Notizie.it logo

Quanto può essere utile tenere sotto controllo la pressione sanguigna?

pressione

Per mantenersi in salute è fondamentale tenere sotto controllo la pressione sanguigna. In tal senso, effettuare regolarmente analisi del sangue a casa può aiutare a:

  • confermare la precisione delle misurazioni effettuate dal proprio medico
  • mostrare quanto stia funzionando la cura
  • mantenere la motivazione nel seguire il programma di cura.

Generalmente la pressione viene misurata dal medico, durante le visite di controllo, ma può essere utile anche comprare un macchinario apposito e effettuare delle misurazioni a casa tra una visita e l’altra. Vediamo perché.

Perché misurare la pressione a casa?

Molte persone si sentono agitate quando vanno dal dottore. Questo può influire sulla misurazione, facendola risultare più alta di quanto non sia realmente. Questa viene definita ipertensione “da camice bianco” e colpisce circa il 20% della popolazione che soffre di pressione alta. Si tratta solo di 1 persona su 5 – quindi non temere di avere questo problema solo perché avete la pressione alta. Nessuno vuole soffrire di ipertensione, e dato che non si può percepire, è facile affermare che la misurazione sia sbagliata.

Non si scherza con la pressione sanguigna. Puoi verificare se soffri di ipertensione da camice bianco monitorando la pressione a casa, tra una visita medica e l’altra.

Tenere sotto controllo la propria pressione può anche aiutare a sapere se la cura sta funzionando. Vedere che i vostri valori migliorano in modo regolare può aiutare a mantenere la motivazione nel continuare la cura farmacologica e a tenere uno stile di vita sano.

I valori di riferimento

Se effettuate questa misurazione a casa vostra, per tenere sotto controllo la pressione dovete assicurarvi che i valori indicati dal macchinario non superino:

  • 140 mm Hg per la massima (sistolica)
  • 90 mm Hg per la minima (diastolica).

Se i valori sono superiori a quelli indicati, si parla di ipertensione e dovete immediatamente rivolgervi al vostro medico di base per decidere la strategia da seguire. Ma nel frattempo potete già fare qualcosa per la vostra salute cardiovascolare, per esempio ridurre l’apporto di sale della vostra dieta.

Mangiare poco sale può ridurre la pressione?

Il sale da cucina, è associato ad un aumento della pressione sanguigna.

Se soffri di ipertensione, potresti essere più sensibile agli effetti del sale sulla tua dieta. Inoltre, potresti essere più sensibile al sale anche se sei un afroamericano, se sei anziano o se hai il diabete.

I benefici di mangiare meno sale

Ridurre il sale può avere i seguenti benefici:

  • Potresti evitare di prendere medicine per la pressione.
  • Se prendi già queste medicine, ridurre la quantità di sale può permetterti di ridurre la quantità di farmaci che prendi.
  • Se sei una donna, ridurre la quantità di sale può proteggerti da problemi alle ossa, come l’osteoporosi. Come? Perché i reni si libereranno dalla carenza di calcio. Alti livelli di calcio aiutano le ossa a mantenersi forti.
  • Se il cuore ha aumentato il suo volume a causa della pressione elevata, ridurre il sale può aiutare ad invertire una parte di questo ingrandimento.

Il primo passo per ridurne la quantità

Il sodio si può trovare nel cibo o nelle bevande. Quindi, ricorda di controllare le etichette. Gli esperti raccomandano di non assumere più di 2400 milligrammi di sodio o 6 grammi di sale, al giorno.

Questi equivalgono a poco più di un cucchiaino.

Un buon modo per ridurre il sale aggiunto ai cibi è quello di sostituirlo con le spezie e le erbe aromatiche. Queste, infatti, daranno sapore ai tuoi cibi (oltre ad apportare vantaggi legati ai micronutrienti che contengono) senza influire negativamente sulla pressione sanguigna. Ecco qualche consiglio:

  • Pepe
  • Aglio e cipolla
  • Curcuma
  • Curry
  • Noce moscata
  • Paprika
  • Salvia e rosmarino
  • Alloro
  • Origano
  • Prezzemolo.

Controllo della pressione sanguigna: analisi delle urine

Il test delle urine è un insieme di esami di laboratorio effettuati sulle urine. Il dottore potrà far eseguire questo test per essere sicuro che i reni stiano funzionando in modo corretto. L’analisi controlla la quantità di proteine, cellule del sangue, cristalli di ossalato e glucosio contenuti nell’urina. Analisi delle urine più specifiche possono essere eseguite se il dottore sospetta un’altro problema di salute o che una medicina stia causando un aumento della pressione sanguigna.

Come viene effettuato il test?

Prima di tutto, bisogna lavare bene l’uretra.

Si tratta del tubicino che trasporta l’urina fuori dal corpo. Questo evita la contaminazione del campione di urine. Inseguito, bisogna raccogliere il campione centrale di urina. Ciò significa che non si deve raccogliere l’urina appena esce e neanche quella finale. Quando si raccoglie l’urina dopo essersi lavati, prendendo quella centrale, si parla di raccolta pulita. Ecco i passaggi precisi da seguire:

  • Pulisci l’area che circonda l’apertura dell’uretra.
  • Inizia ad urinare nel vaso.
  • Raccogli il campione di urina in un contenitore pulito.
  • Finisci di urinare nel vaso.
  • Copri il contenitore e portalo al dottore.
  • Il dottore manderà il campione al laboratorio per l’analisi.
© Riproduzione riservata
Leggi anche
Reflex Diet Protein 2 kg
57.99 €
Compra ora
Prozis CoreHR - Smartband con cardiofrequenzimetro
24.99 €
Compra ora
Diadora Cyclette Cleo Rigenerata
89.95 €
189 € -52 %
Compra ora