Notizie.it logo

Malattie infettive: 5 false credenze sulla loro diffusione

malattie

In passato molte malattie venivano considerate malefici e punizioni divine e la loro discussione era pressoché sconosciuta. Invece oggi cosa pensiamo?

Le malattie infettive: dal raffreddore alle più pericolose

Il comune raffreddore si può diffondere attraverso un solo starnuto. Quel singolo starnuto può contenere fino a 100.000 germi che viaggiano a circa 161 chilometri all’ora. Negli anni ’60 e ’70 credevamo di essere protetti dai germi, mantenendo una distanza di circa 1 metro da uno starnuto. Le recenti ricerche, invece, suggeriscono che il raggio di diffusione delle goccioline è in realtà da cinque a duecento volte più grande di quello stabilito.

Milioni di persone soffrono ogni anno in media di due o tre raffreddori, che, ogni volta durano da una settimana a 10 giorni. Non è da prendere sottogamba e questo porta al bisogno di comprendere come si diffonde. Pensavamo che il raffreddore fosse causato da un ambiente freddo. Niente di più sbagliato. Tutte queste malattie sono causate da agenti patogeni (virus, batteri, parassiti) che infettano il nostro organismo.

Come avviene il contagio

Le malattie infettive sono infezioni batteriche, virali, parassitarie e fungine che si diffondono tra noi attraverso un contatto diretto, persona con persona, o indiretto.

Quindi non attraverso la stregoneria, la punizione per il peccato, un problema degli “umori” del corpo o di qualsiasi altra forza mistica.

La trasmissione a contatto diretto si riferisce a malattie come il papillomavirus umano (HPV) e il virus Ebola, che necessitano di un contatto fisico per diffondersi da persona a persona (o, ad esempio, di contatto diretto con un animale infetto, ad esempio un morso di una zecca Borrelia burgdorferi infetta che porta alla malattia di Lyme). Il contatto indiretto, d’altra parte, non richiede alcun contatto pelle a pelle. La MRSA, per esempio, è in grado di rimanere su una tastiera per settimane dopo che una persona infetta ha digitato con essa. E il morbillo, diffuso attraverso la trasmissione aerea, rimane in modo analogo per ore al di fuori del corpo. Ma, invece di restare sugli oggetti, questi germi restano sospesi nell’aria che ci circonda.

Ma mettiamo da parte tutto ciò e vediamo i significati più soprannaturali e morali che davamo in passato, e talvolta ancora oggi, per spiegare alcune malattie.

Clamidia

Una delle malattie veneree più conosciute è la clamidia.

Non abbiamo sempre saputo che un agente patogeno batterio, la Chlamydia trachomatis, provoca la clamidia, né che è una malattia a trasmissione sessuale.

I clamidia sono microorganismi, e sono unici perché hanno proprietà sia virali che batteriche. Come un virus, hanno bisogno di una cellula ospitante in cui crescere. Anche se inizialmente è stato prima ritenuto un parassita protozoo perché dipende da un ospite. Né un parassita, né un virus, i clamidia, proprio come i batteri gram-negativi, hanno DNA e RNA. Essi si replicano attraverso la fissione binaria e hanno pareti cellulari con una membrana esterna.

Ci sono più ceppi di C. trachomatis e non tutti questi ceppi causano infezioni del tratto genitale. Attraverso il contatto diretto, per esempio, alcuni ceppi di C. trachomatis possono causare infezioni respiratorie e degli occhi, come la congiuntivite grave, la congiuntivite neonatale o un’infezione cronica chiamata tracoma. A partire dal 15 a.C, gli antichi scritti egiziani e cinesi classificano l’infezione da Clamidia tra le malattie dell’occhio, non dei genitali.

Dal 1976 la Clamidia è stata riconosciuta come MST (Malattie Sessualmente Trasmissibili).

Oggi, la clamidia è una delle malattie batteriche più comuni e la MST più diffusa negli Stati Uniti. Nel 2013 sono stati riportati quasi 1,5 milioni di casi di infezioni genitourinari di clamidia. Poiché fino a metà dei maschi infetti sono asintomatici e fino al 70% delle donne non presentano sintomi, i professionisti della salute suggeriscono che il numero effettivo di persone infette è più vicino a 3 milioni di persone. Quando i sintomi sono presenti, comprendono generalmente scariche anormali e una minzione dolorosa. La Chlamydia è trattabile con antibiotici. Non curata, può causare complicazioni a lungo termine come l’infertilità e il dolore pelvico cronico.

Malaria

Gli antichi Egizi descrissero la malaria nel Papiro Ebers 4.000 anni fa, anche se i fossili di 30 milioni di anni suggeriscono che la malattia è stata con noi per molto più a lungo. Nel 400 a.C, il medico greco Ippocrate descrisse i sintomi e le caratteristiche della malaria nel suo trattato “Sulle arie, sulle acque e sui luoghi”. Durante la prima metà del primo secolo nell’Impero romano, Celso abbandonò le sue descrizioni cliniche.

E durante il terzo secolo, Quinto Sereno Sammonico, medico dell’imperatore romano Caracalla, gli prescrisse come trattamento di indossare un amuleto con scritto la parola “abracadabra” per nove giorni.

Per migliaia di anni abbiamo conosciuto la malaria come una condizione contagiosa e fatale, ma abbiamo impiegato molto tempo per capire come si diffonde tra le persone. Ad esempio, Ippocrate ha accusato l’aria malsana e i gas velenosi. La malattia è stata soprannominata “febbre palustre“. È stata anche associata a cause soprannaturali.

Non abbiamo saputo la vera causa della malaria fino al 1880, quando lo scienziato francese Alphonse Laveran scoprì che si tratta di un’infezione parassitaria. In particolare, è il parassita Plasmodium che è responsabile della malattia. Ci sono quattro specie che infettano gli esseri umani. I più comuni sono P. falciparum e P. vivax. Gli altri sono P. malariae e P. ovale. Sarebbe quasi 20 anni prima che gli scienziati scoprissero che questo parassita si trasmette attraverso il morso delle zanzare femmina infette della specie Anopheles.

Nel 1902 Ronald Ross ha vinto il premio Nobel per la Fisiologia e Medicina per la scoperta che il parassita di Plasmodium vive e si genera nel sistema gastrointestinale delle zanzare.

Peste

La peste è una delle malattie che viene immediatamente in mente quando si parla di disturbi terribili e mortali. È una di quelle malattie che causano enormi epidemie, famose anche in letteratura.

Durante la Morte Nera, nel XIV secolo, si riteneva che la peste fosse causata e diffusa dai miasmi, odori e vapori malsani provenienti dai cadaveri di coloro che sono morti per malattia o dal respiro di quelli infetti. Durante i secoli la piaga è stata considerata una punizione di Dio per i peccati, ed è stata data la colpa a fenomeni astrologici e naturali, come comete e terremoti. Per curarla, la gente utilizzava vapori aromatici con fiori e erbe, come la rosa e il timo, nonché amuleti e rimedi magici. Chiedevano ai santi patroni aiuto e cercavano di eliminare i loro peccati attraverso l’auto-flagellazione e le preghiere.

Il vero agente alla base della peste non è stato scoperto fino al 1894, durante la terza pandemia mondiale. Il batteriologo Alexandre Yersin ha identificato il batterio Yersinia Pestis. Oggi sappiamo che Y. pestis può infettare diverse parti del corpo, causando tre tipi di peste: bubbonica (infettando il sistema linfatico), polmonare (infettando i polmoni) e setticemica (infettando il sangue).

L’origine della peste

Yersin ha anche scoperto che le pulci del ratto – specie la pulce del ratto orientale Xenopsylla cheopis e la pulce del ratto del Nordeuropa Nosopsyllus fasciatus – erano i vettori primari e i diffusori (chiamati vettori primari) del batterio durante la pandemia. La pulce umana, Pulex irritans, insieme alle pulci di cane e gatto, Ctenocephalides canis e Ctenocephalides felis, erano vettori secondari. È stato ipotizzato che i gerbilli siano stati i responsabili dell’introduzione di pulci con peste sulle rotte commerciali della Cina.

La peste bubbonica e setticemica si diffonde attraverso i morsi di pulci infette o, sebbene più raramente, da morsi provenienti da un animale infetto, come un ratto o un gerbillo. La peste polmonare, tuttavia, si diffonde direttamente attraverso goccioline infette provenienti da starnuti e tosse.

Le pulci infette sono noti vettori di Y. pestis. Ma è proprio il batterio che ha dato origine alla peste stessa. Curiosamente, il batterio era originariamente un agente patogeno gastrointestinale. Ma i ricercatori hanno scoperto nel 2015 che, durante la sua evoluzione, il batterio subì due cambiamenti genetici. Così si è trasformato da un leggero parassita intestinale ad un agente pandemico. Nella sua prima evoluzione, ha acquisito attraverso un singolo gene la capacità di produrre una proteina che gli ha dato l’abilità di infettare i polmoni. Y. pestis ha successivamente generato la capacità di infettare il sangue e il sistema linfatico.

Ebola

L’Organizzazione Mondiale della Sanità suggerisce tre modi fondamentali per evitare la diffusione dell’Ebola: non toccare i malati; evitare liquidi corporei e i cadaveri; lavare le mani. Se ti stai chiedendo dove sia la tuta protettiva, non c’è bisogno. Il virus dell’Ebola non è nell’aria, non è in acqua e non si diffonde attraverso un contatto casuale con un’altra persona. Ciò significa che la maggior parte di noi, che non vive nei Paesi in via di sviluppo o che non cura i pazienti infetti durante un’epidemia di Ebola, non corrono il rischio di essere infettati nella vita quotidiana.

L’Ebola è causata da un virus della famiglia Filoviridae. Il genere Ebolavirus fu identificato per la prima volta nel 1976 in Congo. Quattro dei cinque ceppi di Ebolavirus noti infettano l’uomo: il virus Bundibugyo, il virus Ebola, il virus Sudan e il virus Tai. Il quinto ceppo, Reston Ebolavirus, è noto per causare infezioni in scimmie, gorilla e scimpanzé.

Falsi miti su Ebola

Negli anni, sono circolate diverse teorie sull’origine di Ebola. Tutte sbagliate, naturalmente. Le più diffuse dicono che Ebola sarebbe:

  • Organismi geneticamente modificati
  • È un’arma biologica
  • Un complotto governativo pensato per eliminare una determinata razza o un gruppo di persone
  • Alcuni hanno insinuato che gli operatori sanitari degli ospedali locali, tra cui medici locali e squadre di Medici Senza Frontiere, sono responsabili dell’introduzione e della diffusione del virus.

Inoltre, non vi è alcuna prova che il virus Ebola può essere prevenuto o curato consumando caffè, latte condensato o cipolle crude. Baciare il cadavere di una persona infetta non ti concede l’immunità. Anzi si tratta di un modo per potersi ammalare.

Poiché gli antibiotici lavorano contro i batteri e l’Ebola è un’infezione virale, gli antibiotici non sono utili per la malattia. A metà del 2015, molti vaccini Ebola sono stati testati, ma ad oggi non esiste alcun vaccino ufficiale o cura.

HIV

Il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) è un lentivirus che attacca il sistema immunitario. Poiché possiede un lungo periodo di incubazione, può passare un decennio prima che una persona infetta mostri i sintomi. L’HIV è il virus che causa la sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) e, a causa della sua distruzione del sistema immunitario, spesso porta anche ad altre infezioni opportunistiche. Anche se sono stati registrati singoli casi di infezione riportati alla metà del 20° secolo, il primo caso di epidemia di HIV / AIDS di oggi è stato riportato nel 1981. Nel 2014 più di 35 milioni di persone vivevano con l’HIV in tutto il mondo.

Le origini dell’HIV

Anche se ancora non possiamo essere positivi, gli scienziati hanno una teoria sulle origini dell’HIV. Secondo la teoria del “cacciatore”, il Virus da immunodeficienza delle scimmie (SIV), il tipo che infetta i primati, è passato dai primati agli esseri umani attraverso la macellazione e mangiando selvaggina. Questo ceppo sarebbe diventato noto come HIV-1. Altre teorie rimangono controverse o sono state sfatate. Tra cui l’idea che il virus sia stato diffuso attraverso il vaccino orale della poliomielite. Un altro presunto colpevole è la condivisione di aghi contaminati durante le vaccinazioni. È stato anche suggerito che l’HIV è un organismo geneticamente modificato e che si tratta di una cospirazione governativa contro le popolazioni nere e gay.

Il contagio

Non solo prima non sapevamo l’origine del virus ma non eravamo nemmeno a conoscenza di come si diffondesse. Alcuni pensano che l’HIV si diffonda semplicemente toccando una persona infetta o toccando un oggetto che una persona positiva aveva toccato. Questo non è corretto. Non sei a rischio con strette di mano, abbracci, baci, utilizzando la stessa attrezzatura da palestra o toccando una maniglia. Alcuni pensavano che l’HIV si diffondesse attraverso la saliva, il sudore e le lacrime e non è così.

Nei primi anni ’80 un assistente di volo canadese, Gaetan Dugas, è stato classificato come “Paziente Zero” dell’epidemia di HIV. Tutto ciò a causa dei suoi numerosi viaggi e perché HIV positivo. Ma non lo era. L’HIV è entrato negli Stati Uniti molto prima che iniziasse la sua carriera. Né c’è alcuna prova che il virus sia trasmesso attraverso punture di zanzare. Dal 1985 il servizio sanitario pubblico controlla la presenza di HIV nel sangue donato.

Nonostante i miti riguardanti la trasmissione dell’HIV, la verità è che il virus si diffonde solo attraverso il contatto con certi fluidi corporei infetti da HIV. Essi sono il latte materno, sangue, sperma e fluido vaginale. Spesso quindi si diffonde attraverso sesso non protetto o la condivisione di aghi contaminati.

© Riproduzione riservata
Leggi anche
Reflex Diet Protein 2 kg
57.99 €
Compra ora
Prozis CoreHR - Smartband con cardiofrequenzimetro
24.99 €
Compra ora
Salvatore Ferragamo Emozione Dolce Fiore - Tester (No Cap)
39.9 €
Compra ora
Diadora Cyclette Cleo Rigenerata
89.95 €
189 € -52 %
Compra ora
" class="ebfe-front-edit-link" rel="nofollow noindex" style="display:none;">Modifica ?>