Cause, sintomi e conseguenze di una carenza di vitamina B12

La carenza di vitamina B12 può essere scoperta attraverso le analisi del sangue e può essere curata correggendo l'alimentazione quotidiana

La carenza di vitamina B12 può essere dovuta a diversi fattori e ci sono alcuni segnali che aiutano a capire se si soffre di mancanza di cobalamina. Scopriamo quali sono.

Carenza di vitamina B12: il fabbisogno quotidiano

La vitamina B12 è conosciuta anche come vitamina dell’energia perché esercita un potere energizzante sull’organismo.

Inoltre, la sostanza è fondamentale per la sintesi dei globuli rossi da parte del midollo osseo, per la sintesi di DNA e per una normale funzione nervosa.

Una carenza di vitamina B12 è la causa primaria di una patologia chiamata anemia perniciosa e può causare una serie di disturbi come stanchezza cronica, diminuzione dell’energia e dispnea lieve.

Altri sintomi tipici della mancanza di vitamina B12 sono la scarsa concentrazione, scarsa memoria, deterioramento cognitivo e un rischio maggiore di sviluppare patologie come l’Alzheimer.

Ancora, altri sintomi della carenza di cobalamina possono essere dei formicolii ai piedi e alle mani.

Vitamina B12: le cause di una eventuale carenza

Per scoprire se vi è una carenza di vitamina B12 è sufficiente effettuare le analisi del sangue e poi consultare un medico che prescriverà la terapia più adatta.

Le cause di una carenza di cobalamina, infatti, possono essere diverse, sia psicofisiche che alimentari. L’assorbimento della vitamina, infatti, è spesso condizionato dall’uso di medicinali come antibiotici, pillola anticoncezionale e sonniferi.

Anche disfunzioni intestinali possono compromettere l’assorbimento della vitamina B12: quest’ultima, infatti, viene sintetizzata in minima parte dalla flora intestinale. Inoltre l’organismo è in grado di immagazzinarla solo in minime quantità, per poi rapidamente utilizzarle o eliminarle, perciò è necessario un approvvigionamento quotidiano attraverso l’alimentazione.

La carenza di vitamina B12 può essere causata anche da un malassorbimento dovuto a stress, infezioni batteriche e un consumo eccessivo di zucchero, caffè e alcol.

Carenza di vitamina B12: come rimediare con l’alimentazione

La carenza di vitamina B12 può essere curata anche correggendo l’alimentazione. Le principali fonti della vitamina sono di origine animale, come fegato, carne di manzo, uova, latte e derivati, pesce e formaggi stagionati. Ancora, la cobalamina è contenuta nel lievito nutrizionale e nei cereali integrali e non raffinati.

Scritto da Renata Tanda
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tisana alla camomilla e cumino: le proprietà benefiche

Quali sono gli integratori per aumentare il testosterone?

Leggi anche
  • Fibromialgia: cos'è e come si curaFibromialgia: di cosa si tratta e come si cura

    La fibromialgia è una condizione dolorosa molto diffusa che colpisce circa 1.5 – 2 milioni di Italiani, vediamo di cosa si tratta e come si cura.

  • Dolori articolari: come curarliCome curare i dolori articolari

    Le cause che stanno all’origine dei dolori articolari possono essere diverse, quindi la cura da seguire può essere diversa in relazione al singolo caso.

  • Resveratrolo: a cosa serve e cos'èResveratrolo: cos’è e a cosa serve

    Il resveratrolo dà importante supporto all’organismo, per questo occorre seguire una dieta con alimenti che lo contengano o assumere integratori specifici.

  • Difetti visivi: intervento laser PRKDifetti visivi: tutto quello che c’è da sapere sull’intervento laser PRK

    Uno dei trattamenti più utilizzati per correggere i difetti visivi è l’intervento laser PRK, vediamo cos’è e come si svolge l’operazione.

Contents.media