Esercizi per la schiena dopo la corsa: ecco i migliori

Dopo la corsa suggeriamo di praticare alcuni esercizi per la schiena. Scopriamo quali sono i migliori e più efficaci per ritrovare il benessere.

Gli esercizi per la schiena da fare dopo la corsa risultano molto imporatanti per mantenere la salute di quella specifica zona del corpo. Durante la corsa può succedere che i muscoli addominali deboli portino i flessori dell’anca a contrarsi molto e di conseguenza venga generata una curva nella parte inferiore della schiena.

Questa postura è molto sbagliata e prende il nome di iperlordosi. Solo una corretta postura aggiusta i disequilibri muscolari che provocano lombalgia per via della distribuzione uniforme del peso sulla colonna vertebrale.

Esercizi per la schiena dopo la corsa

A volte dopo la corsa si può soffrire di male alla schiena. Per prevenire questo problema suggeriamo di svolgere alcuni esercizi per la schiena dopo la corsa in modo tale da mantenerla in salute a lungo.

Scopriamo quali sono gli esercizi più efficaci da praticare in casa una volta terminata la corsa.

Esercizio 1

Distendetevi supine portando le ginocchia verso il petto e avvolgendole con le braccia. In questo modo la colonna vertebrale si arrotonderà e i muscoli della schiena si distenderanno in modo naturale. Questo esercizio è molto utile ad allungare e rendere più flessibili i muscoli della schiena. Per allungare anche la muscolatura cervicale vi basterà alzare la testa mentre siete in questa posizione.

Esercizio 2

Posizionatevi davanti a una parete o a una sedia sulla quale dovrete appoggiare le mani per restare stabili. Tenete i piedi alla stessa larghezza delle anche e le gambe distese senza mai bloccare le ginocchia. Partendo da questa posizione, effettuate una contrazione addominale con una leggera retroversione della zona pelvica allo scopo di arrotondare la colonna vertebrale. Grazie a questo esercizio riuscirete ad allungare i muscoli della colonna vertebrale, della zona lombare e anche quelli della cervicale.

Esercizio 3

Sedetevi a terra tenendo le gambe distese o leggermente piegate a seconda della vostra elasticità muscolare. Effettuate una flessione della colonna vertebrale dalla zona lombare fino a quella cervicale, tendete le mani in avanti più che potete allo scopo di rendere i muscoli molto flessibili. Da questa posizione dovrete effettuare una contrazione addominale per accentuare la curvatura della schiena e distendere il al massimo i muscoli estensori della colonna vertebrale.

Esercizio 4

Sedevi sul pavimento e portate una gamba piegata al petto sostenendola con una mano. Effettuate una flessione forzata della colonna vertebrale contraendo anche i muscoli addominali facendo in modo che la pancia si nasconda e aiuti a distende ancora di più i muscoli della schiena. Mantenete questa posizione per cira 30 secondi e poi tornate alla posizione iniziale. Ripetete l’esercizio anche con l’altra gamba.

Esercizio 5

Restate in piedi e abbassate il tronco arrotondando la colonna fino ad arrivare ad afferrare le ginocchia. In questa posizione lasciate cadere la testa ed effettuate una contrazione addominale arrotondando la colonna vertebrale e allungando i muscoli della schiena. Restate in questa posizione per 30 secondi e tornate lentamente alla posizione iniziale.

Esercizio 6

Mettetevi inginocchiati con i glutei appoggiati sui talloni. Alzate un braccio e inclinate il busto verso il lato opposto allungandovi al massimo e rilassando le spalle. L’esercizio deve essere realizzato senza alzare i glutei dai talloni. Dovete cercare si allungare la muscolatura del lato convesso del busto e anche i muscoli di schiena e addome. Restate nella posizione qualche secondo e poi ripetete dall’altra parte.

Scritto da Elisa Cardelli
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Come prendersi cura di fegato e intestino in modo efficace

I migliori rimedi naturali contro la pancia gonfia

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.