carboidrati (per esempio, pane, pasta, cereali, verdura, frutta e latticini),
  • esercizio o attività fisica,
  • malattie e dolore,
  • farmaci per il diabete,
  • alcolici, stress emozionali,
  • carenza di sonno
  • variazioni ormonali (mestruazioni, patologie)
  • fumo
  • altri farmaci,
  • tecniche di misura.

Rimedi per la glicemia alta

Alimentazione

La correzione dell’eccessivo assorbimento intestinale del glucosio potrà rappresentare una possibile strategia terapeutica utile non solo per trattare l’iperglicemia post-prandiale, ma anche per prevenire lo sviluppo del diabete nei soggetti a rischio. Sono pertanto in fase di sviluppo dei farmaci che avranno questa azione inibitoria.

In attesa di farmaci adeguati è sicuramente indicato, per contrastare il valore della glicemia alta, consumare un numero di pasti da cinque a sette durante la giornata riducendo le calorie di ogni pietanza e distrubuendole in modo bilanciato.

Una dieta più ricca di fibre aiuterà a limitare l’assorbimento intestinale degli zuccheri, inoltre l’introduzione di alimenti antiossidanti, ricchi di omega 3 (tonno, aringa, sgombro) e acido alfa linoleico (soia, semi di lino, uva) può dare un valido contributo ad ottimizzare le funzioni metaboliche.

È bene dare anche spazio alle vitamine e grassi riducendo i carboidrati e, per quanto possibile, pianificare per ciascun pasto una giusta composizione di amidi, frutta e verdure, proteine e grassi. Programmare pertanto i pasti senza intervalli troppo lunghi tra uno e l’altro con un apporto calorico bilanciato ed evitando zuccheri, carboidrati e alcoolici.

Esercizio fisico

L’attività fisica è una componente importante nella gestione delle variazioni glicemiche. Durante l’esercizio fisico, i muscoli consumano glucosio come fonte energetica, quindi un attività fisica regolare aiuta l’organismo ad adoperare l’insulina con più efficienza.

Questi fattori concorrono ad abbassare il livello glicemico nel paziente diabetico e a prevenirne l’innalzamento eccessivo in quello sano e più si conoscono i fattori, patologici o transitori, che influiscono sul glucosio, più si potrà prevedere e prevenire la glicemia troppo alta dopo i pasti.

Scritto da Alexandra Tubaro
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Carenza di triptofano e malumore: come comportarsi?

Preparare la pelle alla depilazione: i consigli

Leggi anche
Contents.media