Prevenire la micosi delle unghie: consigli e rimedi

L'onicomicosi può essere evitata attraverso alcuni semplici comportamenti preventivi. Quali?

I funghi delle unghie sono fastidiosi e antiestetici per chi li contrae. Prevenire la micosi delle unghie però è possibile con alcuni accorgimenti. Di seguito un quadro completo.

Prevenire micosi delle unghie: ma cos’è?

L’onicomicosi è una patologia che interessa le unghie delle persone che entrano in contatto con dei funghi.

Questi trovano particolarmente favorevoli ambienti umidi e caldi dove possono proliferare, come appunto le unghie, soprattutto quelle dei piedi. Contrarre questi funghi è molto facile perché basta un contatto con le dita di una persona infetta.

Una volta che il fungo ha trovato terreno fertile sulle nostre unghie, queste inizieranno ad ingiallirsi e a diventare più deboli, fino a sgretolarsi e sfaldarsi.

I consigli per prevenirla

Prevenire la micosi delle unghie è possibile seguendo alcuni suggerimenti, specifici per evitare la formazione e la diffusione del fungo.

Mani

Prima di ogni cosa c’è l’igiene delle unghie, non solo delle mani ma anche dei piedi: tenerle sempre pulite è il primo step. Si consiglia anche di mantenerle corte, così da rendere più difficile l’insinuazione dello sporco. E’ importante mantenere le mani sane e non rovinate dal brutto vizio di mangiare unghie e pelli circostanti: i taglietti aiuterebbero il fungo ad attaccare la zona.

Inoltre, se hai un’unghia affetta da fungo, è bene lavarsi le mani ogni volta che la si tocca, per non rischiare di contagiare le altre unghie.

Piedi

Si è detto che le unghie dei piedi sono quelle più comunemente attaccate. Questo perché nostri piedi vivono costantemente al buio e al caldo di calze, calzini e scarpe. E’ fondamentale mantenere sempre pulito l’ambiente del piede: cambiare le calze ogni giorno è basilare. I nostri piedi tendono a sudare, cosa che aiuta il fungo a diffondersi più facilmente. E’ importante per questo motivo anche non indossare scarpe troppo strette, perché non permetterebbero la traspirazione.

E’ bene non camminare scalzi in luoghi esterni alla casa, affollati, ancor peggio se bagnati come una piscina. Potrebbero esserci altre persone con questo problema, che potrebbero facilmente contagiarci. Inoltre, è da evitare lo scambio di calze o indumenti con persone che non si conoscono bene.

Attenzione a manicure e pedicure

Può sembrare strano, ma utilizzare smalti, unghie finte e gel chimici potrebbero non solo rovinare le unghie, ma creare un ambiente ancor più felice per il fungo, in quanto queste sostanze catturano umidità.

E’ inoltre molto importante fare attenzione agli attrezzi che vengono utilizzati nei saloni per eseguire la manicure: se sono stati utilizzati per altre persone con fungo, è probabile che lo contragga anche tu.

Come curarsi in caso d’infezione?

Nel caso in cui non si riuscisse ad evitare di contrarre il fungo non bisogna disperare, soprattutto se non si hanno patologie ulteriori. Capita che l’onicomicosi sia talmente lieve da non richiedere trattamento. Ma comunque, nei casi più generici, la cura non va oltre i 10 giorni e consiste nell’utilizzo di una crema antimicotica. Se dunque si utilizza l’antimicotico giusto e si interviene in tempo con il proprio dermatologo non si hanno particolari difficoltà nel guarire.

Se la patologia è più grave il medico potrebbe dover descrivere farmaci da prendere oralmente, e nei casi in cui i tessuti circostanti della cute siano danneggiati si potrebbe addirittura optare per la chirurgia.

Per concludere

L’onicomicosi è una patologia sicuramente antiestetica per chi la contrae, ma non particolarmente invasiva se si interviene tempestivamente, o meglio se si sta attenti ad alcuni comportamenti che si assumono abitualmente. Seguire i consigli sopraelencati può dunque aiutare a prevenire la micosi delle unghie e ad evitare di doversi sottoporre a cure e fastidi.

Scritto da Sabrina Rossi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Dieta dopo Natale: alimenti e consigli per depurarsi

In forma dopo le feste: come? Consigli pratici

Leggi anche
Contents.media