Un taglio drastico e Buffon diventa il numero uno dei depressi

Numero 1 si intitola l'autobiografia del "portierone" d'Italia Gigi Buffon, che per la prima volta ha svelato di essere stato vittima di una grave depressione. "Era il 2004. Mi ripetevo ‘Ma cosa me ne frega di essere Buffon, ricco e famoso.

Tanto alla gente non importa come sto, ma solo come gioco'. Mi ha salvato una psicologa, ma senza la mia famiglia non ce l'avrei mai fatta".

Quando ho sentito questo stralcio di servizio mandato in onda nell'edizione delle 12.25 di StudioAperto, il tg di Italia1, mi è scappata una risata amara. "E sì – ho pensato – tra vip e persone normali anche la depressione è diversa. Da depressa io mi dicevo ‘Ma cosa me ne frega di vivere.

Tanto alla gente non importa come sto, ma solo quanto rendo in tutto ciò che faccio'".

Che la depressione grave di Buffon sia diversa dalla depressione grave di un comune mortale, che non è ricco e famoso e non gioca a calcio, ma ogni giorno deve dimostrare di essere bravo in qualunque cosa fa?
Voglio sperare di no, se non altro per tutti i depressi non ricchi e famosi. Il fatto è che un'affermazione come quella fa davvero male a chi ha avuto di questi problemi.

Non ho voluto pensare subito che Buffon fosse così irrispettoso e insensibile da pubblicare una simile sciocchezza nella sua autobiografia. Spacciare per "grave depressione" il pensiero che "non ti importa di essere ricco e famoso", quando ai veri gravi depressi non importa proprio di vivere. E quindi ho indagato. In effetti la notizia dell'uscita dell'autobiografia di Gigi Buffon in contemporanea con quella decisamente su altri toni di Antonio Cassano è stata data da tutti i principali quotidiani e la frase in questione viene sempre citata, ma non esattamente come l'ha riferita StudioAperto.

Lo stesso sito SportMediaset gli attribuisce la frase "Ma che cosa me ne frega di essere Gigi Buffon? Per la gente sei un idolo, ma nessuno che ti chieda come stai". E anche gli altri quotidiani online o cartacei danno tutti più o meno la stessa versione.

Insomma, il dramma vissuto da Buffon come l'ha presentato StudioAperto rischiava di sembrare il capriccio di un bimbo viziato che non può avere ancora più di quel che ha già e osa pure chiamare il suo dispiacere depressione. Ma se leggete l'intervista realizzata dalla Stampa al portierone d'Italia, vi renderete conto che il dolore di Buffon era reale e grave.
Un'esperienza dolorosa attraverso cui tanti stanno passando, raccontata anche per dimostrare che "non importa se sei ricco e famoso, la depressione può colpirti ugualmente", che "non sai quando arriva e perché", che "non sai quando esattamente se ne andrà, ma di certo se ne andrà, se ci si fa aiutare". Dagli amici dai familiari, ma soprattutto dagli esperti, figure che lo stesso Buffon ha dovuto rivalutare. "Pensavo fossero figure che rubassero, tra virgolette ovviamente, soldi agli insicuri. Invece sono persone che servono, perché se ne trovi uno bravo e capace, trovi una figura con la quale non hai paura a confrontarti. Parli di tutto, ti apri, senza il minimo timore: e farlo non è mai facile".

Cari amici di StudioAperto, vabbé che insieme all'autobiografia di Buffon avete presentato quella di Cassano, ricca solo delle sue solite Cassanate, ma la prossima volta occhio a come fate i tagli parlando di un problema serio, altrimenti anche la depressione rischia di diventare una cazzata!

Scrivi un commento

1000

Come sfruttare al meglio i week-end al mare

Bike Sharing: per spostarsi senza inquinare

Leggi anche
  • colloCome rilassare il collo con dei semplici esercizi

    I dolori muscolari al collo possono essere eliminati eseguendo ogni giorno dei semplici esercizi.

  • integratori per la palestra: quali scegliere e come assumerliÈ il caso di assumere integratori per la palestra?

    Se pratichi sport di fatica come bodybuilding o pesi, forse ti conviene valutare la possibilità di assumere integratori per ottimizzare i risultati.

  • rilassamento muscolare: esercizi e consigliMuscoli contratti: i migliori modi per scioglierli

    Durante l’arco della nostra vita ci capita spesso di sentire i muscoli contratti apparentemente senza motivo: ecco qualche pratico esercizio.

  • protocollo tabata: come funzionaProtocollo Tabata: tutto quello che devi sapere per allenarti

    Se ami tenerti in forma e vuoi migliorare le tue performance dovresti provare il protocollo Tabata come allenamento.

  • 
    Loading...
  • Mal di schiena: errori da evitare per restare in saluteMal di schiena: evita i 4 errori più comuni

    Troppo spesso commettiamo senza accorgercene errori che causano il mal di schiena. Impariamo a conoscerli per evitarli e restare in salute.

Entire Digital Publishing - Learn to read again.