Notizie.it logo

Una panoramica sulla celiachia

celiachia

Le celiachia è una malattia che viene diagnosticata sempre di più negli ultimi anni. Scopriamo i dettagli!

La celiachia è la malattia del nuovo millennio. Sottovalutata o addirittura trascurata in passato, oggi assistiamo ad una porzione crescente allergici al glutine. Scopriamo quindi insieme tutti i dettagli della malattia.

Celiachia e mito

Secondo la mitologia greca, il piccolo Achille venne immerso dalla madre all’interno del fiume Stige, un battesimo che conferì al guerriero la sua invincibilità in battaglia. In ogni caso, l’acqua non toccò la pelle dove sua madre lo stava tenendo, che si trovava in corrispondenza del tallone. Achille venne ucciso da una ferita in quell’area, e il termine tallone d’Achille è venuto a significare l’unica debolezza o vulnerabilità di un eroe.

Più in particolare, Superman veniva reso privo di poteri dalla kryptonite. Ma se uno scriba dovesse voler dare a un personaggio un qualcosa di nuovo ancora più attinente al tallone d’Achille, lui o lei potrebbe considerare di utilizzare la celiachia.

Coloro che soffrono di questo disordine autoimmune sono colpiti perfino dalla più piccola quantità di glutine, che è una proteina che si trova nel frumento, nell’orzo e nella segale.

L’intestino nella celiachia

Il nostro intestino tenue ha il compito di assorbire sostanze nutritive dal nostro cibo, cosa che svolge attraverso protrusioni ondulate note come villi. In qualcuno con la celiachia, comunque, il glutine danneggia il rivestimento dell’intestino tenue, in modo che i villi giacciono piatti o sono perfino inesistenti.

Di conseguenza, i villi non possono catturare le sostanze nutritive e trasferirle al flusso sanguigno per il resto del corpo. Invece, tutti i valori nutrizionali si dirigono fuori dal corpo insieme alle feci. Ciò lascia chi ne soffre malnutrito e a rischio di un certo numero di condizioni incluse anemia e osteoporosi.

Oltre la semplice allergia

La celiachia è qualcosa di più rispetto a una mera allergia alimentare al glutine.

Sebbene i ricercatori stiano ancora valutando l’interazione dei vari fattori, sembra che circa il 95 percento di coloro che soffrono di celiachia possieda uno o due antigeni di istocompatibilità (HLA), che rende probabile che anche i parenti stretti di colui che ne soffre possederanno i geni.

Una ricerca recente condotta da Alessio Fasano del Centro per la Ricerca sulla Celiachia dell’Università del Maryland suggerisce che alcune persone potrebbero anche avere un intestino indebolito, che le predispone a questa condizione gastrointestinale.

Ma anche se i dottori sono abbastanza sicuri di tutte cause precise, essi sanno che la celiachia sta aumentando; uno studio pubblicato nel 2009 ha rivelato che la celiachia è 4,5 volte più comune adesso di quanto non lo fosse 50 anni fa, forse perché prodotti a base di frumento contenenti glutine sono diventati alimenti principali nella dieta in Occidente.

Si stima che circa una persona su 133 ne soffra. Ciononostante, a prescindere dalla consapevolezza che la celiachia stia aumentando, la condizione rimane tristemente poco diagnosticata.

Sintomi e diagnosi della celiachia

Ci sono molti modi in cui la celiachia può presentarsi, e questo ampio spettro di sintomi causa spesso il fatto che i dottori diagnostichino in maniera errata la condizione. Per alcuni, la condizione fa capolino durante l’infanzia, spesso quando il bambino inizia a mangiare solidi come i cereali. Per altri, la diagnosi non si presenta fino all’età adulta, qualche volta come risultato di un’operazione chirurgica, della gravidanza o di grave stress.

Dolori e stanchezza

Alcuni dei più comuni sintomi della celiachia includono diarrea cronica, dolori addominali, perdita di peso nonostante una dieta sostanziosa, movimenti intestinali dall’odore fetido e gas in eccesso.

In ogni caso, ci sono anche alcuni accenni non gastrointestinali, inclusi crampi muscolari, dolore alle giunture, stanchezza, irritabilità e depressione. Un indizio importante può essere la presenza di uno sfogo sulla pelle noto come dermatite erpetiforme , che causa pustole e prurito, di solito sui gomiti, sulle ginocchia e sul deretano.

Celiachia asintomatica

La gravità di questi sintomi può variare da persona a persona, e in realtà, alcune persone sono completamente asintomatiche. E’ facile eliminare stanchezza occasionale e diarrea, ma a prescindere dal fatto che i sintomi possano o meno interferire con la vita di tutti i giorni, essi stanno provocando un grave danno al rivestimento intestinale.

Malnutrizione

Nel momento in cui interviene la malnutrizione, coloro che ne soffrono sono a rischio di anemia, infertilità, osteoporosi e cancro.

I bambini potrebbero dimostrare una difficoltà a crescere bene che è facilmente individuabile per i dottori, ma gli adulti con la condizione potrebbero continuare a incespicare attraverso la vita senza sapere perché si sentano così male.

Gli studi suggeriscono che per ogni singola persona che abbia ricevuto la diagnosi di celiachia, circa 30 persone se ne vanno in giro inconsapevoli della propria condizione.

In aggiunta, perfino coloro che soffrono dei sintomi della celiachia potrebbero dover aspettare anni per una diagnosi corretta da parte del loro dottore.

Difficile diagnosi della celiachia

I sintomi imitano molte altre condizioni, come la fibrosi cistica, la sindrome da intestino irritabile e la malattia di Crohn. In molti casi, dipende dal paziente suggerire la condizione al dottore. E’ particolarmente importante, data la natura genetica della malattia, per i parenti stretti di qualcuno che abbia ricevuto la diagnosi sottoporsi a esami.

Per fare un test per la celiachia, i dottori solitamente faranno un esame del sangue per controllare la presenza di certi anticorpi; questi anticorpi attaccano gli enzimi che il corpo produce per gestire il consumo di glutine. I dottori potrebbero far seguire l’esame del sangue da una biopsia per verificare la presenza di danni all’intestino tenue.

Una volta che è stata stabilita una diagnosi di celiachia, quali sono le opzioni per i pazienti?

La cura per la celiachia

Attualmente, non esiste una cura per la celiachia. L’unica cura per la condizione è una dieta rigorosamente priva di glutine. Una dieta priva di glutine è notevolmente difficile da mantenere; una volta che inizi a ricercarla, vedrai il glutine ovunque in agguato. Le persone con la celiachia sono costrette a diventare rigorose lettrici delle etichette e grandi inquisitrici dei camerieri nei ristoranti.

Cibi da evitare

La santa trinità dei cereali contenenti glutine da evitare è frumento, orzo e segale. Ciò significa niente pane, cereali, pasta, cracker, o dolci da forno derivanti da una qualsiasi di queste fonti. In aggiunta, il glutine può essere trovato in condimenti per insalata, salsa di soia, burro di arachidi, panna acida priva di grassi, gelato, budino e birra.

Zuppe, salse e intingoli della carne che sono stati ispessiti dalla farina sono inaccettabili, così come lo sono le carni lavorate e le carni che sono preparate con l’impanatura. Sorprendenti fonti di glutine sono le vitamine, il dentifricio, il rossetto e il nastro adesivo delle buste.

Leggere bene l’etichetta

Negli ultimi anni, comunque, molti prodotti su quella lista di elementi proibiti sono entrati nel mercato con un’enorme etichetta privi di glutine, quindi coloro che hanno la celiachia sono stati in grado di concedersi una pizza, dei biscotti e una birra ancora una volta.

Questi prodotti tendono ad essere più costosi delle proprie controparti contenenti glutine, in ogni caso, e ancora una volta richiedono estrema diligenza quando si tratta di controllare le etichette. Quando non puoi controllare un’etichetta, passa un po’ di tempo a parlare con il cameriere o con lo chef sugli ingredienti e le modalità di preparazione.

Cosa mangiare

Molti con la celiachia potrebbero trovare più facile attenersi alla lista dei cibi sicuri, che include qualsiasi verdura e frutta, brodo, noci, fagioli essiccati, latte, uova, formaggi e carne non lavorati, gelatine e marmellate, zucchero e prodotti fatti con cereali privi di glutine e amidi, che includono mais, riso, soia, patate e quinoa.

E’ molto importante per le persone con la celiachia evitare di trasgredire a questa dieta, che richiede un’immensa forza di volontà in questo mondo sommerso dai carboidrati.

Importanza di una dieta rigorosa

Sebbene i sintomi che provano dopo un pezzo di pizza siano leggeri, il glutine può ancora danneggiare l’intestino tenue. In ogni caso, ci sono benefici per questa dieta rigorosa; i sintomi della celiachia dovrebbero sparire in pochi giorni o settimane di consumo di cibi privi di glutine, e l’intestino tenue inizierà a riprendersi e ad assorbire sostanze nutritive subito dopo.

Le persone che suppongono che verrebbero aiutate dalla dieta non dovrebbero iniziarla prima di essere controllate da un dottore, in ogni caso, dato che mangiare cibi privi di glutine può distorcere gli esami del sangue che portano a una diagnosi conclusiva per la celiachia.

Pillola contro la celiachia

Sebbene una dieta priva di glutine sia la sola opzione per adesso, molte aziende stanno lavorando su una pillola che potrebbe essere introdotta per curare la condizione. Un simile farmaco lavorerebbe probabilmente nello stesso modo in cui alcune pillole lavorano per permettere a coloro che sono intolleranti al lattosio di bere latte, o potrebbe mandare in stallo le risposte autoimmuni che interferiscono con la digestione del glutine.

© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

1000
Leggi anche