Notizie.it logo

Migliori ricette con il pistacchio: alcuni consigli

pistacchio

Conosciamo meglio i pregi del pistacchio e vediamo anche come realizzare numerose ricette con esso protagonista.

Molto utilizzato nei liquori o in pasticceria, il pistacchio è conosciutissimo. Si tratta di un albero da frutto, da cui si ricava il noto frutto che viene annoverato tra la frutta secca che noi tutti conosciamo.

Pistacchio

Questo albero da frutto proviene dal Medio Oriente. Si stima che, addirittura, nella Preistoria fosse già conosciuto, soprattutto in Persia. E’ stato poi coltivato in Siria, ma anche in India. E’ una pianta che ha un’alternanza di produzione, che possiamo definire a ciclo biennale. In Italia ritroviamo la coltivazione dei pistacchi in due zone: quella di Bronte e Adrano, vicino all’Etna. L’Italia è recentemente diventata il settimo produttore al mondo di pistacchi. In Italia ritroviamo la Nostrale o Napoletana, chiamata anche Bianca. Vi sono poi altre varietà che si trovano, come la Cerasola, la Cappuccia, l’Insolia e molte altre.

Pistacchio pianta

Per ciò che riguarda la pianta, dobbiamo dire che è un albero caducifoglie che può raggiungere oltre 10 metri di altezza.

E’ longevo: può arrivare ad oltre 300 anni. Il frutto è chiamato drupa e ha un guscio sottile e duro, contenente il seme, che è quello che mangiamo. Ha un colore verde brillante sotto una buccia violacea. I fiori sono unisessuali e sono a petali, raccolti in cime. La fioritura avviene nel mese di aprile e, invece, la raccolta dei frutti a settembre o ottobre.

Crema al pistacchio

Tra le innumerevoli ricette che si possono preparare con tale frutto, segnaliamo la crema al pistacchio. Vediamo come si fa.

Ingredienti

  • 1 etto di pistacchi non salati
  • 40 g di burro
  • 100 g di gioccolato bianco
  • 1 etto di zucchero
  • 120 ml di latte
  • qualche goccia di essenza di vaniglia.

Preparazione

  1. Per la preparazione, dobbiamo sgusciare i pistacchi e tritarli con lo zucchero, poi li andremo a frullare. Aggiungiamo anche metà del latte, continuando ad amalgamare.
  2. Sciogliamo a fuoco lento il burro e il cioccolato con il latte restante.

    Aggiungiamo la pasta di pistacchi, la vaniglia e mescoliamo bene, a fuoco lento.

  3. Versiamo la crema nei vasetti sterilizzati e facciamo raffreddare a testa in giù. La preparazione si conserva in vasi chiusi e sotto vuoto per circa 1 mese.

Tiramisù al pistacchio

Per preparare, invece, il tiramisù al pistacchio, avremo bisogno dei seguenti ingredienti.

  • 40 g di pistacchi
  • 20 ml di olio di semi di sesamo
  • 2 tuorli
  • 40 g di zucchero
  • un po’ di acqua
  • 300 g di mascarpone
  • 300 g di savoiardi
  • cacao amaro in polvere
  • caffè quanto basta
  • granella di pistacchi.

Preparazione

Per preparare il tiramisù al pistacchio ponete i pistacchi in un mixer (1) e frullateli fino a ridurli in polvere, quindi versate l’olio di sesamo poco alla volta (2) e continuate a frullare finché non otterrete una crema (3).Preparate il caffè con la moka e lasciatelo raffreddare.

  1. Vediamo la preparazione. Mettiamo sul fuoco un pentolino con un po’ di acqua e zucchero, formando uno sciroppo.

    Quando la temperatura avrà raggiunto i 115°, si montano i tuorli a parte con uno sbattitore. A 121°C, si toglie dal fuoco e si versa lo sciroppo nella ciotola con i tuorli. Dopo una decina di minuti, uniamo il mascarpone e la crema di pistacchi, mescolando per bene.

  2. Dividiamo a metà i savoiardi e prepariamo il caffè, mettendolo poi in una ciotola. Stemperiamo con poca acqua e prendiamo quattro bicchieri. Aiutandovi con una sacca da pasticcere, mettiamo la crema sul fondo per fare il primo strato, mettiamo nel caffé due savoiardi e adagiamo nel bicchierino. Spremiamo con altra crema e mettiamo poi un po’ di cacao amaro. Si può fare un altro strato con crema e terminiamo con cacao amaro e la granella di pistacchi. Facciamo raffreddare in frigorifero per un paio di ore e serviamo.

Torta al pistacchio

Vediamo, adesso, la ricetta di una torta al pistacchio. Per confezionarla, abbiamo bisogno dei seguenti ingredienti.

  • 80 g di farina tipo 00
  • 5 uova
  • 300 g di pistacchi
  • 1 cucchiaino di lievito in polvere per dolci
  • 200 g di zucchero bianco
  • 30 ml di latte

Preparazione

  1. Tritiamo grossolanamente i pistacchi, avendo cura di metterli tritati in una ciotola.

    Separiamo gli albumi dai tuorli e mescoliamo questi ultimi con lo zucchero, per ottenere un composto morbido. Aggiungiamovi i pistacchi e mescoliamo bene.

  2. Cerchiamo di incorporare piano piano anche la farina setacciata con il lievito, fino a che non avremo ottenuto un composto omogeneo. Montiamo a neve fermissima gli albumi a neve e andiamo ad incorporare il tutto con dei movimenti che dovranno andare dal basso verso l’alto.
  3. Mettiamo il tutto in uno stampo imburrato e leggermente infarinato, poi cuociamo per 170°C per circa 40 minuti.

Semifreddo al pistacchio

L’ultima ricetta prevede la preparazione del semifreddo al pistacchio, un grande classico della cucina del sud.

Ingredienti

  • 75 g di zucchero
  • 2 cucchiai di acqua
  • 50 g di tuorli d’uovo
  • 100 g di pan di Spagna già pronto
  • 75 g di pasta di pistacchi (si può trovare al supermercato o nei negozi alimentari più forniti)
  • 150 g di pistacchi
  • 260 di panna fresca.

Preparazione

  1. Facciamo bollire acqua e zucchero in un pentolino, per produrre uno sciroppo che andrà portato ad una temperatura di 121°C.

    Uniamo poi la pasta di pistacchi.

  2. Andiamo a montare la panna ed uniamola al composto, con dei movimenti dal basso verso l’alto.
  3. Prendiamo degli stampi monoporzione e ritagliamo il pan di Spagna su misura, mettendolo negli stampini. Distribuiamo metà semifreddo sulla base del pan di Spagna
  4. Andiamo a mettere uno strato sottile di pistacchi tritati sullo strato di semifreddo e copriamo il tutto con il semifreddo rimanente.
  5. Andiamo a mettere in freezer per almeno due ore prima di servire.

Pistacchio di Bronte

Una varietà molto conosciuta è il pistacchio di Bronte, come abbiamo già detto. Si tratta di un paese in provincia di Catania, dove viene chiamato comunemente l’Oro Verde, per il suo grande valore commerciale. Sul territorio di Bronte si trovano tantissimi produttori di pistacchi. Il frutto viene spesso fatto asciugare grazie al produttore stesso, che poi decide di venderlo in guscio alle aziende che andranno ad esportarlo. Oltre l’80% del prodotto viene esportato all’estero, mentre il restante 20% rimane a disposizione dell’Italia. Si stima che questo frutto produca una ricchezza annuale di oltre venti milioni di euro.

Il Pistacchio di Bronte viene coltivato nell’omonima cittadina catanese, ma anche ad Adrano e Biancavilla, ad un’altitudine che va da un minimo di 400 metri sul livello del mare, fino ad un massimo di 900. Come molti sanno, dal 2009 ha ottenuto la Denominazione di Origine Protetta, da parte dell’Unione Europea. A Bronte e nelle zone limitrofe, vengono organizzate anche molte sagre del pistacchio, che servono a far conoscere ai turisti questo importante frutto. Come tutta la frutta secca, anche il pistacchio ha molte calorie.

Va consumato, quindi, con moderazione. Un etto di pistacchi apporta circa 600 calorie. E’, in ogni caso, ricchissimo di proprietà, tra cui quella di essere pieno di vitamina E, carotenoidi, vitamine del gruppo B, acido folico, rame, fosforo. E’ utile per la vista, così come per ridurre il diabete di tipo 2. Tengono a bada i livelli di colesterolo alto . Risultano essere un alimento molto completo e perfetto anche per chi ha problemi a livello cardiocircolatorio. In tal caso, però, è meglio preferire la versione non salata, per non far innalzare i livelli della pressione.

Migliori 3 prodotti

I pistacchi li ritroviamo in vendita un po’ ovunque. Nei supermercati li possiamo acquistare, ma anche nelle erboristerie e nei negozi alimentari in generale. E’ possibile, inoltre, comprarli anche sul web. Amazon mette a disposizione moltissimi articoli che possono fare al caso proprio, spesso andando anche a risparmiare molteplici somme di denaro. Vediamo, a tal proposito, quali sono i migliori tre prodotti.

  • Brontedolci, crema di pistacchio

Questa crema di pistacchio è marcato Brontedolci ed è una delle migliori che si trovano sul web. La possiamo acquistare ad un costo di circa 9 euro ed è formata da pistacchio per oltre il 40%. Il prodotto è di origine naturale, artigianale, perfetto per farcire dolci, cornetti, crepes e molto altro ancora.

  • Russo crema di pistacchio 500 ml

Russo mette in vendita, invece, un ottimo liquore al pistacchio in vendita su Amazon a circa 7 euro, per 500 ml di articolo. E’ alcolico ed è perfetto per essere bevuto per accompagnare i dolci, a fine pasto, come sostitutivo ad esempio di una crema di limoncello.

  • Pistacchio verde siciliano sgusciato

Tale prodotto è in vendita su Amazon ad un costo di 29 euro. Si tratta di ben 500 g di pistacchi verdi di origine siciliana. Sono ricchi di vitamina A, ma anche di B1, B2, B3, B5 e B6. Vi ritroviamo buone dosi di vitamina C, oltre al ferro, al fosforo, al manganese, al potassio e al magnesio. E’ perfetto per la preparazione di dolci, piatti, insalate e granite, ma anche per guarnizione di gelato.


Mirtillo

Prodotto differente è senza dubbio il mirtillo, uno dei più potenti frutti antiossidanti esistenti in natura. Si tratta di un arbusto comunissimo nei boschi e nei sentieri montani di tutta Italia. Esiste il mirtillo comune e quello rosso. Ha un fusto ramoso e foglie caduche, con fiori bianchi o leggermente rosati. Si usa come frutto, per consumarlo in succhi e marmellate. Ha tantissime buone proprietà. Contiene i tannini, gli zuccheri, molti sali minerali, vitamine del gruppo B, A e C. E’ utilissimo per la permeabilità dei capillari, va a rinforzare i vasi sanguigni ed è utile quindi contro i disturbi cardiocircolatori. E’ utilissimo in caso di diarrea, ma anche di cistite.

© Riproduzione riservata
Leggi anche