Parto eutocico o distocico: cosa sono e differenze

Il parto naturale si distingue in eutocico o distocico. Nel primo caso il parto è eseguito senza alcun intervento medico, nel secondo sono usati diversi strumenti

Esistono due tipi di parto: il parto eutocico e il parto distocico. Il primo è anche detto fisiologico, il secondo non fisiologico. Vediamo insieme quali sono le differenze e le caratteristiche di entrambi.

Parto eutocico

Il parto naturale può essere chiamato eutocico o distocico, a seconda delle modalità di esecuzione.

E’la forma di parto più conosciuta ed eseguita. Avviene senza l’intervento medico, quindi senza strumenti particolari né farmaci per indurre le contrazioni. Si divide in diverse fasi. Innanzitutto c’è la fase preparatoria: la donna inizia a sentire i primi dolori delle contrazioni irregolari. Segue la fase dilatante, quando inizia il travaglio vero e proprio. Le contrazioni sono sempre di più e sempre più regolari. Il collo dell’utero inizia a dilatarsi, per consentire il passaggio del bambino.

Advertisements

Segue poi la fase espulsiva, che inizia quando la dilatazione è massima. Coincide con la fine del travaglio e con l’espulsione del bambino e della placenta.

Parto distocico

Questo tipo di parto è sempre considerato parto naturale. La differenza con quello eutocico è che il medico e l’ostetrica devono intervenire con alcuni strumenti. Viene chiamato anche operativo, e gli prevede l’uso di strumenti quali la ventosa o forcipe, per facilitare l’espulsione del bambino.

In alcuni casi si può ricorre alla manovra di Kristeller, una manovra che consiste nel dare una spinta sul pancione nello stesso momento in cui avviene una contrazione.

I motivi per cui si può avere un parto distocico, anziché un parto eutocico, sono molteplici. In generale, l’utero potrebbe avere delle difficoltà nelle contrazioni. In tal caso, si parla di distocia dinamica. Il canale cervicale, inoltre, potrebbe non riuscire a raggiungere la dilatazione ottimale.

In tal caso, si parla di distocia meccanica. Altri fattori, peraltro molto comuni, riguardano la conformazione del bacino della donna in questione, la posizione del piccolo oppure l’eccessivo peso.

Tipi di parto

Ci sono diverse tipologie di parto, oltre a quello naturale. Vediamo quali sono:

  • Parto indotto. E’ una tipologia di parto che prevede la somministrazione di farmaci da parte del medico. Sono farmaci utilizzati proprio per indurre il parto, a base di ossitocina.

    Si può usare anche un gel introdotto in vagina. Si ricorre a questi farmaci quando mancano completamente le contrazioni. Le cause più frequenti sono diabete, ipertensione, un bambino troppo grosso oppure quando la gravidanza prosegue oltre la scadenza.

  • Parto cesareo. Detto anche taglio cesareo, consiste nel ricorso ad un intervento chirurgico. In questo caso, in bambino viene estratto chirurgicamente dal ventre della madre, attraverso un’incisione addominale. Può essere programmato. Si ricorre a questo tipo di intervento quando il parte naturale non è possibile oppure rischioso per il bambino o per la madre. Un tempo era un’operazione piuttosto complessa. Adesso, con il passare del tempo e con i progressi della medicina e degli strumenti tecnici, è diventato quasi un intervento di routine, molto più semplice rispetto ad un tempo e con la possibilità di recupero molto più veloce.
Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dieta dimagrante veloce, come tornare in forma in 3 giorni

Nei: la diagnosi e la cura di quelli maligni

Leggi anche
  • asma senza inalatoreCome fermare un attacco d’asma senza usare un inalatore

    Essere senza inalatore durante un attacco d’asma è molto rischioso, ma per fortuna esistono metodi per fermare questi attacchi anche senza inalatore.

  • mutismo selettivoSuperare il mutismo selettivo: come riuscirci

    Scopriamo cos’è il mutismo selettivo e come è possibile superarlo in maniera efficace seguendo alcuni preziosi e semplici consigli.

  • gonfiore addominaleTutti i rimedi naturali contro il gonfiore addominale

    Quali sono i migliori rimedi contro il gonfiore addominale?

  • dolore sotto il piedeCause e rimedi per il dolore sotto il piede

    Le cause che possono provocare dolore sotto il piede possono essere numerose: vediamo quali sono le principali e impariamo a conoscere i rimedi.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.