Vitamina E: tutti i benefici e gli alimenti in cui è contenuta

La vitamina E è ricca di benefici per l'organismo, scopriamo quali sono i principali e in quali alimenti è contenuta in grandi quantità.

Le vitamine sono essenziali per preservare la salute dell’organismo, in particolare la vitamina E è decisiva per via delle sue azioni antiossidanti capaci di contrastare perfettamente i radicali liberi. Scopriamo quali sono tutti i benefici del nutriente e quali sono gli alimenti che ne contengono grandi quantità.

Benefici della vitamina E

La vitamina E è una sostanza liposolubile formata da un composto chiamato come tocoferolo. La sua azione primaria è quella di proteggere i tessuti dall’azione dei radicali liberi, ma i suoi benefici sono davvero numerosi. Viene assorbita dalla mucosa intestinale per via della presenza di grassi alimentari e la concentrazione di vitamina E nel sangue viene regolata dal fegato. La presenza di questo nutriente nell’intestino aiuta a migliorare l’assorbimento di vitamina A, vitamina C e delle vitamine del gruppo B.

La vitamina E è un potente antiossidante che protegge anche da tossine alimentari, inquinamento, fumo e raggi UV. Risulta utile anche per proteggere gli organi e i tessuti dall’invecchiamento cellulare, la sua azione antiossidante è infatti essenziale per curare numerosi problemi tra cui quelli legati alla vista. In particolare protegge dalla degenerazione maculare della retina e dalla formazione di cataratta.

Protegge al meglio anche da patologie cardiovascolari perchè riduce la formazione di colesterolo cattivo e facilita il trasporto di ossigeno da parte dei globuli rossi.

Risulta utile anche per regolare la pressione e aumenta la forza muscolare contrastando la stanchezza. Protegge i neuroni dallo stress ossidativo e ritarda il declino cognitivo. Risulta in grado anche di migliorare l’aspetto della pelle ritardando l’invecchiamento della cute e la comparsa delle rughe.

Alimenti che la contengono

La migliore fonte di vitamina E sono gli alimenti di origine vegetale, in particolare l’olio d’oliva, l’olio di canapa e anche l’avocado.

In generale si trova in tutti i semi e negli oli vegetali spremuti a freddo.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ipossia silente: quali sono i sintomi e il suo significato

I migliori esercizi di stretching per polpacci e caviglie

Leggi anche
Contents.media