Vitamina B6 per mantenere in salute i capelli

Per avere capelli lucenti e in salute, occorre assumere con regolarità la vitamina B6, contenuta soprattutto nelle carni magre e nei latticini

La vitamina B6, o piridossina, fa parte della famiglia di vitamine del gruppo B, che regolano i principali processi metabolici del nostro organismo. Questa vitamina è importantissima per la salute dei nostri capelli. Scopriamo perché.

Vitamina B6: gli effetti sui capelli

La vitamina B6 è responsabile della sintesi proteica e dell’assorbimento degli aminoacidi provenienti dal cibo. Dato che i capelli sono costituiti prevalentemente da molecole proteiche, è facilmente intuibile perché questa vitamina sia fondamentale per la salute della nostra chioma.

Inoltre, la vitamina B6 partecipa alla creazione dei globuli rossi, garantendo l’apporto sanguigno e la quantità necessaria di ossigeno. Questo aspetto è molto importante per i follicoli piliferi da cui crescono i capelli. Se il nutrimento è insufficiente, essi non sono più in grado di assicurare la corretta crescita di capelli.

Le vitamine del gruppo B, inoltre, garantiscono il normale funzionamento nervoso, e ciò si ripercuote inevitabilmente sull’aspetto dei nostri capelli. Se, infatti, il sistema nervoso non funziona bene, il soggetto si troverebbe in una situazione di stress permanente, che compromette a sua volta la funzione degli ormoni e potrebbe causare così alopecia parziale o totale.

Cibi

La vitamina B6 non viene prodotta naturalmente dall’organismo, perciò deve essere introdotta attraverso l’alimentazione.

I cibi che ne contengono in grandi quantità sono le carni magre (pollo e vitello), latticini, cereali, uova, cipolla, il pesce e i frutti di mare. Ancora, la vitamina B6 è contenuta anche nelle verdure come carote, patate, cavolo e zucca, nei legumi come i fagioli e i ceci e nella frutta secca come le nocciole e le arachidi.

Vi sono alcuni alimenti che distruggono la piridossina, diminuendo le quantità che l’organismo riesce ad assorbire.

Essi sono il tè nero, il caffè, l’alcol, il pesce crudo, lo zucchero e il sale.

Sintomi

È possibile capire se assumiamo poca vitamina B6 da alcuni sintomi, come per esempio irritazione e nervosismo, problemi del sonno, mal di testa frequenti, problemi di digestione. Ancora, peggioramento della memoria e abbassamento della concentrazione, problemi cutanei come forfora, dermatite e prurito, fragilità delle unghie, nonché perdita di lucentezza, fragilità e secchezza grave dei capelli.

In tutti questi casi, effettuare delle analisi del sangue consente di avere la certezza su quale sia il problema e se è il caso di intervenire con degli integratori. In alternativa, si possono utilizzare delle fiale per uso esterno di vitamina B6 che si possono aggiungere alle maschere o prodotti per capelli quotidiani per rinfrescare la chioma, donandole maggiore lucentezza.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ignazio Boschetto: la dieta senza carboidrati per mantenere la linea

Attività fisica: quali sono gli effetti positivi sul sonno?

Leggi anche
Contents.media