Kava kava: proprietà benefiche ed effetti collaterali

La kava kava ha proprietà ansiolitiche e sedative efficaci, ma non bisogna abusarne per non nuocere a pelle, occhi e cuore

La kava kava è il nome delle radici di una pianta ricca di proprietà benefiche ma anche effetti collaterali. Scopriamo insieme le sue caratteristiche.

Kava kava: che cos’è?

Il nome kava kava indica le radici e il rizoma dell’arbusto Piper methysticum Forst., appartenente alla famiglia delle Piperaceae ed originario della Polinesia e dell’Oceania.

La pianta è ricca di proprietà benefiche, che esamineremo a breve, ma occorre fare attenzione alle dosi che si assumono. Infatti, dosi massicce possono provocare effetti tossici, fino ad arrivare all’arresto cardiaco.

Occorre quindi imparare ad assumere la kava kava come hanno imparato a fare i polinesiani, per trarne tutti gli effetti benefici.

Kava kava: le proprietà benefiche

La kava kava, se tagliata in piccoli pezzettini, possiede proprietà ansiolitiche e sedative davvero efficaci.

Non solo, le radici possiedono anche proprietà ipnotiche, anticonvulsivanti, miorilassanti ed anestetico-locali.

Tali proprietà, riconosciute anche dal mondo scientifico occidentale, si devono alla presenza dei kavalattoni, dei principi attivi molto efficaci.

Per beneficiare degli effetti ansiolitici, però, è necessario consumare la radice nelle dosi consigliate. Solo così il prodotto aiuterà a placare stati d’ansia o preoccupazioni senza creare alcun effetto collaterale.

In Polinesia e Oceania, invece, la kava kava viene utilizzata per sedare i litigi tra persone, e per favorire la socializzazione anche in occasione dei matrimoni.

Inoltre, viene utilizzata per commemorare i defunti, perché facilita le comunicazioni con l’aldilà.

Kava kava: gli effetti collaterali

Se si rispettano i dosaggi consigliati, la kava kava produce pochi e rari effetti collaterali, che compaiono solo nel 2,5% dei casi. Si tratta di reazioni allergiche, problemi gastrointestinali, cefalea o capogiri.

Invece, se non si rispettano i dosaggi consigliati e si abusa della radice, assumendone quantità esagerate per lunghi periodi, vi è il rischio di provocare seri effetti collaterali.

Un abuso di kava kava, infatti, può nuocere seriamente pelle, occhi, cuore e fegato.

Per evitare questi effetti, non bisogna assumere tisane e preparati a base di kava kava per più di tre mesi di seguito e in questo periodo non bisogna assumere alcolici.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Frullato di sedano: quali sono i benefici principali della bevanda

3 consigli per evitare sprechi in casa

Leggi anche
Contents.media