Agrumi e vitamina C: tutto quello che c’è da sapere

La vitamina C è un potente antiossidante che rinforza il sistema immunitario e che è contenuto soprattutto negli agrumi come clementine e limoni

Durante la stagione invernale, quando le temperature sono basse, è fondamentale rafforzare le difese immunitarie facendo il pieno di vitamina C grazie agli agrumi. Scopriamo quindi quali sono i benefici.

Vitamina C negli agrumi: a cosa serve

La vitamina C, contenuta abbondantemente negli agrumi, viene prodotta naturalmente in natura, ma l’uomo la deve assumere quotidianamente attraverso il cibo, mangiando appunto frutta e verdura.

La vitamina C, infatti, chiamata anche acido ascorbico, è importante per la salute del nostro organismo perché partecipa a molte reazioni metaboliche e alla biosintesi di collagene, ormoni e aminoacidi.

La vitamina C, quindi, è fondamentale per la salute di legamenti, ossa e cartilagini e la mancanza di questa sostanza nel nostro corpo può causare la perdita di denti e capelli, stanchezza, indebolimento dei tessuti. Inoltre, bisogna sempre tener presente che la vitamina C è un ottimo antiossidante per contrastare l’azione dei radicali liberi e aiuta a potenziare le difese immunitarie.

Vitamina C negli agrumi: le dosi consigliate

Per beneficiare degli effetti positivi della vitamina C, in media ogni individuo dovrebbe assumere almeno 90 mg di acido ascorbico al giorno. Questo è possibile mangiando solo tre porzioni di frutta al giorno.

Gli agrumi che contengono più vitamina C sono le clementine, ma anche arance, mandarini, limoni e pompelmi ne contengono una buona quantità. Tuttavia, bisogna fare attenzione alle dosi che se ne consumano, dato che un eccesso di vitamina C può portare a problemi renali e alla formazione di calcoli.

Altri sintomi di un eccesso di vitamina C possono essere gastrite, vomito, bruciori di stomaco, mal di testa, debolezza, vertigini e crampi addominali.

Vitamina C e agrumi: quando mangiarli

Di solito si tende a mangiare gli agrumi a fine pasto, per concludere il pranzo o la cena, ma sono ottimi anche come snack tra un pasto e l’altro o da bere sottoforma di spremuta. Il succo d’arancia, ad esempio, è l’ideale per fare il pieno di vitamina C e altre importanti sostanze benefiche per la salute.

Inoltre, è una bevanda dietetica, dato che apporta solo 33 kcal per 100 grammi di prodotto ed è ottima come spuntino pomeridiano. Tuttavia, dato che si tratta di una bevanda acida, non è adatta a coloro che soffrono di patologie gastriche o legate ad un’infiammazione dello stomaco.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Chirurgia estetica: facciamo il punto sui principali interventi per donne e uomini

Maschera al lievito di birra per l’acne: i benefici

Leggi anche
  • dieta chetogenica: cos'èAlla scoperta della dieta chetogenica: cos’è e come impostarla

    La dieta chetogenica è un metodo per perdere peso riducendo drasticamente la presenza dei carboidrati, ovvero degli zuccheri, nell’alimentazione quotidiana.

  • Come scegliere integratori per dimagrireIntegratori per dimagrire: perché usarli e quale scegliere?

    In commercio esistono molti integratori che possono aiutare a dimagrire, ecco perché sceglierli e come trovare quelli giusti.

  • dietaLa dieta di Gigi Hadid: cosa mangia e sport della star

    Scopriamo quali sono i segreti di Gigi Hadid per rimanere in forma imparando tutto sul suo allenamento e sulla sua dieta.

  • dieta-blake-livelyBlake Lively, dieta e sport: ecco come si tiene in forma

    Tutto sull’alimentazione e sulla dieta dell’attrice Blake Lively: scopriamo cosa mangia per restare in forma e qual è il suo allenamento.

Contents.media