Quadro generale sulla fecondazione in vitro

Quando si vuole mettere al mondo un figlio, ma non si riesce dopo vari tentativi, si può ricorrere alla fecondazione in vitro.

L’infertilità, definita come l’incapacità di rimanere incinta dopo un anno di rapporti sessuali non protetti, è un problema affrontato da quasi 6,1 milioni di americani – circa il 10% di uomini e donne in età riproduttiva. Poiché questo problema è così diffuso, abbondano i trattamenti di fertilità.

Le tecniche di procreazione assistita (ART) sono gruppo di trattamenti per la fertilità che coinvolgono sia lo sperma che l’ovulo. La fecondazione in vitro (FIV) è il tipo più comune di ART. Nella fecondazione in vitro, lo sperma fertilizza l’ovulo fuori dal corpo e i medici lo impiantano nell’utero della donna nella speranza di una gravidanza riuscita. Altre forme di ART comprendono l’iniezione intracitoplasmatica di sperma (ICSI), il trasferimento intratubarico di gameti (GIFT) e il trasferimento intratubarico di zigoti (ZIFT).

Advertisements

La fecondazione in vitro

La storia della FIV è relativamente breve. Louise Brown d’Inghilterra è stato il primo bambino nato con la fecondazione in vitro, nel 1978. Il bambino dopo, è nato più tardi in quello stesso anno in India. Presto, la gente iniziò a chiamare questi bambini “bambini in provetta”. Nel 1981 nacque il primo bambino americano in provetta e il numero ha continuato ad aumentare ogni anno. Secondo il Centers for Disease Control, più di 48.000 bambini sono nati nel 2003 attraverso l’ART – il 99% di questi con la FIV.

Le persone che stanno appena iniziando il processo di fertilità – se la donna non ha le tube di Falloppio gravemente danneggiate – di solito tentano altri trattamenti prima della fecondazione in vitro. A seconda della fonte del problema, le donne possono assumere antibiotici, farmaci per la fertilità o ormoni prescritti per aumentare le possibilità di gravidanza. La chirurgia potrebbe essere la risposta per le donne che soffrono di problemi strutturali nelle tube di Falloppio o nell’utero.

Per quanto riguarda la parte maschile, un’opzione è un farmaco che aumenta la produzione di sperma. Gli uomini possono anche assumere antibiotici e ormoni prescritti o provare alcuni cambiamenti nello stile di vita, come indossare biancheria intima più flessibile ed evitare docce calde e saune.

Se questi trattamenti non funzionano, l’inseminazione artificiale potrebbe essere il prossimo passo. In questa procedura, lo sperma (dell’uomo o proveniente da una banca del seme) viene raccolto e inserito manualmente nell’utero della donna o nelle tube di Falloppio.

Un’altra opzione precedente all’ART è l’inseminazione intrauterina, o IUI, in cui lo sperma viene inserito direttamente nell’utero della donna usando un catetere, che dà allo sperma una possibilità maggiore nella corsa all’ovulo.

Di solito, quando tutto il resto fallisce, le persone si rivolgono ai trattamenti ART e la maggior parte usa la FIV. È più probabile che le persone utilizzino la fecondazione in vitro quando vi è una bassa conta spermatica o le tube di Falloppio sono bloccate o danneggiate. Le donne che soffrono di endometriosi possono anche beneficiare del trattamento FIV.

Ora che hai un’idea generale riguardo la fecondazione in vitro, entriamo nello specifico. Nella prossima sezione, spiegheremo il processo di fertilizzazione.

Il processo in vitro

Il detto “niente che valga la pena avere, si ottiene facilmente” potrebbe riferirsi al processo di provare a concepire tramite fecondazione in vitro. Un ciclo di FIV richiede da quattro a sei settimane per essere completato e di solito costa circa 12.000 dollari. Alcune donne potrebbero dover sopportare più cicli prima di rimanere incinta. Infatti, negli Stati Uniti, le donne sotto i 35 anni hanno solo il 30-35% di possibilità di avere un bambino dopo un ciclo di fecondazione in vitro, con una probabilità che scende dal 20 al 25% nelle donne tra i 35 ei 40 anni. Donne oltre i 40 anni ha una probabilità del 6-10% di partorire per ciclo di trattamento.

Ci sono cinque fasi nel ciclo di trattamento della FIV.

  1. Stimolazione ovarica. Questo passaggio prevede l’uso di farmaci per l’ovulazione, o fertilità. Questi ormoni, presi in un periodo di otto a 14 giorni, stimolano le ovaie di una donna a produrre più ovuli per ciclo mestruale, invece che uno. Una fecondazione in vitro di successo richiede di solito la fecondazione di più ovuli – alcuni non possono essere fecondati o non riescono a svilupparsi normalmente dopo la fecondazione. Durante questo processo, il medico utilizzerà ecografie o gli esami del sangue per determinare quando gli ovuli sono pronti per il prelievo.
  2. Prelievo dell’ovulo. Una volta che gli ovuli sono considerati pronti per il prelievo, il medico esegue un’ecografica transvaginale con aspirazione. Questa è una procedura chirurgica semplice che utilizza una piccola quantità di anestesia, come un lieve sedativo. Una volta che l’ecografia localizza i follicoli maturi nell’ovaio, il medico inserisce un ago nei follicoli e rimuove gli ovuli con l’aspirazione. Se l’ecografia non riesce a trovare o accedere alle ovaie, i medici potrebbero dover eseguire un intervento di chirurgia laparoscopica. Questa tecnica – in cui i medici fanno una piccola incisione nell’addome e localizzano le ovaie con una minuscola lente in fibra ottica – è semplice e breve, ma richiede un’anestesia più forte.
  3. Dopo il prelievo, i medici esaminano gli ovuli e decidono quali di essi hanno il maggior potenziale per una gravidanza ben riuscita; mettono questi in un mezzo di coltura di FIV per attendere l’inseminazione. Nel frattempo, separano gli spermatozoi del padre dal suo seme. Gli spermatozoi più mobili (i “migliori nuotatori”) vengono quindi aggiunti agli ovuli nell’incubatore.
  4. Fecondazione e coltura dell’embrione. Di solito nel giro di poche ore, uno spermatozoo penetra in un ovulo e lo feconda. Il giorno seguente, i medici confermano la fecondazione se possono vedere due pronuclei. Questi pronuclei sono la base della formazione dell’embrione: si uniranno per formare il nucleo dello zigote, che si divide per diventare un embrione. Un embrione da due a quattro cellule, appare circa due giorni dopo la fecondazione. Il terzo giorno, si vede un embrione da sei a dieci cellule. Cinque giorni dopo la fecondazione, l’embrione può essere chiamato blastocisti, il che significa che ha formato una cavità fluida che provoca la formazione di tessuti fetali e placenta. Tuttavia, molti embrioni non vengono osservati così a lungo. Possono essere inseriti nell’utero già un dopo giorno e fino a sei giorni dopo la fecondazione. Nella maggior parte dei casi, vengono osservati per due o tre giorni per determinare se lo sviluppo è normale.
  5. Trasferimento di embrioni. Circa due o tre giorni dopo la fecondazione, l’embrione o gli embrioni vengono trasferiti nell’utero della donna. I medici li sospendono in una goccia di liquido e li trascinano in un catetere di trasferimento – un tubo lungo, sottile e flessibile che ha una siringa su un’estremità. Quindi guidano il catetere nella vagina, oltre la cervice e nell’utero. Il paziente viene incoraggiato a rimanere in una posizione di riposo per un’ora o due per prevenire qualsiasi stress sul corpo. Se l’embrione o gli embrioni si attaccano alla parete uterina, ne risulterà un test di gravidanza positivo.

Certo, con tutti questi passaggi qualcosa è destinata a correre rischi. Discuteremo i rischi più comuni di FIV nella prossima sezione.

Rischi della fecondazione in vitro

Le fasi della fecondazione in vitro hanno diversi rischi associati a loro. Durante la stimolazione ovarica, le donne possono sviluppare la sindrome da iperstimolazione ovarica (OHSS), che causa ovaie gonfie e dolorose. Quasi il 30% dei pazienti con FIV presenta almeno un caso lieve di OHSS. Solitamente i casi lievi possono essere trattati con farmaci antidolorifici da banco e una riduzione del livello di attività – l’OHSS generalmente si risolve da sola in assenza di gravidanza. Nei casi moderati, che sono meno comuni, le ovaie si gonfiano e il liquido si accumula nelle cavità addominali. I sintomi di OHSS moderato comprendono bruciore di stomaco, gas, nausea, vomito e perdita di appetito. Circa l’1-2% delle donne sottoposte a fecondazione in vitro sviluppano OHSS grave, che può richiedere il ricovero in ospedale e comporta un aumento di peso improvviso ed eccessivo, un forte dolore addominale con nausea o vomito e respiro affannoso.

Durante il recupero dell’ovulo, il rischio dipende dal processo di prelievo. L’ecografica transvaginale con aspirazione comporta un piccolo rischio di sanguinamento e infezione e, a volte, danni agli organi circostanti come l’intestino e la vescica. I rischi associati alla laparoscopia comprendono difficoltà respiratorie, infezioni al torace, reazioni allergiche ai farmaci e danni ai nervi – lo stesso che con qualsiasi intervento chirurgico in cui è richiesta l’anestesia.

Quando viene trasferito più di un embrione, c’è sempre il rischio di una gravidanza multipla. Una coppia non fertile può considerarla una buona notizia, ma la presenza di più di un embrione aumenta il rischio per gli embrioni e per la madre. Il più comune è il parto prematuro. I bambini potrebbero sviluppare complicazioni dopo la nascita o nascere troppo presto. Circa il 5% delle gravidanze della FIV sono ectopiche, il che significa che l’ovulo fecondato si sviluppa fuori dall’utero, di solito nelle tube di Falloppio. Questa complicazione, purtroppo, richiede la morte immediata del feto.

Altri tecniche di procreazione assistita

La fecondazione in vitro è solo uno delle tante tecniche di procreazione assistita (ART). Eccone altre:

Trasferimento intratubarico di gameti (GIFT)

Questo metodo è molto simile alla fecondazione in vitro, ma il processo di fertilizzazione avviene nelle tube di Falloppio della donna. I lati negativi sono che richiede la chirurgia laparoscopica e la fecondazione non può essere confermata visivamente come nella FIV. Le donne con tube di Falloppio danneggiate non possono usare questa procedura, quindi di solito procedono con la FIV. Il GIFT rappresenta circa il 2% di tutte le procedure ART negli Stati Uniti.

Trasferimento intratubarico di zigoti (ZIFT)

Le procedure ZIFT comprendono solo l’1% di tutti i casi di ART negli Stati Uniti. La fecondazione avviene in laboratorio e l’embrione viene trasferito nella tuba di Falloppio (non nell’utero) mediante laparoscopia.

Sebbene né GIFT né ZIFT abbiano lo stesso successo della fecondazione in vitro, possono essere la prima opzione per le donne che hanno provato altri metodi ma i cui problemi di infertilità non sono ancora considerati gravi. Le coppie possono provare GIFT e ZIFT dopo sei cicli di inseminazione intrauterina senza successo. Un vantaggio di GIFT è che l’embrione non è sviluppato in laboratorio. Questo elimina il dilemma morale di scegliere quanti embrioni trasferire e quanti distruggere. Ma ZIFT ha un tasso di successo più alto perché l’ovulo viene fecondato prima di essere inserito nella tuba di Falloppio.

Iniezione intracitoplasmatica di sperma (ICSI)

ICSI è un trattamento aggiuntivo utilizzato in più del 40% di tutte le procedure ART. L’uso di ICSI è indicato quando i tassi di fertilità sono previsti essere inferiori al normale, solitamente a causa di problemi con lo sperma. L’ICSI è una tecnica di micromanipolazione in cui i medici iniettano un singolo spermatozoo nell’ovulo per assicurarne la fecondazione.

Crioconservazione degli embrioni

Questo processo coinvolge il congelamento degli embrioni per l’uso futuro nella FIV. Gli embrioni congelati possono essere conservati per molti anni, il che consente alle coppie di saltare questi passaggi nei cicli futuri, risparmiando denaro e riducendo le procedure invasive.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Le cause e le cure migliori per il sangue dal naso

Depressione post-parto: cause, prevenzione e cura

Leggi anche
  • zanzara tigre rimedi puntureZanzara tigre: i rischi e le cure per proteggersi

    La zanzara tigre è una specie molto diffusa in Italia: conoscere i rischi e i rimedi contro le punture può migliorare la tua estate

  • occhi stanchi sollievoOcchi stanchi: quali rimedi naturali donano sollievo?

    Gli occhi stanchi sono un problema per le numerose persone che lavorano ogni giorno davanti al pc. Vediamo come donare sollievo agli occhi.

  • mangiarsi le unghiePerché mangiarsi le unghie è tanto pericoloso?

    Mangiarsi le unghie è un’abitudine molto pericolosa per diversi motivi. Vediamo perché è bene non cedere alla tentazione di tormentarsi le unghie.

  • Alimentazione e saluteOrtoressia: come individuare le cause, i sintomi e i rimedi adeguati

    L’Ortoressia comporta l’esigenza, da parte di un individuo, di mangiare in modo sano ma, talvolta, tale esigenza può rivelarsi eccessiva e maniacale.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.